WhatsApp non smette di lavorare per implementare nuove funzionalità che possano arricchire l’esperienza dell’utente all’interno dell’app. Spesso queste novità riguardano funzioni di minore entità che, se prese singolarmente, potrebbero sembrare irrilevanti. Tuttavia, riteniamo che l’integrazione di tutte queste piccole migliorie contribuisca a offrire un’esperienza utente sempre più completa e soddisfacente. Ad aggiungersi al pacchetto di funzionalità rilasciate nel canale beta dell’app c’è una novità che va a perfezionare la visualizzazione delle chiamate perse. In questo articolo vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e come è possibile ottenerla sui propri dispositivi.

Le novità della versione 2.23.10.4 di WhatsApp Beta per Android

L’ultimo aggiornamento che porta la versione beta di di WhatsApp per Android alla 2.23.10.4, e disponibile sul Google Play Store, porta con sé un cambiamento significativo nella scheda delle chiamate dell’applicazione. Più precisamente, il nome del contatto (o il numero di telefono, nel caso in cui la chiamata provenga da un contatto non salvato in rubrica) viene ora evidenziato in rosso all’interno della suddetta scheda nel caso in cui si tratti di una chiamata persa.

Questo nuovo dettaglio visivo, introdotto nell’interfaccia utente di WhatsApp, rende più immediato e intuitivo individuare le chiamate non risposte, permettendo così agli utenti di non dover prestare particolare attenzione quando cercano tra le chiamate ricevute e effettuate per scovare quelle perse. Ad aggiungersi a ciò, l’evidenziazione in rosso si distingue chiaramente dal resto delle informazioni presenti nella scheda delle chiamate, come la durata delle chiamate e la data e l’ora in cui sono state effettuate, rendendo ancora più rapido il processo di riconoscimento delle chiamate mancate.

WhatsApp Beta Android modifica colore chiamate perse

Come è possibile osservare dallo screenshot qui sopra, il nuovo aggiornamento mette in risalto i nomi delle chiamate perse con un colore rosso (prima erano del classico colore bianco), facilitando così una rapida individuazione delle chiamate non risposte. Questa piccola funzione è già presente su WhatsApp per iOS da diverso tempo e l’aggiunta nella versione Android mira a uniformare le due piattaforme, continuando un processo avviato già da qualche mese e che interessa tutte le piattaforme.

Questa nuova funzionalità offre numerosi vantaggi agli utenti di WhatsApp. In primo luogo consente di individuare in modo rapido ed efficiente le chiamate perse, facilitando il monitoraggio delle comunicazioni mancate con i contatti più importanti o urgenti. Grazie all’evidenziazione in rosso è possibile avere una percezione immediata di quali chiamate non risposte necessitano dell’attenzione dell’utente. In secondo luogo l’introduzione del colore rosso per segnalare le chiamate perse contribuisce a semplificare la gestione del registro delle chiamate, poiché permette di distinguere facilmente le chiamate effettuate da quelle ricevute e non risposte. Ciò assicura che le comunicazioni cruciali non vengano trascurate o ignorate, consentendo agli utenti di rimanere sempre aggiornati sulle chiamate perse che richiedono un follow-up o un’azione successiva.

La nuova funzionalità relativa alle chiamate perse è attualmente disponibile per alcuni utenti che hanno installato l’ultima versione beta di WhatsApp per Android dal Google Play Store. Come di consueto per la gran parte delle nuove funzionalità introdotte dal team di sviluppo dell’app di messaggistica istantanea, si prevede che questa piccola ma importante miglioria verrà estesa a un pubblico sempre più ampio di utenti nel corso dei prossimi giorni.

Come scaricare le nuove versioni dell’app

Se desiderate provare le ultime versioni di WhatsApp Beta per i dispositivi basati su Android avete la possibilità di farlo attraverso il Google Play Store, iscrivendovi al canale di beta testing (potete trovare la pagina dedicata al programma seguendo questo link).

Coloro che non fossero riusciti a iscriversi al programma beta ma volessero provare lo stesso in anteprima le ultime versioni dell’applicazione di messaggistica istantanea hanno la possibilità di farlo installando manualmente i relativi file APK, che possono essere scaricati da APK Mirror (trovate la pagina dedicata seguendo questo link). La versione 2.23.10.4 beta la trovate qui.

Potrebbe interessarti anche: le nostre guide di WhatsApp