Google dice no alla pirateria le applicazioni saranno controllate

Google metterà un freno alla pirateria delle applicazioni a pagamento, offrendo delle speciale API per far controllare le applicazioni installate sul dispositivo dell’utente. Infatti, su Android, non è affatto difficile installare applicazioni “crackate” sul proprio device e, mentre su iPhone bisogna agire col Jailbreak, su Android basta inserire il file .apk nella memoria SDcard ed avviarlo.

Ovviamente però se tutti invece di acquistare, scaricasssero illegalmente le applicazioni nessun sviluppatore riuscirebbe più a ricavarci qualcosa e in definitiva perderebbero la voglia di programmare per questo sistema operativo; a pensarci è quindi Google che ha riferito che metterà a disposizione delle speciali API per offrire allo sviluppatore la possibilità di far controllare via internet, una volta installata l’applicazione, la sua origine e se non è stata acuistata dal market verrà disinstallata.

Bisogna solo vedere se ora qualche hacker riuscirà a raggirare questo controllo, anche se sicuramente questo fatto scoraggerà molti utenti.

[Via]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: anderson new technology high school graduation 2010()

  • Giusto tutelare gli sviluppatori, senza contare che un paio di euro per un'app si possono spendere tranquillamente.

    Approvo la mossa di Google ma a quando un controllo anche sulle applicazioni del market, per evitare che nascondano trappole?

  • Certamente una soluzione che lo sviluppatore avrebbe potuto sperimentare autonomanete senza bisogno di api ufficiali.

    Speriamo Google non voglia copiare i melafonini. Un sistema come Android si distingue perchè comodo e gradevole ed al contempo "aperto" (con tutte le eccezioni del caso dovute sia a big G che ai costruttori). Se dovesse diventare un sistema bloccato, dove l'utente trova un binario fisso dal quale non può discostarsi, tanto vale comprare un iPhone, così ti levi anche il pensiero di stare al passo con i requisiti, no?

  • MaxArt

    Gli sviluppatori, a dire il vero, hanno un'alternativa: pubblicità all'interno dell'applicazione. Un piccolo banner in basso da Google Ad.

    Parecchie applicazioni sono disponibili nelle due versioni, basta fare un giro sul Market…

  • cigga33

    Tralasciando che ci sono già applicazioni che una volta scaricate nel telefono, scaricano il contenuto della app vera e propria… secondo me è una gran perdita di tempo.

    Un app, se è crackata lo è in modo tale da non comunicare con l'esterno e funzionare correttamente.

    Poi io sono uno di quelli che vuole le apps sul pc ed installarle quando gli pare senza passare per il market, è giusto tutelare gli sviluppatori però, è una marcia in più sicuramente.

  • Mirko

    Mah… ci si fa problemi a spendere 2 euro ??
    Cacchiarola, le monete si perdono nei pantaloni quando li posiamo sulla sedia la sera…

    MAHHH!!!!!

    • herny

      …e la moglie le raccoglie… :ehm:

Top