Questo sito contribuisce alla audience di

Galileo è pronto al debutto: sarà operativo da giovedì 15 dicembre 2016

Era il 1999 quando Germania, Francia e Italia decisero di collaborare per realizzare Galileo e finalmente, dopo 17 anni, è pronto a fare il suo debutto: sarà operativo, infatti, da giovedì 15 dicembre 2016.

Galileo, il Global Navigation Satellite System (GNSS) dell’Europa, è quindi pronto a dare battaglia al GPS degli USA e al GLONASS della Russia e a rendere l’Europa indipendente anche nel settore dei sistemi satellitari di navigazione. Galileo promette di essere più veloce, preciso e di raccogliere più informazioni sia del GPS che del GLONASS.

Offre un servizio gratuito che permette di localizzare un oggetto sul globo con un margine di errore di 1 m e un servizio a pagamento che invece consente la localizzazione di un oggetto con un margine di errore di appena qualche centimetro.

Mette a disposizione, inoltre, un servizio che permette ai soccorritori di restringere la posizione di una persona in un raggio di 5 km in appena 10 minuti, quando la concorrenza attuale impiega fino a 3 ore per restringere la posizione di una persona in un raggio di 10 km.

Potrà contare al lancio su 18 satelliti, su 26 nel giro di due anni e 30 in un prossimo futuro, obiettivo prefissato per il suo massimo funzionamento. Aspettiamoci quindi smartphone, smartwatch e tablet ancora più precisi e veloci nella geolocalizzazione.

Non tutti i dispositivi potranno utilizzarlo, poiché è richiesto il supporto da parte del chipset: ad esempio, per ora, è supportato dai SoC Snapdragon 820, 821, 652, 650, 625, 617 e 435 di Qualcomm e necessita di un aggiornamento firmware per essere abilitato.

Fonte: Gsmarena

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • drumbo

    Tra quanto ci cascheranno in testa tutti questi satelliti in orbita?!?!??

    :-)

  • francesco

    e l’exynos del GS7? è compatibile?

  • Lavinia77

    Siiiiii :-D

  • Luigiantonio Calò

    e ora come si può aggiornare un fw del processore se addirittura il fw del lettore di impronte del nexus 6p non può essere aggiornato per motivi di sicurezza?

    • Devono essere i produttori a rilasciare gli aggiornamenti.

    • scumm78

      i motivi di sicurezza se li e’ inventati google per lasciare qualcosa in esclusiva ai pixel.

  • Emilio Cirelli

    E l’821 no? Anche se è uscito dopo l’820?

    • Manciu

      Ovvio che si.. dall’820 in poi. ;-)

      • Emilio Cirelli

        Grandioso!

  • scumm78

    ma cosa vuol dire restringere la posizione di una persona? se io attivo il gps nel mio smartphone compatibile immagino che la posizione mi venga data in pochi secondi e non 10 minuti con la precisione di 5Km

    • Non riguarda gli smartphone, ma la localizzazione appunto di una persona. :)

      • Dario

        Le persone non mi sembra abbiano integrati un chip sotto pelle..non è chiaro cosa riesca a rintracciare e localizzare

        • E’ un servizio dedicato ai soccorritori per rintracciare le persone, non so come funzioni.

      • scumm78

        era proprio questo che volevo sapere, cosa significa localizzazione di una persona ma ho gia’ letto il tuo commento sotto per cui grazie lo stesso.

    • Valerio Novelli

      Così, a senso, direi che è una localizzazione basata solo sul segnale Galileo e non sulla rete. Se per esempio una persona si perde in montagna o nel deserto dove non c’è rete, questa può essere rintracciata mediante interpolazione dei segnali satellitari in maniera più precisa e veloce rispetto ai GPS e GLONASS.
      Se così non fosse, chiedo delucidazioni anch’io.

  • Manciu

    Fico! Finalmente!

Top