Questo sito contribuisce alla audience di

Google Authenticator si rifà il look in Material Design

Google ha la cattiva abitudine di “dimenticarsi” di certe applicazioni, lasciandole con un look desueto per lungo tempo, prima di ricordarsi improvvisamente della loro esistenza. È il caso di Google Authenticator, la comodissima applicazione dedicata a chi utilizza l’autenticazione a due fattori, utilizzata in primis da Google stessa ma anche da altri servizi, come ad esempio Amazon.

Il metodo di default per l’autenticazione a due fattori consiste nell’invio di un SMS da inserire dopo la classica password. Per semplificare le operazioni Google ha creato Google Authenticator, un’applicazione che genera il codice casuale da utilizzare al momento del login, allo stesso modo in cui utilizziamo i codici casuali da utilizzare in banca.

Fino a ieri Google Authenticator utilizzava il vecchio stile Holo, finalmente abbandonato per sposare il nuovo Material Design. L’aggiornamento non porta particolari novità, a parte il supporto ad Android Wear che rende ancora più comodo il suo utilizzo per chi dispone di uno smartwatch.  Per gli sviluppatori c’è ora la possibilità di utilizzare chiavi di sicurezza NFC come sistema di autenticazione a due fattori.

Se non avete già installato Google Authenticator potete scaricarlo dal Play Store attraverso il badge sottostante. L’aggiornamento alla nuova versione potrebbe non essere immediatamente disponibile per tutti ma nei prossimi giorni dovrebbe raggiungere tutti gli utenti.

Android app sul Google Play

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • “Google ha la cattiva abitudine di “dimenticarsi” di certe applicazioni, lasciandole con un look desueto per lungo tempo”.
    Vogliamo parlare della versione web di google calendar..?

  • piersandro

    Finalmente…

Top