Nell’era digitale in cui viviamo la protezione della privacy è diventata una priorità indiscutibile. Le aziende di tutto il mondo, incluso il gigante tecnologico Google, si impegnano costantemente a garantire il rispetto e la sicurezza dei dati personali dei propri utenti. In questo panorama spicca Proton, un’azienda svizzera che negli ultimi anni ha saputo costruire la sua reputazione sulla sicurezza dei suoi servizi, tra cui Proton Mail, VPN, Drive e Calendar (dallo scorso anno unificate sotto un unico prodotto).

Per attirare un numero sempre maggiore di utenti, l’azienda ha recentemente introdotto un nuovo piano famiglia per competere con le offerte all-in-one dei suoi diretti concorrenti. Vediamo cosa offre e quali sono i prezzi di questa nuova proposta.

Un piano famiglia per tutti i servizi Proton

Fino a oggi l’accesso completo a tutti i servizi Proton richiedeva un pagamento periodico per ogni singolo utente. Ma l’azienda ha da poco lanciato un nuovo abbonamento pensato per le famiglie, che permette di usufruire di tutti i suoi servizi a un prezzo più conveniente. Il piano Proton Family si presenta come un’alternativa simile a Google One, offrendo la possibilità di condividere lo spazio di archiviazione cloud con i membri della famiglia.

Questo nuovo piano di Proton consente a un massimo di sei membri della stessa famiglia di usufruire di tutti i vantaggi dell’abbonamento ai prodotti Proton. Tra questi vantaggi vi sono ben 3 TB di spazio di archiviazione condiviso su Proton Drive e accesso illimitato a tutti i servizi Proton, inclusa la versione beta di Proton Pass, un gestore di password simile ai più famosi 1Password, LastPass e Bitwarden.

Sicurezza, privacy e convenienza con il piano Proton Family

L’offerta non si limita solo a questo. Il piano include anche un bonus annuale di 20 GB di spazio di archiviazione cloud, oltre all’accesso automatico e completo alle versioni a pagamento di qualsiasi nuovo servizio Proton lanciato in futuro.

Proton presenta il suo nuovo piano come un’alternativa valida rispetto a quelle offerte dalle grandi aziende tecnologiche, con il valore aggiunto della crittografia end-to-end per tutti i suoi servizi. Questa caratteristica potrebbe risultare particolarmente utile per le famiglie in cui non tutti i membri sono pienamente consapevoli dei rischi che si corrono online.

Al riguardo, David Dudok de Wit, product lead di Proton, ha dichiarato:

Il piano Proton Family ci avvicina alla nostra missione di rendere la privacy l’opzione predefinita per tutti.

Proton ha recentemente introdotto una nuova funzionalità di inoltro automatico per Gmail, rendendo più semplice per gli utenti sperimentare i vantaggi di Proton Mail senza doversi impegnare completamente fin da subito. Inoltre, i clienti già abbonati al livello Visionary (un piano legacy per gli early adopter non più disponibile all’acquisto) hanno la possibilità di aggiungere membri della famiglia al loro piano, offrendo loro gli stessi vantaggi appena descritti.

Il passaggio a Proton dovrebbe risultare semplice e immediato, grazie allo strumento di migrazione intuitivo disponibile per coloro che desiderano passare da un altro provider di servizi.

Quanto costa il nuovo piano Proton Family

Per quanto riguarda i costi, il piano Proton Family offre diverse opzioni. Il piano base parte da 20 dollari al mese, con un pagamento anticipato di 480 dollari per un periodo di due anni. È inoltre disponibile un’opzione annuale al costo di 288 dollari (24 dollari al mese) e un’opzione più flessibile al costo di 30 dollari al mese. Se confrontato con l’offerta Proton Unlimited, che costa 12 dollari al mese per 500 GB, il nuovo piano risulta decisamente conveniente, anche se condiviso solo con altre due persone.

L’app mette a disposizione uno spazio di archiviazione gratuito di 1 GB senza pubblicità, senza raccolta di dati e senza vincoli, con la possibilità di abbonarsi ai piani con più spazio per l’archiviazione. Per maggiori informazioni sull’offerta e sui prezzi potete consultare la pagina dedicata a questo indirizzo.

Potrebbe interessarti anche: Google Bard si rinnova: ora è in grado di rispondere anche con le immagini