Samsung Italia sanzionata dall’Antitrust per più di 3 milioni di euro

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sanziona Samsung Italia per “pratica commerciale ingannevole ed aggressiva“, accusandola di arrecare danni al consumatore, con una multa da più di 3 milioni di euro. Per un’Azienda come Samsung non si tratterà certo di cifre esorbitanti, ma vale comunque la pena capire dove la compagnia avrebbe agito in modo ingannevole.

Secondo l’Antitrust, queste pratiche di marketing ingannevoli da parte di Samsung sono da ricercarsi in alcune pubblicità di recenti promozioni e nella raccolta dati dei propri clienti. Il procedimento era stato concluso a gennaio, anche grazie all’intervento di Federconsumatori Palermo e Unione Nazionale Consumatori, incentrandosi su queste due pratiche.

Con la prima pratica, riguardante le operazioni promozionali scorrette, l’Antitrust ha individuato alcuni elementi di frode nei confronti del consumatore. In particolare, da alcune promozioni “non risultava evidente che, l’ottenimento del premio o del rimborso/sconto promesso non era immediatamente collegato all’acquisto del prodotto, come indicato nelle pubblicità“. Inoltre “le procedure adottate erano tali da ostacolare i consumatori nella richiesta e nell’ottenimento del premio/vantaggio promesso“, scoraggiando così l’utente finale a continuare nella richiesta del premio in questione.

Una seconda pratica invece, riguarda la raccolta dei dati personali dei propri clienti per finalità di marketing che Samsung ha effettuato fino allo scorso 15 agosto 2016. L’acquirente, dopo aver acquistato il prodotto, non poteva che accettare di fornire i propri dati personali a Samsung per poter accedere alla richiesta del premio promessogli registrandosi sulla piattaforma Samsung people. L’Antitrust ha affermato che Samsung non è stata chiara nell’indicare l’utilizzo dei dati raccolti, ai quali non ci si poteva opporre in alcun modo.

Samsung ha naturalmente contestato queste accuse e sta valutando se ricorrere al Tar per fare ricorso contro il provvedimento. L’Azienda coreana ha assicurato “di essersi sempre adoperata per una gestione corretta ed efficiente delle proprie iniziative promozionali, al fine di tutelare i propri consumatori”.

Nel frattempo la sanzione amministrativa dovuta alla prima pratica è di 2,125 milioni, mentre per la seconda si parla di 975mila euro, per un totale superiore ai 3 milioni di euro. Il Codacons non è d’accordo con il provvedimento, ritenendo che “una sanzione da 3 milioni di euro rappresenta, per un colosso come Samsung, poco più che un solletico“.

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Alfio Perego

    Non ho nessun problema miei dati li do a tutti, li hanno persino in Cina chissà mai che mi arriverà qualche dollaro

  • Bio’

    Che schifo.. Magari Samsung è stata multata per questo e lo sarà in futuro per altro, ma chissà gli altri brand cosa combinano..

    • Apocalysse

      La legge sulla privacy sul secondo punto è chiara: Il cliente accetta di fornire i dati per la finalità del servizio, se vuoi appioppargli pubblicità, rivendere dati o altro DEVONO essere scritte e sottoscritte appositamente e NON possono essere vincolanti al servizio.
      E’ una cosa che molti sottovalutano, ma è una grande cosa … Io nego sempre l’uso dei miei dati per fini diversi dal servizio ^^

Top