Recensione ASUS Zenfone 5

asus-zenfone-5

Gli ASUS Zenfone e la Zenfone UI sono stati mostrati al pubblico per la prima volta durante il CES di Las Vegas e, poi, al Mobile World Congress 2014 dove avevano saputo attrarre una particolare attenzione. La nuova interfaccia grafica anticipava inoltre, per certi versi, lo stile ricalcato in seguito dal Material Design e, quindi, è decisamente azzeccata – ma sarebbe stato molto meglio se fosse arrivata prima sul mercato insieme ai nuovi smartphone.

Sono passati più di 7 mesi dall’annuncio al lancio e noi sappiamo che un periodo così lungo in ambito tecnologico è un po’ come vedersi passare davanti un’era geologica. ASUS Zenfone 5 è il medio tra Zenfone 4 e Zenfone 6 (il numero indica i pollici del display) e, pur essendo arrivato solamente ora nelle vetrine, ci è parso decisamente un buon prodotto. Questa è l’impressione che ci accompagnerà nella nostra recensione.

Video recensione di Asus Zenfone 5

Hardware & Ergonomia

ASUS e Intel vanno ormai a braccetto da anni e anche questo nuovo Zenfone 5 è spinto da un processore dual-core Atom Z2560 a 1.6GHz con una GPU PowerVR SGX 544MP2, 2GB di memoria RAM e 16GB di memoria interna espandibile con microSD. Si tratta di un processore che fa bene il suo lavoro, non scalda eccessivamente e che offre un buon compromesso tra prestazioni e consumo energetico.

Il display presenta un pannello IPS da 5 pollici con risoluzione HD (1280×720), subito sopra al quale troviamo una fotocamera frontale da 2 megapixel che accompagna quella posteriore da 8 megapixel con flash LED.

Sul comparto connettività troviamo reti GSM, GPRS, HSPA+ ma, purtroppo, nessun supporto alla rete ultra-veloce LTE (4G). È presente poi il supporto a Wifi 802.11 a/b/g/n, Bluetooth 4.0, micro-USB e A-GPS. Non mancano i tipici sensori di luminosità, prossimità, giroscopio e accelerometro.

Purtroppo le dimensioni non sono particolarmente contenute: ASUS Zenfone 5 misura 148.2 x 72.8 x 10.3mm ed ha un peso complessivo di 145 grammi. Il telefono si presenta con un retro semi-gommato piacevole al tatto e utile per una buona impugnatura, leggermente più fastidiosi invece gli spigoli vivi ai lati e i bordi generosi attorno al display che ne aumentano le dimensioni.

Piacevoli invece i pulsanti fisici del volume e di accensione che presentano una leggera zigrinatura e sono posizionati entrambi a destra, a portata di pollice.
I tasti soft-touch invece potevano essere eliminati in favore di quelli software, sempre nell’ottica di contenere le dimensioni del dispositivo.

zenfone-5-fronte

Display, Audio e Multimedia

Come già detto, a bordo di ASUS Zenfone 5 troviamo un ampio display da 5 pollici LCD IPS con risoluzione HD (1280×720) che offre una buona visibilità ma che, purtroppo, soffre se guardato da certe angolature (estreme); per il resto il pannello si rivela di buona qualità e offre dei buon colori e dei neri nella media.

Dal punto di vista dell’audio abbiamo un altoparlante situato posteriormente di discreta fattura, con un buon volume e una qualità accettabile su un dispositivo di questa fascia. Inoltre essendo il retro curvo i fori non vengono mai coperti del tutto e se poggiato su una superficie liscia il suono riesce a fuoriuscire senza problemi.

L’esperienza multimediale è di conseguenza apprezzabile su questo smartphone, che non pretende di sostituire un top di gamma ma che offre comunque una qualità complessiva di buon livello.

zenfone-5-pulsanti

Fotocamera

Passiamo ora ad analizzare la fotocamera. Sull’ASUS Zenfone 5 è presente un sensore da 8 megapixel con flash LED e autofocus che scatta fotografie di discreta qualità.

