Qualcomm Snapdragon 810: pesanti cali di prestazioni dovuti al throttling termico

Ci siamo. Dopo mesi di conferme e smentite possiamo finalmente esprimere un giudizio definitivo sulla temperatura del SoC Qualcomm Snapdragon 810.

I primi test condotti su due dispositivi MDP (device di test prodotti dalla stessa Qualcomm) avevano evidenziato delle performance termiche piuttosto buone per il nuovo chip californiano (tanto da far pensare che lo Snapdragon 810 riuscisse a far meglio del fratello minore Snapdragon 801), tuttavia ulteriori prove svolte con il G Flex 2 – ovvero il primo smartphone in commercio ad utilizzare il SoC octa-core – hanno svelato i retroscena che permettono al processore di lavorare a temperature sostanzialmente basse.

Lo Snapdragon 810 ricorre sistematicamente al throttling termico ed riduce dinamicamente i cicli di clock e i voltaggi per fare in modo che la temperatura si mantenga bassa (e che non superi mai i 45 gradi). Tale aspetto era già venuto alla luce tramite i test sui device MDP ma grazie ai benchmark eseguiti con il G Flex 2 è stato possibile quantificare in termini di prestazioni l’ammontare del throttling.

David Ruddock ha eseguito per 9 volte consecutive la suite GeekBench ed ha annotato i risultati relativi al single core ed al multi core. Eccoli:

1. 1215 / 3683

2. 1112 / 3249

3. 895   / 2931

4. 672   / 2414

5. 692   / 2465

6. 675   / 2421

7. 663   / 2356

8. 617   / 2263

9. 558   / 2065

Dopo 9 prove le prestazioni in single core sono calate del 50% (!!) mentre quelle in multi core si sono ridotte del 35%. L’aumento della temperatura ha costretto il sistema a ricorrere al throttling e le performance sono crollate di conseguenza.

Per avere un termine di paragone abbiamo eseguito il medesimo test con un Samsung Galaxy S5 (Snapdragon 801) ed abbiamo ottenuto risultati completamente differenti:

1. 951 / 3098

2. 971 / 3093

3. 960 / 2995

4. 969 / 3101

5. 967 / 3054

6. 964 / 3055

Dopo sei prove (eseguite a distanza di un secondo l’una dall’altra) non si nota quasi alcune diminuzione dovuta al throttling. Non c’è che dire, sembra che Samsung abbia fatto bene a decidere di passare ai processori Exynos per il Galaxy S6.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: LG G Flex vs LG G Flex 2: confronto video - Tutto Android()

  • Lanza Dino

    E’ davvero strano, proprio poco fa ho letto una notizia dove affermavano che dopo vari test (20 minuti con Asphalt 8 e 350 minuti di video in UHD) l’810 stava sotto lo snapdragon 801 di oltre 5°.
    A questo punto non so più cosa pensare…

    • Natale Giuliano Mainieri

      Infatti qua si parla di performance non di temperatura…

      • Lanza Dino

        A dire il vero si parla di temperature (che poi portano a un calo prestazionale)… anche il titolo lo evince…

        • Fab

          Veramente il succo dell’articolo è: per non far aumentare le temperature (perciò sì, in mano scalda meno che i predecessori) usa il throttling cioè riduce le prestazioni (in modo scandaloso, a mio avviso). Se non usasse questo sistema friggirebbe in mano… Mi sa che stavolta Samsung aveva proprio ragion da vendere…

