OPPO annuncia l’era della sua intelligenza artificiale e lo fa in grande stile col lancio europeo della nuova famiglia OPPO Reno 12 Series, due smartphone molto simili esteticamente, nelle specifiche e nelle funzionalità con una differenza di prezzo di circa 100 euro. Trovate i dettagli nel nostro articolo di ufficialità.

Dopo alcuni giorni di prova siamo pronti a raccontarvi il dispositivo di punta ovvero OPPO Reno 12 Pro.

Video recensione OPPO Reno12 Pro

Design, costruzione e display

Uno degli aspetti più curiosi di OPPO Reno 12 Pro è il suo design. La combinazione di una struttura in vetro con la Fluid Ripple Texture conferisce al telefono una sensazione tridimensionale, come se si trattasse di acqua increspata. Questo non solo rende il dispositivo esteticamente gradevole, ma gli conferisce anche un aspetto distintivo. Il frame laterale è in plastica, sottile e lucido, presenta ai fori superiori e inferiore per gli speaker, la porta USB Type-C, il carrellino della SIM, tasti di volume e accensione sul fianco destro, trasmettitore infrarossi e secondo microfono sulla parte superiore. Sembra ben costruito e ben realizzato, è dotato di una ceritificazione IP 65 quindi garantito contro polvere e schizzi d’acqua.

Frontalmente invece OPPO ha optato per un vetro certificato Corning® Gorilla® Glass 7i, garantendo una resistenza eccezionale contro urti e graffi. Il vetro è piacevolmente stondato lungo i quattro bordi, mentre il display sottostante leggerissimamente stondato a destra e sinistra, così poco che a un primo sguardo sembra trattarsi di un display piatto.

A proposito dello schermo, si tratta come spesso accade per la casa di uno dei punti di forza. Pannello OLED da 6,7 pollici, supporta una risoluzione elevata e un refresh rate di 120 Hz, offrendo immagini vivide e un’esperienza fluida durante l’uso quotidiano e il gaming. Non raggiunge livelli di luminosità elevatissimi come molti concorrenti ma 1200 nits sono comunque più che buoni anche all’aperto. È poi dotato di tecnologia Splash Touch che permette l’uso del display anche con mani bagnate andando a evitare interferenze col tocco.

L’aspetto multimediale è completato da un audio stereo offerto dallo speaker principale inferiore e della capsula auricolare superiore, che dispone anch’essa di una griglia dedicata sul bordo. Qualità buon ma non eccelle, così come il feedback di vibrazione, buono ma non lascia a bocca aperta.

Rapido e reattivo invece il sensore di impronte digitali per lo sblocco posizionato sotto al display.

Software e Funzionalità

OPPO Reno 12 Pro arriva sul mercato con Android 14 e l’interfaccia personalizzata ColorOS di OPPO. Questa combinazione offre un’esperienza utente intuitiva e fluida, con molte opzioni di personalizzazione. La principale novità di questo software è rappresentata dall’intelligenza artificiale che cerca di permeare il sistema operativo rendendosi utile in vari contesti.

Nella barra laterale, che ora diventa intelligente, AI Toolbox è particolarmente utile, permettendo di accedere rapidamente a funzioni come AI Write, AI Speak e AI Summary. Purtroppo queste sono al momento disponibili solo in inglese ma prossimamente supporteranno anche l’italiano.

Fra le funzioni AI che si può sperimentare da subito invece c’è AI Studio, che permette di creare avatar digitali o ritratti artistici a partire da una singola foto, sfruttando le capacità avanzate di AI generativa. Questa funzione aggiunge un elemento divertente e creativo all’esperienza utente ma ovviamente ha i suoi limiti. Ad esempio tende a snaturare molto il soggetto.

Nel registratore vocale invece c’è AI Recording Summary, utile per trascrivere e organizzare riassunti di testo da registrazioni vocali, rendendo il Reno 12 Pro un ottimo strumento per chi prende frequentemente appunti o lavora in mobilità.

