Ricarica wireless a distanza: realtà grazie a uBeam

bits-ubeam-tmagArticle

Vi piacerebbe caricare il vostro smartphone senza collegarlo al cavo o appoggiarlo su un piano di ricarica? Ebbene, la start up uBeam si sta occupando di ricarica a distanza: e per distanza, non intendono pochi centimetri.

Infatti, grazie a Meredith Perry (di soli 25 anni), la uBeam è riuscita a costruire un primo prototipo di un caricabatterie futuristico; il sistema converta l’elettricità in suono, e riesce a trasmetterla sotto forma di ultrasuoni. Applicando un ricevitore al nostro device, esso sarà in grado di ricevere queste onde e di riconvertirle in elettricità.

Quindi, potrete ad esempio muovervi liberamente per una stanza, con il vostro device in tasca, e lui continuerà a ricaricarsi.

L’idea potrebbe risolvere perfino il problema delle batterie: se si riuscisse ad applicare questa tecnologia un po’ ovunque, ovviamente accertandosi della sicurezza e degli effetti che può scatenare, le batterie non avranno più la necessità di dover durare il più possibile, perché potranno essere sempre ricaricate facilmente.

uBeam ha aggiunto che la loro tecnologia potrebbe essere usata anche per trasmettere dati in maniera sicura.

Il progetto è coperto da ben 18 brevetti, e dopo aver già ricevuto finanziamenti da 1,7 milioni di dollari da Marissa Meyer (Yahoo), sta chiudendo anche per un altro giro di finanziamenti.

Difficile dire quando potremmo apprezzare materialmente questo sviluppo tecnologico non indifferente: a quanto pare, non meno di qualche anno.

Via 1, 2

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: uBeam rivela nuovi dettagli: ecco cosa ne pensano gli esperti - Tutto Android()

  • vanni

    Tesla è stato colui che ha inventato il ventesimo secolo e guarda un po omesso nella maggior parte dei libri di testo,,, si certo gli è stata dedicata un unita di misura ai piu sconosciuta, il minimo che si potesse fare per uno che ha rifiutato per ben due volte il premio nobel,,, questa è storia, i suoi oltre 700 brevetti la dicono lunga, ragazzi andate un po a vedere, parecchi si trovano su internet in inglese ovviamente. Ora mi tocca sorridere a certe invenzioni se cosi si possono definire, per carita tanto di cappello per l’impegno, ma se solo i suoi studi fossero stati perseguiti per il bene dellumanita probabilmente avremmo avuti i cellulari negli anni 50 se non prima) altro che ricarica wireless. Ma questo è di poco conto, la societa di Elon Musk l’ha fatta grossa, l’automobile di tesla non prevedeva l’utilizzo di batterie, questa si che è una barzelletta, un po come gerry scotti che si propone strapagato per pubblicizzare edison energia quando la corrente elettrica alternata è stata adottata a livello globale da una vita.

  • artick82

    tutto questo per risparmiare un cavo da 50 cm ……………………………

  • anonbeat

    potremmo ricaricare i nostri devices con gli ultrasuoni dei deflini…

  • Vincenzo Signoriello

    Dai che forse potete farcela a copiare una tecnologia vecchia di 110 anni ideata da un certo Tesla…

    • Matteo

      Chi ti ha raccontato questa favola? Inoltre le onde sonore sono onde meccaniche, non elettromagnetiche. Le onde sonore hanno bisogno di un mezzo per propagarsi (come l’aria), non si propagano “nell’etere”. Cosa c’entra Tesla.

      • Vincenzo Signoriello

        La distribuzione di energia elettrica senza l’uso di fili, è una tecnologia sperimentata con successo dal Genio Assoluto. Il mii era un puro commento sarcastico per evidenziare il fatto che questa tecnologia esiste già da decenni ma non si è volutamente portata in serie per ovvi motiivi. Le fa ole le ho lette e studiate su alcuni libracci. Mi da noia vedere ogni tanto qualcuno che grida al miracolo come innquesto caso quando isi dovrebbe gridare allo scandalo scientifico e strorico. Forse ora mi sono spiegato meglio caro professore? Una volta c’erano i capitan Ovvvio, ora è il turno dei prof.

        • Guest

          10€ che sei grillino,su facebook segui la pagina Scienza di Confine…. e ovviamente credi nelle scie chimiche.

          • Vincenzo Signoriello

            Professore time: non sono su Facebook, non ho partiti politici attuali che rispecchiano i miei ideali, scie che?

        • Simone

          Peccato che il rendimento del sistema ideato da Tesla è a dir poco ridicolo… Non metto il dubbio il fatto che sia stato un grande uomo e per l’epoca in cui è vissuto ha scoperto fin troppe cose senza la strumentazione necessaria… Però restano due difetti nella sua idea di free energy: 1 che le radiazioni elettromagnetiche non fanno granchè bene, 2 che per trasmettere 5W per caricare un telefono magari ho bisogno di trasmetterne 1kW… senza dimenticare che la distanza conta al quadrato… quindi se raddoppio la distanza dall’antenna devo quadruplicare la potenza trasmessa!

          Resta il fatto che Tesla sia stato un grande e concordo pienamente…

          • Vincenzo Signoriello

            Non funzionava proprio in questo modo…

  • Giuseppe

    ricarica ad ultrasuoni! *-*
    e poi dicono che le bionde sono sceme… xD

    • Davide

      Bionde e Gnocche direi

  • markisha1979

    mi piacerebbe approfondirne il funzionamento….

    • Skhammy

      Delle bionde gnocche ? Ma va la, non sono complicate. Funzionano come le altre, più o meno…

  • Massimo A. Carofano

    Lode a questi lampi di genio!

Top