Samsung Tizen 2.3: primo sguardo all’interfaccia

Tizen-Device

Nelle scorse ore sono emersi nuovi interessanti dettagli sul Samsung SM-Z130H, smartphone basato su Tizen che il produttore coreano si appresta a lanciare sul mercato per aggredire il segmento low cost.

E’ ancora una volta lo staff della Webzine SamMobile a diffondere qualche anticipazione sul device e su Tizen OS 2.3, versione del sistema operativo che lo animerà.

Nome in codice KIRAN, il Samsung SM-Z130H dovrebbe contare su un display con risoluzione WVGA (800 × 480 pixel), un processore Spreadtrum SC7727S dual core da 1.2GHz, una GPU Mali-400, 512MB di RAM, una fotocamera principale da 3,2 megapixel ed una frontale da 0,3 megapixel, il supporto Dual SIM e la Radio FM.

L’aspetto più interessante del Samsung SM-Z130H è quello elativo al suo sistema operativo, che possiamo conoscere ora un po’ meglio grazie ad un dump di sistema che ha permesso di estrarre le icone, i temi della lockscreen e gli sfondi di default:

Le immagini ci confermano che Samsung ha deciso di rendere l’aspetto grafico dell’interfaccia di Tizen molto simile a quello della TouchWiz, la UI utilizzata sugli smartphone Android.

Il produttore coreano avrebbe inoltre deciso di implementare in Tizen alcune delle feature già lanciate sui modelli basati sull’OS di Google, come la Modalità Privata e la Modalità Ultra Power Saving. Tra le applicazioni pre-caricate non dovrebbero mancare Facebook, Twitter ed alcuni dei servizi di Google.

Non ci resta che attendere il lancio del Samsung SM-Z130H, il cui esordio dovrebbe avvenire in India, così da competere direttamente con Android One. Staremo a vedere.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Marco Trapanà

    ma chi se la prende sta ciofeca di tizen? boh … è vero che samsung è l’unico produttore che, visto il suo successo consumer, può permettersi di proporre un altro os, ma è pur vero che le persone noteranno le differenze con android, soprattutto nel parco app, e lasceranno perdere tizen. Samsung se voleva produrre il suo cell tutto in casa, dalla cpu all’ os, doveva svegliarsi prima, ormai il mercato os è saturo, windows phone a mala pena è riuscito a ritagliarsi una fetta del mercato, ma solo grazie a nokia c’è da dire.

    • Simone mione

      Be diciamo che ci vuole coraggio a proporre un nuovo os.. non che avranno gravi perdite nel caso di un flop ma comunque l’innovazione e’ possibile grazie a nuove idee.. Magari chissa, sara’ una sorpesa.. (Ne dubito molto ma non bisogna lasciare nulla al caso)

    • Dario · 753 a.C. .

      secondo me l’hanno sviluppato solo per aver modo di tenere in pugno google con sto OS.

    • Alessandro Pellizzari

      Diciamo che Samsung ha fatto diverse ca…volate nel lancio di Tizen, e se fosse stata più decisa e pronta ora potrebbe essere un buon S.O.

      Ma non credo che il mercato sia saturo.
      Il mercato era saturo con Windows Mobile, eppure è arrivato iPhone e si è preso l’80%. Poi era saturo con l’iPhone, ed è arrivato Android che si è preso il 70%.

      Bisogna vedere come incentiveranno gli sviluppatori, come lo proporranno sul mercato (certo non con questa “cinesata”) e cosa porterà di nuovo.

      • Marco Trapanà

        Quello che dici tu è vero, il mercato affronta sempre momenti saturi, ma ora la situazione è diversa e lo si è visto con wp … Proporre un nuovo OS in un mercato saturo dove la differenza la fanno le app è cosa molta difficile … Metti il caso che sia un valido OS sto tizen, e le app? Non può competere con il parco app di Apple e google, neanche WP puo, anche se sta crescendo … Richiederebbe non solo lo sforzo DK samsung, ma soprattutto degli sviluppatori che devono svilupparsi … Allora a che serve un OS senza app?

        • Alessandro Pellizzari

          WP ha fallito per altri motivi, secondo me.

          Primo fra tutti la nomea di MS, sia per i bug che per “è roba aziendale”.

          Secondariamente per aver affrontato iOS e Android in modo troppo diretto, sugli stessi mercati.

          Terzo, perché non porta niente di nuovo, e anzi è peggio degli altri: meno app, meno stabilità, meno userfriendliness, meno usabilità.

          Quarto: si sono inimicati gli utenti passando da 6 a 7, a 7.5, a 8 e ora a 9 senza possibilità di upgrade, e a volte anche rompendo applicazioni.

          Per il discorso app, hai ragione, ma solo in parte.
          Gli utenti, mediamente, usano in modo attivo 15-20 app. Ma facciamo anche 50. Basta portare quelle (facendo accordi con gli sviluppatori) e sei a posto, con un investimento minimo.

          Tutto il resto dipende dall’SDK e dalla base di utenza. All’inizio hai pochi utenti ma anche meno competizione, quindi puoi fare più soldi vendendo app per un sistema semi-vergine. Su Android e iOS ormai è quasi impossibile guadagnare facendo app. Devi puntare sui servizi accessori (acquisti in app, abbonamenti mensili a spazio cloud, ecc.)

Top