Google e Apple invitate dall’UE a regolamentare gli acquisti in-app

android-games

Rappresentanti di Google ed Apple si sono incontrati ieri con membri della Commissione Europa e di Consumer Protecion Cooperation per parlare di applicazioni: pare che le autorità del Vecchio Continente abbiano deciso di accendere i riflettori sulle procedure di acquisto in-app.

Sono diverse, infatti, le lamentele delle associazioni di consumatori di stati membri dell’UE relative a tale pratica sempre più diffusa tra programmi e giochi mobile, capace di trarre in inganno soprattutto gli utenti più giovani e causare notevoli esborsi di denaro.

Dietro l’utilizzo del termine “free”, infatti, gli sviluppatori spesso e volentieri nascondono la possibilità di effettuare acquisti all’interno delle proprie applicazioni per sbloccare funzionalità aggiuntive o nuovi livelli (quando si tratta di giochi).

Per evitare il verificarsi di casi spiacevoli, pertanto, la Commissione Europea sarebbe dell’idea di limitare l’utilizzo del termine “free” ai soli titoli che effettivamente non comportano il pagamento di somme di denaro oppure, in alternativa, studiare un metodo che impedisca agli utenti più piccoli di effettuare spese non desiderate.

Del resto, molte delle denunce che hanno dato il via all’indagine condotta dalle autorità comunitarie dipendono proprio da casi di ragazzi che, a causa di acquisti in-app, si sono trovati di fronte ad addebiti consistenti. Per la felicità dei loro genitori.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: Google e Apple invitate dall’UE a regolamentare gli acquisti in-app … | Manlio Mannozzi()

  • Jean Karlos

    La cosa che a me veramente fa incazzare di più e la possibilità di avere il backup delle app che acquisti, neanche se ho i permessi di root, cosa che prima potevo fare. Esempi?, avevo comprato app GO Weather EX Premium, passando da DHD a Nexus 5 mi dice di comprare nuovamente la versione Premium, contattati tre volte e nessuna risposta, naturalmente ho usato sempre lo stesso account google gmail anche su Nexus 5,…..come ho risolto il problema?, scaricato app in modo diciamo non ufficiale. Stessa cosa per app UNO + altre 2 che sono riuscito a farmi rimborsare, una tramite google. Mi chiedo se abbia diritto o no di avere um backup delle app che acquisto e dove nel caso reclamare, al momento non sono riuscito a risolvere, vedremo.

    • s789

      Ma sono acquisti in-app o acquisto di app?

      • Jean Karlos

        in-app, come o scritto la versione da scaricare e free e all’interno ti rimanda a comprare la versione premiun, UNO acquisto app e le altre due in-app, non succederebbe se evitassero gli acquisti in-app e con la possibilità di avere i tuoi sacrosanti backup delle app aquistate.

        • Alberto

          Apk..

  • ivn888

    xD del tipo ” per potenziare la tua arma ti servono 3 monete d’oro…” ovviamente le 3 monete d’oro vanno acquistate… oppure “compra l’unicorno magico…” alla cifra di 4 euro. XD XD XD ahahah Ma chi è che fa acquisti in-app? xd XD xd mitico. Ecco perchè nn installo i giochini “free”… free di cosa? xd XD xD comunque queste persone sono stupide. E poi cosa si denunciano? sono loro che premono “OK” e inseriscono i dati per acquistare questi contenuti. E sono stupidi i genitori di questi ragazzi piccoli che gli comprano lo smartphone o il tablet! La colpa non è dello sviluppatore…anche loro devono guadagnare dei soldini.

    • ezio gallo

      ma dici sul serio? secondo me non hai capit nulla..
      1) la questione è sull’uso della parola FREE
      2) sugli acquisti in-app che nel caso di giovanissimi che non capiscono che pagano cliccando su acquista e non perchè i genitori sono degli idioti che comprano uno smartphone perchè di per se ciò non ti consente di fare acquisti in-app ma serve una carta di credito associata all’account quindi è più plausibile che tali giochini siano sui terminali dei genitori che hanno account con carta e che ogni tanto lasciano giocare i propri figli..pensa prima di scrivere..

Top