Google presenta Adiantum, il nuovo standard di crittografia dello storage per i dispositivi poco potenti

Google presenta Adiantum, il nuovo standard di crittografia dello storage per i dispositivi poco potenti
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/Google-Adiantum-logo.png","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/Google-Adiantum-logo-460x255.png","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/Google-Adiantum-logo-635x352.png","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/Google-Adiantum-logo.png","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/02\/Google-Adiantum-logo.png"}, "title": "Google presenta Adiantum, il nuovo standard di crittografia dello storage per i dispositivi poco potenti" }

Sicurezza e velocità sono, spesso, due fattori che non vanno molto d’accordo tra di loro, soprattutto quando si tratta di crittografia e privacy. Google ha ideato e annunciato Adiantum, una nuova e veloce modalità per la crittografia dello storage dedicata ai dispositivi con basse prestazioni.

Tutti i dispositivi di fascia alta integrano un componente hardware che si occupa della crittografia, che utilizza l’Advanced Encryption Standard (AES). Proprio per garantire un aumento della sicurezza dei dati, senza rinunciare alle prestazioni, Google ha deciso di progettare un nuovo standard di crittografia ad hoc per dispositivi poco potenti, come gli smartphone con Android Go o i dispositivi indossabili, che non riescono ad utilizzare lo standard AES in maniera efficiente.

Google è sicura del funzionamento di Adiantum e ne spiega il funzionamento dal punto di vista tecnico in questo link. Si spera che, grazie a questo nuovo standard, anche chi utilizza dispositivi meno potenti o chi è alle prime armi con la tecnologia possa godere di un’ottima sicurezza.

Fonte: Androidpolice