Fino a questo momento Google ha scelto di affidare a Samsung la produzione dei suoi processori, ossia i chip Tensor, utlizzati sui più recenti dispositivi della serie Google Pixel.

Questa soluzione ha consentito al colosso di Mountain View di sviluppare i suoi processori in molto meno tempo e con meno ingegneri ma, allo stesso tempo, ha imposto a Google di sottostare alle limitazioni dettate dalle tecnologie di Samsung.

E sebbene il colosso coreano sia in grado di garantire processori di grande qualità, ci sono due aspetti su cui negli ultimi tempi non riesce a competere adeguatamente con la principale rivale, ossia TSMC: ci riferiamo alla gestione del calore e all’efficienza.

Google Tensor G5 potrebbe rappresentare una rivoluzione

Google Tensor G4, il processore che sarà usato sulla serie Google Pixel 9, sarà realizzato da Samsung ma l’anno successivo, quando si tratterà di produrre Google Tensor G5, l’incarico dovrebbe essere affidato a TSMC.

Ebbene sì, la serie Google Pixel 10 potrebbe rappresentare per il colosso di Mountain View una svolta epocale, almeno ciò è quanto sostiene lo staff di Android Authority sulla base di alcuni indizi scovati nei database commerciali disponibili pubblicamente.

Google Tensor G5

Google Tensor G5, nome in codice Laguna o LGA, potrebbe vantare anche 16 GB di RAM e ciò sembra una sorta di conferma alle indiscrezioni secondo cui tale caratteristica sarà una delle novità introdotte dal colosso di Mountain View con Google Pixel 9 Pro e che con la generazione successiva dovrebbe quindi divenire il nuovo quantitativo standard.

E così, quando mancano ancora diversi mesi al lancio della serie Google Pixel 9, parte delle attenzioni di appassionati di tecnologia e addetti ai lavori sono già rivolte alla generazione successiva: il primo processore di Google realizzato da TSMC, infatti, potrebbe portare con sé una vera e propria rivoluzione sia in termini di prestazioni che di funzionalità IA. Staremo a vedere.