ASUS non si era mai molto impegnata nel comparto fotografico con i precedenti smartphone, ma per questa nuova serie Zenfone ha voluto osare concretizzando le sue conoscenze nella tecnologia PixelMaster. Tale tecnologia permette di fare foto più definite e con maggior dettaglio anche se in presenza di pochissima luminosità. La differenza, a confronto con la concorrenza, si vede; la qualità delle foto nei restanti casi, tuttavia, non è eccellente e non fa gridare al miracolo.

Batteria & Autonomia

La batteria di ASUS Zenone 5 ha una capacità pari a 2110 mAh. Questo permette un utilizzo prolungato dello smartphone solamente se è attiva l’impostazione di risparmio energetico sulla voce Ottimizzato, altrimenti bisognerà collegare lo smartphone alla presa della corrente già verso ora di cena. Una durata dunque non particolarmente buona ma per fortuna ci vengono incontro le ottimizzazioni di Asus tramite le funzionalità di risparmio energetico.

Sono ben 3 i livelli di risparmio:

  • Risparmio energetico massimo: disconnette dalla rete il dispositivo quando è in standby;
  • Ottimizzato: migliora la durata della batteria limitando leggermente le prestazioni ma mantenendo le connessioni alla rete anche in standby;
  • Personalizzato: configurabile sotto molti punti di vista, come il grado di luminosità del display in base all’applicazione aperta e l’attivazione/disattivazione delle notifiche push.

In generale, la durata della batteria è comparabile con quella di dispositivi simili, ma ci si aspettava qualcosa di più quando non si usa il dispositivo in modalità di risparmio energetico.

zenfone-5-retro

Software

Il software di ASUS Zenfone 5 è la vera novità. Insieme a Zenfone 4 e a Zenfone 6 è il primo smartphone ad adottare la nuova interfaccia grafica ZenUI realizzata da alcuni dei creatori della Sense di HTC. Si nota subito come la qualità sia cambiata rispetto alla precedente interfaccia (quasi priva di personalizzazioni) di ASUS: abbiamo un aspetto estetico più gradevole, nuove funzionalità che migliorano l’esperienza d’uso e nuove applicazioni.

La prima cosa che si nota è che, come avviene in Material Design di Android 5.0 Lollipop, la barra delle notifiche cambia colore in base all’applicazione aperta. La tendina delle notifiche è bianca e blu, andando ancora una volta incontro al Material Design; ispirata alle ROM modificate è la possibilità di aprire i quick settings se si comincia lo swipe verso il basso dalla destra della barra delle notifiche.

Sempre dal mondo delle ROM modificate (e dei launcher personalizzati) provengono la possibilità di nascondere le app dal drawer e cambiare la dimensione della griglia delle applicazioni (ad esempio da 4×4 a 5×5). La scheda impostazioni è stata rivisitata graficamente, mentre a molte app sono state cambiate le icone.

Tra le app preinstallate troviamo la classica torcia, radio FM, gestione file, specchio, PC link (per condividere sul computer file multimediali o presentazioni), risparmio energetico, appunto rapido, meteo, what’s new (per scoprire le novità ludiche), share link (per condividere tra due smartphone file tramite wifi o rete), party link (molto simile a share link), splendid (per migliorare le foto), chat di Omlet.

Pur avendo come base Android 4.3, il sistema appare fin da subito reattivo e senza micro-lag; le animazioni scorrono senza problemi e la transizioni da una schermata all’altra sono veloci – insomma, da questo punto di vista non abbiamo notato nessun problema da segnalare.

zenfone-ui

In conclusione

ASUS Zenfone 5 viene proposto sul mercato a 199 euro. Non si tratta di un top di gamma e nemmeno ha la presunzione di esserlo ma, come molti prodotti ASUS, offre buone prestazioni ad un prezzo accessibile. Zenfone 5 rappresenta uno dei migliori compromessi tra qualità complessiva e prezzo aggressivo e non ci stupiremmo se vedesse una larga diffusione.

Miglior offerte sul web per Asus Zenfone 5:

VOTI

Ergonomia 7
Hardware 7.5
Materiali 7.5
Display 7.8
Fotocamera 7.3
Audio 7
Batteria 7.8
Software 8
Qualità/Prezzo 9
Esperienza utente 8
Voto Finale

7.7

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

Top