Prestazioni e Hardware

OPPO Reno 12 Pro è mosso dal SoC MediaTek Dimensity 7300 Energy, sviluppato in collaborazione tra l’azienda americana e OPPO per ottimizzare l’efficienza energetica. Con una configurazione octa-core, questo processore combina quattro core ad alte prestazioni con quattro core per l’efficienza, assicurando un buon equilibrio tra potenza e durata della batteria.

Nell’uso quotidiano, il telefono si comporta bene, gestendo senza problemi applicazioni multiple e giochi leggeri. Tuttavia, potrebbe non essere il top per coloro che richiedono prestazioni elevate in applicazioni molto impegnative, qualche incertezza infatti è presente soprattutto nell’utilizzo veloce dello smartphone. Non manca però il Trinity Engine di ColorOS che aiuta a ottimizzare le risorse del sistema, migliorando la stabilità e riducendo il consumo energetico.

Fotocamere

Il comparto fotografico di OPPO Reno 12 Pro è composto da una fotocamera principale da 50 MP dotata di un sensore Sony LYT-600, che offre una messa a fuoco rapida e stabile grazie all’autofocus omnidirezionale a full-pixel e alla stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS). La qualità delle immagini è molto valida, con scatti nitidi e dettagliati, anche in condizioni di scarsa illuminazione.

La Telephoto Portrait Camera da 50MP con zoom ottico 2x è ideale per ritratti, permettendo di catturare immagini con un effetto bokeh naturale e professionale. La terza fotocamera invece è di tipo ultra grandangolare, da 8 megapixel, e logicamente anello debole, principalmente in condizioni di scarsa luminosità ambientale dove rumore d’immagine e poco dettaglio prendono il sopravvento.

La fotocamera frontale invece, anch’essa da 50MP, offre una qualità di livello per selfie e videochiamate, è supportata inoltre da effetti di ritocco AI che migliorano l’aspetto delle foto.

Anche in questo ambito OPPO ha messo un pizzico di AI: grazie alle funzionalità come AI Clear Face e AI Best Face, si occupa di migliorare ulteriormente l’esperienza fotografica andando a rendere più accattivanti i selfie e i volti inquadrati. La registrazione video 4K a 30 fps è disponibile su entrambe le fotocamere principali ma non sulla ultra-grandangolare che si ferma al 1080p.

Di seguito alcune immagini invece generate con AI Studio

Batteria e Autonomia

Con una batteria da 5000 mAh, OPPO Reno 12 Pro offre una lunga durata anche con un uso intenso. La tecnologia di ricarica rapida SUPERVOOC da 80W consente di passare da 0% a 49% di carica in soli 18 minuti, e di raggiungere il 100% in circa 45 minuti. Nell’utilizzo giornaliero classico riesce a coprire tranquillamente tra le 6 e le 7 ore di utilizzo attivo.

Prezzo e Conclusioni

OPPO Reno 12 Pro è disponibile al prezzo di 599€ ed arriva sul mercato in compagnia di un fratello più economico ovvero OPPO Reno 12 con un prezzo di 499€. Le principali differenze riguardano la fotocamera tele-obiettivo che manca, in favore di un sensore macro da 2 mpx, e di un taglio di memoria inferiore ovvero 256 GB anziché 512 GB, oltre al vetro a copertura del display leggermente stondato solo sui bordi destro e sinistro e con certificazione Gorilla Glass Victus anziché 7i.

OPPO Reno 12 Pro è disponibile in Italia a partire dal 18 giugno 2024 e per chi lo acquista entro il 21 giugno 2024, sfruttando la promozione Trade IN (dando indietro uno smartphone usato) riceverà uno sconto di 100€ (80€ per OPPO Reno 12).

Migliori Offerte - OPPO Reno 12 Pro

Altre offerte

Pro:

    • OPPO AI, una interessante dose di novità software;
    • Batteria a lunga durata e ricarica rapida;
    • Comparto fotografico completo, sia al posteriore che selfie.

Contro:

    • Prezzo elevato.

Voto finale:

7.5