Android è ripartito da zero alla presentazione dell’iPhone

Say-hello-to-iPhone

Android non sarebbe stato lo stesso senza iPhone. Lo si è affermato per molto tempo sostenendo che la presentazione del telefono della Mela abbia portato una vera rivoluzione nel mondo mobile, ma solo ora si ha la conferma di tale affermazione.

Android è nato nel 2003 insieme all’omonima società dagli sforzi congiunti di Andy Rubin e di altri personaggi come il vice-presidente di T-Mobile e uno dei co-fondatori di Danger, la società responsabile dello sviluppo del Sidekick. Nel 2005 fu acquisita da Google, che voleva entrare nel mercato mobile; tuttavia l’intenzione era di competere con gli allora leader BlackBerry e Microsoft e la conseguenza era un’interfaccia pensata per smartphone con tastiera QWERTY e schermo non-touch.

Il primo prototipo di dispositivo Android, noto come Sooner, ricalcava infatti il modello di BlackBerry con una tastiera fisica, uno schermo di ridotte dimensioni ed una trackball con cui navigare all’interno del sistema. Android aveva già un’interfaccia per il touch pronta, ma si trattava di un progetto visto come secondario.

Dopo la presentazione dell’iPhone il 9 Gennaio del 2007, però, il team si rese conto che il lavoro fatto fino ad allora non era valido. Chris DeSalvo, che ha lavorato allo sviluppo di Android sin dagli inizi, ha affermato che l’iPhone li ha costretti a realizzare che “avrebbero dovuto ripartire da zero” e ripensare totalmente il sistema.

Questo ha comportato, ovviamente, un ritardo rispetto ai tempi che Google si era prefissata per la commercializzazione di Android, ma ha portato anche – in ultima analisi – all’Android che ora conosciamo ed apprezziamo.

È curioso pensare che ora sia BlackBerry a imitare Android in più di un verso con l’ultimo BlackBerry OS 10, quando appena sei anni fa era l’esempio da cui prendere spunto. Sarebbe curioso anche capire come sarebbe ora Android se avesse seguito il modello della casa canadese e non Apple.

Certamente i cambiamenti avvenuti hanno portato il robottino verde ad essere un sistema decisamente più flessibile e attraente di quanto avrebbe mai potuto essere nella visione iniziale. L’attuale dominazione nel mercato mobile è dovuta certo anche all’iPhone, che ha tracciato la strada giusta per creare una generazione davvero nuova di dispositivi portatili che non prevedessero pennini, trackball e interazioni complesse. Il trend era già ben delineato, ma senza la spinta di Apple non sarebbe stata la stessa cosa.

Ora è Android a fare la differenza e quando ci guarderemo indietro fra 10 anni, magari quando Tizen o Ubuntu domineranno il mercato, penseremo le stesse cose pensando che, in qualche modo, saremo stati anche noi protagonisti di questo cambiamento.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • fusco8

    non sempre chi lo inventa fa la cosa migliore.ma chi lo affina/perfeziona!
    chi ha inventato il carro con il mulo era un genio(ancora prima chi la ruota).ma volete mettere questo genio in confronto a una ferrari???

  • Luca

    Ottimo articolo Riccardo, complimenti!

  • san

    iPhone 2G rimane il migliore tra tutti gli iPhone, abbastanza deluso da N4.

    • Mattia Brunelli

      Non sono sicuro se tu sia un troll o meno.. Con 2G cosa intendi? Quello di prima generazione? Quello con il 2G? Quello con iOS 2.0? Ti faccio presente che iOS 1.0 non era una sorta di prototipo, non so fino a che punto si possa comparare con un N4. Quindi, spero tu sia un bel trollone :D

  • Alberto Lucchin

    Io ho sempre avuto Android, sin da quando è uscito il Galaxy S (i9000). Poi ho avuto delle parentesi con Windows Phone 7 durate non più di un mese, poi sono voluto tornare in casa Google perchè l’integrazione con i suoi servizi e Android è ormai fondamentale per me. Però devo essere onesto, mi piace da morire Android Stock infatti ho il Nexus da un paio di anni, ma se devo guardare con occhio critico e oggettivo ho un estremo fascino per l’interfaccia Metro di WP. Credo che in MIcrosoft abbiano perfettamente capito che “copiare” (oppure “prendere ispirazione”) da questo o da quell’altro produttore non servisse e si sono inventati qualcosa di realmente innovativo.

    • Matteo Truppa

      guarda che se vuoi android con l’interfaccia di Windows Phone 8 esistono delle ROM android apposite ;) cerca su google (nome cellulare) android 4.4 windows phone. e vedi che ne esce.
      questo si può fare grazie alla flessibilità di android :)

      • Alberto Lucchin

        Beh certo! Anche per questo android è migliore! ;) ma non avere paura…non passo a Lumia! Hahahh

  • FxPreto

    Articolo stupendo, complimenti.

  • robby

    La cosa un po’ triste è che un colosso come Google sia partita in questo campo “copiando”.
    Voleva farlo da BlackBerry poi lo ha fatto da Apple. Mi sarebbe piaciuto vedere qualcosa qualcosa di diverso e totalmente innovativo anche da parte di Google.
    Poi con gli anni si è ripresa, infatti ora la vera innovazione secondo me la fa proprio Google con i dispositivi indossabili che saranno a mio avviso i dispositivi del futuro.

    • Alessandro Pellizzari

      Tutti copiano. Non c’è niente di totalmente innovativo, solo miglioramenti di quello che c’era prima. Anche BB e Apple hanno copiato da Symbian, da WindowsMobile, da Palm e da Zaurus, portando piccole e costanti modifiche.

      Alla gente non piace lo stravolgimento delle abitudini. Guarda le piastrelle di Windows8, la Ribbon di Office, la Unity di Ubuntu e KDE3 come sono stati accolti al debutto. E non erano “totalmente innovativi”, solo uan variante troppo spinta di quello che c’era già.

      La battaglia la vince chi porta le modifiche che la gente poi adotta, non chi innova totalmente. La guerra non la vince nessuno perché è infinita.

  • adel90

    bel articolo, complimenti

Top