L’integrazione delle applicazioni terze arriva in Google Now!

L’integrazione delle applicazioni di terze parti in Google Now è finalmente realtà. E’ passata qualche settimana dal suo annuncio e ora sta raggiungendo i dispositivi degli utenti, in modo silente e automatico e questo significa che probabilmente si tratta di una abilitazione lato server.

All’apertura di Google Now è possibile notare una nuova scheda che illustra l’integrazione delle applicazioni terze, spiegando brevemente di che si tratta e suggerendo in che modo attivarla o disattivarla. E’ bene che vi ricordiamo che saranno mostrate, almeno per ora, le schede relative solamente ad alcune applicazioni selezionate da Google e quindi non a tutte quelle installate nel vostro dispositivo.

L’abilitazione non sembra possa essere forzata e quindi non potete fare altro che aspettare che Google selezioni il vostro account, cosa che avviene gradualmente e in qualche giorno, anche se a quanto pare potrebbe essere necessaria l’ultima versione del Play Services.

Mille grazie a Marco Pedrazzoli per la segnalazione!

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: Google Now ora supporta altre 70 applicazioni di terze parti - Tutto Android()

  • Pingback: Google now integra app di terzi - TechnoGeneration()

  • L G

    Sarebbe il colmo se inventassero un adware che ti mostra le pubblicità in google now

  • NathanDrago

    Google Now così come concepito fino ad ora è un ottimo modo per avere informazioni rilevanti IN QUEL MOMENTO. Esempio: se seguo una squadra, i risultati delle partite. Se sono in vacanza, i luoghi fotografati nelle vicinanze, il mio biglietto aereo, eventuali ritardi, le prenotazioni degli alberghi e così via. Se sono in macchina, gli incidenti, le code e i lavori sul mio tragitto abituale. Se ho ordinato un pacco, la sua tracciabilità.
    Così come rischia di diventare, invece, Google Now rischia di diventare un guazzabuglio di schifezze promozionali con informazioni inutili. Colgo spunto dalla foto: che me ne faccio di sapere su Google Now le canzoni individuate su Shazam di recente? Se le voglio vedere, apro l’app e lo vedo. Perché devono stare su Google Now? Quale utilità mi arreca? Fuori, siete inutili.

    Occhio: non dico che l’integrazione con app di terze parti sia per forza dannoso. Dico solo che deve essere ragionato. Va bene che si possono disabilitare singolarmente, ma gradirei ci fosse un minimo di “controllo qualità” sulle schede proposte, senza obbligare l’utente di volta in volta a disabilitare quelle non necessarie. Ormai l’immediatezza è la chiave di tutto: se Google Now diventa inutilizzabile, nessuno lo consulterà più. Semplicissimo.
    Attenta, Google.

  • Pingback: Google Now: Erste Drittanbieter-Apps tauchen auf()

  • Mattia

    Ancora nulla…

  • Pingback: Google Now: Integration von Drittanbieter-Apps läuft an › SmartDroid()

  • Pingback: L’integrazione delle applicazioni terze arriva in Google Now! - RSS News.it()

Top