Si avvicina l’accordo sul roaming europeo tra gli Stati Membri

Si avvicina l’accordo sul roaming europeo tra gli Stati Membri
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/fine-roaming-europa.png","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/fine-roaming-europa-460x259.png","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/fine-roaming-europa-635x357.png","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/fine-roaming-europa.png","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/fine-roaming-europa.png"}, "title": "Si avvicina l’accordo sul roaming europeo tra gli Stati Membri" }

Il roaming europeo è sempre più vicino. Il 15 giugno 2017 è la data in cui cesseranno di esistere i costi aggiuntivi per il roaming, che penalizza turisti e viaggiatori in genere. Alla definizione dell’accordo tra Parlamento Europeo e Stati Membri manca solo la quantificazione delle tariffe all’ingrosso, che devono essere negoziate dagli operatori telefonici per l’utilizzo delle infrastrutture estere.

I maggiori ostacoli arrivano dagli operatori dei paesi turistici, che negli anni hanno enormemente beneficiato delle tariffe extra applicate ai visitatori stranieri e che si sentono penalizzati dalle nuove normative sul roaming europeo.

L’accordo dovrebbe essere comunque raggiunto molto presto, entro due o tre settimane, secondo quanto riferisce una fonte comunitaria. Il Consiglio europeo aveva approvato in autunno un compromesso per imporre dei tetti alle tariffe all’ingrosso, con prezzi che dovrebbero scendere gradualmente fino ad arrivare a 0,5 centesimi per MB di traffico, 3,53 centesimo al minuto per le chiamate e un centesimo a SMS.

Vi terremo informati sull’evoluzione della situazione per cui continuate a seguirci per rimanere informati.

Fonte: Corrierecomunicazioni