        • Natale Giuliano Mainieri

          Ecco, @disqus_IR5R8Wfobq:disqus ha riassunto perfettamente quello che intendevo.
          Nessuno ha mai detto che il processore raggiunge temperature più alte, ma che per non raggiungerle viene tagliata la potenza.
          Quindi, i due test che stai paragonando possono tranquillamente coesistere.
          Esempio:
          801 dopo 20 minuti di asphalt: 50 gradi, prestazioni ridotte del 10%
          810 dopo 20 minuti di asphalt: 45 gradi, prestazioni ridotte del 50%

          non vedo cosa ci sia di strano nella coesistenza dei test…

  • Riccardo Ravaioli

    Beh può anche essere che LG abbia castrato ben bene il SoC per scongiurare surriscaldamenti.. Non è nuova a misure un po troppo drastiche e all’armistiche. Il mio vecchio Optimus G a temperature tutt’altro che elevate tagliava sia sulle prestazioni della GPU/CPU che addirittura sulla luminosità delle schermo. Meno male che con qualche smanettamento si poteva modificare questi parametri cosi pessimisti.

  • Tom Golino

    Qualcuno ha fatto questo tipo di test sul 801 di LG g3? Ne sapete qualcosa?

  • drumbo

    e quindi anche M9 ne sarà colpito?

  • Luca Visentin

    Da quello che so il throttling si può disattivare e ciò, che accadeva anche su G2, non ha mai dato problemi di surriscaldamento e tanto meno di prestazioni. Dato che è stato messo solo su G Flex 2 per ora proviamo ad aspettare e vediamo. Effettivamente LG lo attiva a temperature troppo basse, sarebbe da mettere a 70 gradi o poco meno!

    • Disattivare il throttling? Vuoi che prenda fuoco il telefono o ti basta solo che si bruci il processore? Le temperature non si riferiscono direttamente alla CPU ma al retro del telefono.

      • Luca Visentin

        45 gradi ti sembrano una temperatura giusta per abbassarla già? Io su G2 ho provato a disattivarlo e non ho problemi da 1 anno…anzi! Va meglio del previsto e basta stare attenti quando inizia a scaldarsi! Non so rovina nulla, tranquillo! Prima che la CPU si bruci il telefono va in protezione e chiude tutte le applicazioni

        • Come ho scritto sopra la temperatura viene misurata sulla back cover, non direttamente sul processore. Secondo me è semplicemente una pazzia disattivare il throttling ma ognuno poi fa come vuole. Disattivandolo rischi di bruciare tutto per qualche errore stupido. Tu dici che basta stare attenti ma se capita che un processo in background (magari non attivato volontariamente) inizia a farlo scaldare mentre non lo stai controllando?

          • Luca Visentin

            Lo poggio sempre su una superficie fredda ed areata, il meno possibile in tasca o sul letto…con pochi accorgimenti ci si leva questo problema di torno!

  • Stranger

    Di conseguenza, chi è ferrato in materia, mi potrebbe spiegare cosa comporta tutto ciò nell’utilizzo quotidiano?
    Lag, impuntamenti e situazioni simili che comprometteranno pesantemente l’esperienza d’uso?
    Un calo delle prestazioni del 50% mi sembra un dato molto rilevante.

    • matteo maranzana

      Questo problema lo avrà soltanto chi usa il telefono per giocare. Nell’uso quotidiano il surriscaldamento non si presenta e di conseguenza il calo di prestazioni sarà impercettibile

      • Questo non puoi saperlo. Uso quotidiano si intende anche l’acquisizione di video, e mentre si registrano video il telefono scalda eccome.

        • Luca Visentin

          45 gradi ti sembrano una temperatura giusta per abbassarla già? Io su G2 ho provato a disattivarlo e non ho problemi da 1 anno…anzi! Va meglio del previsto e basta stare attenti quando inizia a scaldarsi! Non so rovina nulla, tranquillo!

          • Come ho scritto sopra la temperatura viene misurata sulla back cover, non direttamente sul processore. Secondo me è semplicemente una pazzia disattivare il throttling ma ognuno poi fa come vuole. Disattivandolo rischi di bruciare tutto per qualche errore stupido. Tu dici che basta stare attenti ma se capita che un processo in background (magari non attivato volontariamente) inizia a farlo scaldare mentre non lo stai controllando?

