Unione Europea e Corea del Sud unite per sviluppare la tecnologia 5G

5g

L’Unione Europea e la Corea del Sud hanno annunciato di aver stretto una collaborazione volta allo sviluppo della tecnologia 5G con l’obiettivo di accelerare i tempi di un processo che sarà comunque piuttosto lungo.

Ad aiutare UE e Corea del Sud vi sarà anche il Third Generation Partnership Project, ossia un gruppo di organizzazioni internazionali che si occupano di telecomunicazioni.

Oh Sang-jin, direttore della divisione politica ICT presso il Ministero della Scienza della Corea del Sud, ha precisato che sarà necessario raggiungere un accordo a livello globale per definire quelli che dovranno essere gli standard della connettività 5G, aggiungendo che però al momento attuale l’obiettivo principale è stabilire quantomeno i requisiti della rete, considerando che si arriveranno a toccare velocità superiori fino a mille volte quelle del 4G.

I problemi che dovranno essere superati sono molti, dalla realizzazione delle infrastrutture alla sufficiente diffusione della rete in tutti i continenti, dalla necessità di supportare una grande varietà di dispositivi ad una migliore gestione dei consumi energetici rispetto a quanto avvenuto con la connettività LTE.

Ad ogni modo, prima che la rete 5G  possa fare il proprio esordio, sarà necessario attendere ancora molto tempo: la Corea del Sud spera di essere pronta nel 2018 per le Olimpiadi Invernali di PyeongChang mentre in Europa potrebbero essere necessari altri due anni.

Chissà se per allora in Italia sarà sufficientemente diffusa la connettività 4G.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • TheBestMod

    è gia tanto se prende il 2g…

  • xd

    In un paese vicino al mio è arrivata ora la rete telefonica! figuriamoci! in alcuni posti malapena prende il 2G… il 5g non arriverà mai in italia. O almeno arriverà quando nel resto del mondo avranno il 10g… XD

  • Luke

    A dirla tutta LTE non è nemmeno 4G ufficiale, è più un 3.9G tecnologicamente parlando…
    Che si parli di 5G oggi non è strano (in realtà siamo in ritardo rispetto al giappone), del 4G si cominciarono a definire gli standard quando ancora il 3G non era partito in europa…

  • °Marco°

    Capisco quelli che si lamentano del 3g scarso e del 4G praticamente inesistente e lo condivido appieno ma dobbiamo capire che questi problemi sono dovuti agli operatori che non investono nelle infrastrutture(soprattuto quelli italiani) e non a chi progetta la tecnologia o la fornisce. Ad esempio non credo che per il 4G la Wind sia l’ultima ruota del carro per colpa di Huawei e Sirti. Poi per il 5G parliamo di qualcosa che deve essere sviluppata a fondo e le prime reali prove ci saranno probabilmente verso il 2020, quindi se gli operatori avranno veramente intenzione ci sono almeno altri 5 anni per migliorare la copertura 3G ed espandere quella del 4….

  • Nico

    Pure nel mio paese arriva a stento la rete 3g. Commento sulla notizia: un singolo stato che aiuta un continente intero??? VERGOGNA! Shame over Europe!

  • Luca

    Nella mia città, con l’operatore arancione, ho difficoltà nel chiamare, messaggiare e navigare con le reti 2G e 3G. Già non funzionano queste due reti “storiche”, l’assenza del 4G in moltissime città italiane e si pensa già al 5G?

  • simoscorpion

    nel mio paese prende a malapena il 3g e il 4g in italia quasi non esiste, perché non si inizia a migliorare la qualità e la copertura 3g al posto che pensare al 5g

    • Emanuele Ciotti

      forse perchè il 4g ha una copertura maggiore? Cioè un’antenna lte 800 mhz ha una copertura molto maggiore rispetto a un’antenna 3g 2100 mhz (solo h3g usa 3g a 900 mhz).Il 4g,oltre ad essere più veloce del 3g,può coprire zone più vaste per eliminare in parte il digital divide.

Top