Il successore di Samsung Galaxy J1 svelato da GFXBench

Il successore di Samsung Galaxy J1 svelato da GFXBench
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/11\/GalaxyJ1.jpeg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/11\/GalaxyJ1-460x258.jpeg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/11\/GalaxyJ1-635x357.jpeg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/11\/GalaxyJ1.jpeg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/11\/GalaxyJ1.jpeg"}, "title": "Il successore di Samsung Galaxy J1 svelato da GFXBench" }

Dopo i dispositivi della gamma Galaxy A, Samsung si appresta a rinnovare anche la più economica linea Galaxy J, come testimonia l’FCC, l’ente federale statunitense preposto alla certificazione dei dispositivi mobili. È infatti appena stato certificato un dispositivo che reca come model number la sigla SM-J120F che dovrebbe essere il successore del modello Galaxy J1.

FCC ha comunicato inoltre di aver certificato anche la versione dual SIM che utilizza la sigla SM-J120F/DS. L’ente statunitense non ha però pubblicato specifiche tecniche ne immagini del nuovo dispositivo, rivelando semplicemente che avrà un display con diagonale da 4,5″, leggermente più grande quindi del modello attuale che dispone di un display da 4,3″.

Alcune informazioni maggiori sono trapelate grazie a GFXBench, la nota piattaforma di benchmark che ha snocciolato alcune delle possibili caratteristiche tecniche, che qualificano il presunto successore di Samsung Galaxy J1 come un dispositivo di fascia molto bassa.

SMJ120FOltre al display da 4,5″ con risoluzione 800×480, troviamo un SoC Exynos 3475 quad core a 1.3GHz, 1GB di RAM e 4GB di memoria interna. Molto economico anche il comparto fotografico, composto da un sensore posteriore da 5MP ed uno frontale da 2MP. Il sistema operativo sarà Android 5.1.1 Lollipop. Secondo alcuni rumor non confermati il prezzo di vendita del successore di Samsung Galaxy J1 dovrebbe aggirarsi intorno ai 100 dollari, il che non lo rende propriamente appetibile viste le tantissime alternative, alcune decisamente più interessanti, proposte da altri produttori.

Via