Galaxy Note 7, sul caso indaga anche un laboratorio di stato coreano

In attesa di conoscere da Samsung l’esito delle indagini sulle cause che hanno condotto al ritiro di Samsung Galaxy Note 7 dal mercato, anche l’ente statale Korea Testing Laboratory (KTL)sta conducendo dei test paralleli per scoprire perché un discreto numero di unità ha preso fuoco in maniera spontanea.

Le investigazioni del KTL erano già iniziate in occasione del primo richiamo e secondo la stampa locale starebbe per avviare una nuova serie di analisi sulle unità appartenenti al secondo lotto, quello considerato sicuro e che ha invece portato al definitivo ritiro dal mercato di Samsung Galaxy Note 7.

Il laboratorio statale dovrebbe ricevere cinque unità andate a fuoco e grazie a macchine a raggi X e tomografie computerizzate cercherà di fare chiarezza sulle cause del disastro. Sembra però che Samsung con abbia ancora fornito gli esemplari da analizzare al laboratorio, che sarebbe dunque ancora fermo al palo.

Non è ancora chiaro quanto tempo dovremo aspettare prima di avere dei risultati definitivi sia dal KTL sia da Samsung, anche se entrambi hanno promesso di rendere pubblici i dati delle rispettive indagini non appena saranno concluse. In questo modo i concorrenti potranno evitare, forse, di commettere gli stessi errori che hanno portato al colossale flop di Samsung Galaxy Note7 e potremo mettere una pietra sopra a questa lunga e triste vicenda.

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Giovanni Brardinoni

    In qualsiasi modo la si metta non c’è giustificazione all’accaduto, secondo me il tempo che sta passando non è dovuto alla necessità di capire i motivi dei malfunzionamenti (già lo sanno benissimo…) bensì a quella di trovare una motivazione che sia plausibile e che accontenti la massa degli ut(o)nti senza dover necessariamente gettare la croce addosso a qualche partner o che sia addirittura controproducente per l’immagine di Samsung stessa… Non è una cosa facile a mio avviso…

Top