BlackBerry: “non è ancora il momento di passare ad Android”

John-Chen-BlackBerry

Nuovo trimestre, nuovo CEO. BlackBerry sembra sprofondare ogni giorno di più e Thorsten Heins è stato deposto dal ruolo di CEO, sostituito da John Chen, dopo che l’acquisizione da parte di Fairfax Financial non è andata a buon fine. Proprio Chen, spinto dai fan Android che sperano che BlackBerry passi al robottino verde, ha dichiarato che la compagnia è ad un punto di svolta nella sua storia, ma non deve compiere scelte affrettate.

Chen ha affermato che, dato il suo più che recente cambio di posizione, sarebbe decisamente inappropriato esprimersi ora circa la possibilità di una virata verso Android. Al momento è meglio concentrarsi sui prodotti già nella pipeline il cui lancio, dunque, è già in programma ed i cui progetti sono in stadio avanzato.

Qualunque sia la scelta giusta per il business, bisogna ricordare la ragione per cui BlackBerry c’è ancora. Penso che passare semplicemente ad Android senza pensare seriamente a perchè BlacBerry deve esserci e cosa ci rende rilevanti e così via, prima di rispondere a queste domande, andare da qualunque parte è inappropriato. Scoprirete che sono più posato da un punto di vista del marketing rispetto al dire semplicemente che si va in una direzione. Non sono quel tipo di persona. Ho timbrato il cartellino meno di 24 ore fa – penso che se facessi quelle affermazioni [sul passaggio ad Android, NdR] in maniera definitiva ora, qualcuno dovrebbe prendermi da parte e spararmi.

Sicuramente si tratta di una scelta importante, ma viene da chiedersi se, piuttosto che adottare un altro sistema, non convenga rendere BlackBerry 10 open source e imitare il modello Google concedendolo in licenza a terzi.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Antonino Conte

    Rendere BBX open source per meè una cosa che ti si ritorce contro: alla fine perchè prendere un BBX di RIM (vecchio nome) se lo puoi prendere di, per assurdo, Samsung o Nokia? A quel punto punto su di loro. In realtà è che far uscire BB10 a 699 euro con il primo terminale non è stata questa genialiata…

    Le scelte sono poche e ancor meno quelle che davvero aprono uno spiraglio di salvezza. Sia utilizzare un SO diverso che dare il proprio in licenza non sembra che possa servire ma, se dovessi proprio scegliere, direi che utilizzare Android potrebbe dare un po’ di fiato alla compagnia, magari avere il doppio boot su…

    … e sponsorizzare una batteria duratura e la possibilità, in qualsiasi momento, di poter utilizzare BB10.

    Immaginate: Android per lo svago e BB10 per il lavoro in un solo dispositivo che dura TOT ore da acceso (marketing ovviamente…)

  • land 110

    potrebbe lanciarsi con sistemi operativi alternativi ma efficaci sulla falsariga di tizen
    e manterrebbe la sua nicchia e aumenterebbe di sicuro quote

  • MaxArt

    Per Blackberry non mi sembra proprio il momento di fare mezze decisioni.
    Non è mai stato necessario per nessun produttore passare *completamente* ad Android, ma quantomeno a Blackberry converrebbe sperimentare il robottino e lanciare sul mercato qualche dispositivo. La forza per sviluppare un certo livello di personalizzazione ce l’hanno, visto che mandano avanti da soli un intero sistema operativo.

    L’alternativa è, appunto, rendere BBX open source. Se però continuano a stare fermi, spariscono del tutto.

Top