HTC ammette di aver comprato S3 unicamente per i brevetti

HTC ammette di aver comprato S3 unicamente per i brevetti
{ "img": {"small":false,"medium":false,"large":false,"full":false,"retina":false}, "title": "HTC ammette di aver comprato S3 unicamente per i brevetti" }

HTC ha annunciato qualche giorno fa di aver acquisito S3 Graphics da VIA, senza fornire ulteriori dettagli. Le speculazioni sono andate in maniera quasi unanime verso l’ipotesi dello sfruttamento del know-how di S3 nelle GPU a bassi consumi per l’utilizzo delle stesse in smartphone e tablet. Purtroppo, non è questo il caso. HTC ha infatti annunciato che ha acquistato S3 unicamente per i brevetti, per combattere i cosiddetti patent trolls – ovvero quelle compagnie che cercano in ogni modo di trarre profitto da brevetti generici e senza senso, come ad esempio il famoso termine “app store” di Apple.

HTC si aspetta di far rientrare l’investimento in due o tre anni, anche facendo leva su Apple che ha perso una causa contro S3 per l’infrazione di brevetti specifici sulle GPU. I brevetti acquistati con la compagnia sono 235, che HTC pianifica di utilizzare “aggressivamente”. Winston Yung di HTC ha dichiarato quanto segue:

“In patent negotiations, it is difficult if the other company has patents and you don’t. If you have patents too, perhaps you can arrive at a cross-licensing agreement … We’re not talking about five years before we will see financial benefits and returns, we’re talking about using these patents to start generating revenue now”

Tradotto: “Nelle negoziazioni sui brevetti, è difficile [trattare] se l’altra compagnia ha dei brevetti e tu no. Se anche tu hai dei brevetti, magari puoi arrivare ad un accordo di scambio di licenze… Non stiamo parlando di cinque anni prima di vedere vantaggi finanziari e rientri, stiamo parlando di usare questi brevetti per generare profitto ora.”

Posizione quantomeno contestabile, che può essere comprensibile ma che mette – a parer mio – HTC non in buona luce. Nel caso in cui le licenze siano utilizzate per combattere solamente i patent trolls, tuttavia, l’iniziativa potrebbe essere vista in una luce abbastanza positiva. Anche se, a dirla tutta, è difficile combattere il fuoco col fuoco

[Via SlashGear.com]