Alcuni utenti di Google Maps hanno recentemente riscontrato negli scorsi giorni la comparsa casuale di annunci pubblicitari pop-up durante la guida, similmente a quanto riscontrato in passato all’interno dell’app di Waze. Tra le numerose segnalazioni figura il nome di Anthony Highman, uno degli utenti che ha fatto esperienza di questo spiacevole accaduto, pubblicando alcune schermate dell’app di Google incriminata sul social network X.

Annunci pop-up in app: arriva la smentita di Google

L’utente avrebbe infatti assistito alla comparsa casuale di un annuncio pop-up di Royal Farms (una catena di distributori di benzina) in corrispondenza della parte inferiore del display. La presentazione dell’annuncio, stando alla ricostruzione dell’utente, non avrebbe nessuna correlazione con la propria cronologia di ricerca. Tale situazione ha ovviamente generato non poche polemiche, risultando assolutamente pericolosa per una guida sicura ed esente da distrazioni di alcun tipo da parte degli utenti, soprattutto quelli meno esperti.
Google Maps

Fortunatamente nel corso delle ultime ore Google ha smentito la presenza futura di pubblicità invasive all’interno dell’app di Google Maps. Durante un’intervista rilasciata al celebre portale 9to5Google, infatti, la compagnia ha dichiarato che si tratterebbe in realtà delle Promoted Pins: parliamo in questo caso di piccoli annunci mirati non invadenti che compaiono per pochi secondi a schermo, riguardanti prossime stazioni di servizio, negozi, attività di ristorazione e altro ancora.

La presenza delle Promoted Pins non altera quindi in nessun modo la visualizzazione della mappa satellitare e del percorso stabilito di guida per l’utente che ne fa uso. Non si tratterebbe in nessun caso di pubblicità che occupano porzioni significative dello schermo, compromettendo la sicurezza della guida in generale.

Non ci resta a questo punto che attendere ulteriori aggiornamenti da parte di Google, che siamo certi non tarderanno ad arrivare nel corso delle prossime settimane o mesi a venire.