          • Francesco Matrone

            guarda che si possono diisattivare i processi in background tramite le opzioni sviluppatore e fare n modo che non si attivi nessun processo in background
            e cosi non si hanno problemi a tenere il throttling disattivato

          • Se sai come funziona Android sai che stai dicendo una fesseria

          • Fifagi

            Considerando che la temperatura, i 45° di cui parli, sono riferiti alla temperatura di BACKCOVER (quindi non quella interna, sicuramente molto più alta), per me si, è una temperatura giusta…al massimo da portare a 48/50, non di più…

  • Marco Dotti

    Ecco cosa succede a fare SoC troppo potenti che il calore che producono non può essere smaltito

  • Et voilá, come volevasi dimostrare. Il throttling interviene prima di quanto facessero sui predecessori ed effettivamente i problemi ci sono. Il GPad te lo fa capire proprio quando attiva il throttling

    • è colpa di lg non di qualcomm se il kernel attiva il throttling troppo presto. Il kernel lo fa lg e se lg vuole mantenere temperature troppo basse ciò è inevitabile

      • Credi che 70°C siano basse? Sul GPad hanno optato per una temperatura simile perchè zu GFlex hanno scelto di tagliare prima?

        • veramente ho visto su altri siti che il massimo che si raggiunge sono 35-40..

          parlo de gflex2.. del motivo per cui abbiano abbassato la soglia non saprei..

          • Appunto, se su GPad hanno deciso di attivarlo a 70°C mi viene difficile credere che su Snap810 abbiano deciso una differenza così marcata da arrivare a 35-40°C. Poi naturalmente possono essere congetture ma è abbastanza da sospettare. Difatti, test ripetuti mostrano una diminuizione graduale delle prestazioni e pertanto probabilmente un andatura graduale del throttling. Forse perché il processore tende a salire velocemente di temperatura e procedendo per gradi si contiene di più la cascata termica……

  • Luciano Faretra

    Che dire complimenti a gli ingegneri LG

    • Alessandro Pellizzari

      L’unica colpa di LG è stata, IMHO, quella di cercare di accontentare i suoi clienti.

      Da mesi la gente chiede l’810, e loro gliel’hanno dato per primi.

      Quando sono emersi problemi, si sono anche lamentati con Qualcomm per come stava gestendo “l’affare 810”.

      Quando sei il primo a proporre qualcosa, questo è il rischio. Se fosse andata bene (prestazioni 20-30% superiori, come da primo test) sarebbero stati osannati. Gli è andata male e ora devono cercare di uscirne.

      Detto questo, secondo me stiamo un po’ esagerando: telefoni sempre più sottili (quindi meno dissipazione del calore), naturalmente tenuti in mano (quindi ancora meno dissipazione del calore, indipendentemente dal materiale), con CPU e GPU sempre più potenti (che quindi scaldano di più) che devono gestire schermi a risoluzioni inutili (oltre il FullHD non servono a niente, ma la GPU deve gestirli, quindi fare il doppio o il quadruplo del lavoro) e foto/videocamere esagerate (registrare in 4K richiede almeno il quadruplo della potenza di registrare in FullHD…)

      E, quando hai la potenza, se sviluppi un gioco o un’applicazione che deve fare calcoli, cerchi di usarla tutta. Non puoi sapere mentre sviluppi che la CPU si surriscalderà, se tutte le precedente non avevano problemi.

      Prima o poi il limite si doveva raggiungere. L’abbiamo raggiunto.
      Ora o si mettono ventole nel telefoni o si aspetta che l’architettura scali ancora in basso o si fanno telefoni più spessi e/o con caratteristiche tecniche più sensate.

      • G.Crisci

        “Il nuovo processore Exynos 7420; questo chip, costruito con un processo a 14 nm – contro i 20 nm della concorrenza – permetterebbe risparmi, in termini di energia, quantificabili in circa il 30-35%.”

Top