Norton Security: un prodotto per tutti i dispositivi

Norton Security

Con la presentazione della nuova soluzione per la sicurezza informatica, anche Norton si immette sulla strada del “un prodotto per tutti i dispositivi”. Norton Security, questo il nome del nuovo software, è una suite di sicurezza a 360° che promette di essere più veloce, leggera e semplice da utilizzare di tutti i suoi predecessori.

Con i database locali alleggeriti notevolmente e un nuovo motore di ricerca dei virus ottimizzato per funzionare su tutti i dispositivi – dallo smartphone al tablet, fino al PC – il nuovo prodotto destinato alla sicurezza promette di essere decisamente più attraente anche per chi ha un occhio di riguardo per la velocità del sistema, in passato troppo spesso compromessa a causa degli antivirus pesanti.

L’aspetto però più interessante è l’approccio con cui Norton affronta il mutamento radicale del mercato che stiamo vivendo in questi anni: anziché proporre una soluzione separata per i formati tradizionali (PC/Mac) e una per smartphone e tablet (sia Android che iOS), Norton propone una licenza unica che dà accesso alla protezione su tutti i disposisitivi. I pacchetti in vendita offrono protezione per 5 o 10 dispositivi, con accesso o meno al cloud sicuro di Norton per i dati più importanti (fino a 25GB).

Un aspetto di particolare attenzione alle esigenze degli utenti è il fatto che Norton permette di disattivare l’antivirus su un dispositivo e di attivarlo su un altro: in questo modo, se si cambia il proprio smartphone/tablet/computer non è necessario acquistare una nuova licenza che copra anche il nuovo dispositivo, ma è sufficiente disattivare la licenza sul vecchio ed attivarla sul nuovo. Peraltro si può scaricare il software direttamente dal sito Norton, senza necessità di mezzi fisici o di dover utilizzare chiavi specifiche per le versioni mobili.

Le funzionalità destinate al mondo mobile sono interessanti: oltre al classico backup dei contatti c’è l’altrettanto classico “trova il mio telefono” con la possibilità di bloccare da remoto il dispositivo e di farlo suonare; c’è anche la possibilità di bloccare le chiamate (ad esempio quelle dei noiosi call center!). Particolarmente apprezzabili sono le funzioni che prevengono gli attacchi tramite i social network: solitamente ci si fida di ciò che i nostri conoscenti o amici pubblicano e si può cadere in trappole architettate proprio per sfruttare questo fatto; Norton le previene bloccando i siti malevoli ed analizzando in tempo reale i siti cui si accede partendo dai social network.

Una sezione interessante dell’app per Android è quella sui consigli sulle app: Norton Security individua le app che consumano più batteria perché l’utente le termini o, nei casi più estremi, le disinstalli. Oltre a questo, Norton Security fornisce informazioni su cosa l’applicazione fa – ad esempio segnalando eventuali comportamenti aggressivi sulla pubblicità o possibili violazioni della privacy.

Norton Security è disponibile per 1 dispositivo (39.99€ all’anno), 5 dispositivi (59.99€ l’anno) e 10 dispositivi con funzionalità di backup (69.99€ l’anno). Potete acquistarlo cliccando qui.

Abbiamo chiesto a Norton Italia come intende vincere lo scetticismo tipico degli utenti Android nei confronti degli antivirus: la loro risposta è stata che l’unico modo è provare i prodotti e per questo motivo è stato scelto di includere un numero così grande di dispositivi nella licenza annuale, con la possibilità di attivare e disattivare i prodotti su ogni macchina. Una posizione condivisibile, visto che il rischio appare sempre più reale e concreto – se non per vulnerabilità del sistema, per via degli errori umani.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Gianmarco C.

    Quanto bisogna essere polli per credere di aver bisogno di un antivirus sullo smartphone?

Top