Recensione Samsung Galaxy Note 7: il Phablet senza rivali (aggiornato stop produzione)

AGGIORNAMENTO 11/10/2016:

Dopo aver ritirato dal mercato e sostituito gli esemplari difettosi i casi di esplosione si sono verificati anche con la nuova partita di prodotti. Oggi, con una nota, Samsung ha definitivamente terminato la produzione di Galaxy Note 7 e richiamato tutti i device in circolazione. E’ il capolinea di uno smartphone di eccelsa qualità ma nato con un problema impossibile da risolvere e pericoloso per l’incolumità degli utenti, questa recensione rimarrà come archivio di ciò che poteva essere e non è stato. Maggiori informazioni in questo articolo: Galaxy Note 7 è morto: Samsung getta la spugna e ne ferma la produzione

Recensione Samsung Galaxy Note 7 – La fine dell’estate porta sempre un po’ di malinconia, ma ogni anno puntuale arriva un buon motivo per dimenticarsene: il nuovo Note di Samsung.
Questa è la volta di Galaxy Note 7, un gemello pompato di Galaxy S7 Edge pronto a stupire il mondo con tanta, tantissima tecnologia.

Se siete utenti Android che lavorano con il proprio smartphone, è pressochè l’unica scelta possibile, sia per la mera mancanza di alternative, sia perchè questo phablet è ancora una volta un piccolo capolavoro di design e funzionalità.

Ve lo presentiamo in maniera esaustiva nella nostra video recensione, a seguire tanti altri dettagli in forma scritta.

Unboxing di Samsung Galaxy Note 7

All’interno della confezione troviamo un alimentatore con supporto alla ricarica rapida con 3 uscite (5,9,12 V) che ricarica i 3500 mAh di Galaxy Note 7 in circa 1h e 30min. La dotazione di accessori prevede anche lo spilletto per aprire il cassettino per nanoSIM e microSD, un paio di cuffiette in hear di buona fattura (le stesse di Galaxy S7 e S7 Edge), 6 punte intercambiabili per il pennino, un estrattore per la punta e il cavetto usb-type c per ricarica e scambio dati.

unboxingnote7

Video recensione di Samsung Galaxy Note 7

Hardware & Connettività

Samsung Galaxy Note 7 è spinto da un processore proprietario di Samsung, lo stesso di Galaxy S7 e S7 Edge, ovvero l’ Exynos 8890, Octa Core con 4 Cortex Mongoose da 2,3 Ghz e 4 Cortex A53 da 1,5 Ghz. La piattaforma hardware è completata da una GPU Mali T880 MP12 e 4 GB di RAM LPDDR4.

La variante venduta in Italia avrà a disposizione 64 GB di spazio di archiviazione con memorie UFS 2.0, espandibili fino a 256 GB tramite microSD, da segnalare che oltre 10 GB di spazio di archiviazione sono occupati dal sistema.

La dotazione di sensori è completa ma non al top, mancano infatti radio FM e porta infrarossi. Per il resto il device è equipaggiato con accelerometro, giroscopio, magnetometro, barometro, sensore di luminosità, sensore di prossimità,  lettore biometrico per le impronte digitali e uno scanner per l’iride. Sulla parte posteriore si trova anche l’ormai consueto (per i top di gamma Samsung) sensore per il battito cardiaco.

GalaxyNote71_tta

La connettività offre il meglio della attuale tecnologia, a partire dallo scambio dati in LTE di categoria 12, il WiFi 802.11 a/b/g/n/ac dual band e il bluetooth 4.2. Positiva anche la compatibilità del GPS con il sistema GALILEO oltre che ai classici A-GPS e GLONASS.

Parte telefonica e antenne

Samsung Galaxy Note 7 è affidabile, prende abbastanza bene senza eccellere e non ha alcun problema nello scambio dati qualunque sia il metodo utilizzato. Il FIX del GPS è particolarmente veloce mentre la portata del WiFi è soltanto nella media.

Prestazioni

La piattaforma hardware è adeguata al tipo di utilizzo che si prevede per questo smartphone. Non abbiamo mai prestazioni superlative, principalmente a causa di un software complesso e ricco di possibilità, tuttavia Note 7 rimane stabile e soddisfacente anche in situazioni concitate.
Non perde colpi nemmeno con un utilizzo quasi smodato in quanto a rapidità con cui si eseguono le varie operazioni.

Abbiamo riscontrato sporadici rallentamenti e perdite di frame nelle animazioni, solo aprendo oltre 10 schede di Chrome e tante altre app in background. La gestione della RAM, infatti, privilegia la permanenza di almeno 3 GB di dati, motivo per il quale l’apertura delle app è velocissima ma nel contempo assistiamo a qualche rallentamento nel multitasking estremo.

Ergonomia, Design & Materiali

L’ergonomia non è affatto uno degli aspetti migliori di Note 7, principalmente gli indiziati sono due: le dimensioni di 153.5 x 73.9 x 7.9 mm e i materiali costruttivi quali vetro e alluminio. Detto ciò dobbiamo riconoscere la straordinaria razionalizzazione degli spazi che Samsung è riuscita ad ottenere con cornici ridotte ai minimi termini e lo schermo curvo da 5,7 pollici.

Il frame esterno è perfettamente rifinito e appare robusto oltre che sinuoso e piacevole al tatto, il vetro posteriore trattiene molto le ditate ma nella colorazione argento l’inconveniente non si nota più di tanto. Sul fronte i due soft-touch occupano la banda sotto al display insieme al tasto home fisico che incorpora il sensore di impronte, mentre al di sopra trovano posto la fotocamera secondaria, lo scanner per l’iride, un led di notifica e i sensori di luminosità e prossimità.

GalaxyNote73_tta

Il vetro anteriore è leggermente curvato su entrambi i bordi con un raggio di curvatura più acuto rispetto a Galaxy S7 Edge ma spostato nella parte più estrema della superificie. Anche il vetro protettivo Gorilla Glass 5 segue le linee del pannello AMOLED.

Una menzione di merito per la certificazione IP68 che garantisce protezione da acqua e polvere e, in altre parole, sottolinea ulteriormente l’ottima qualità costruttiva del device. E’ particolarmente importante il dato sull’impermeabilità se pensiamo che fin’ora tutti i Note non potevano sfruttare questa caratteristica a causa dell’alloggiamento del pennino.

GalaxyNote7_tta3

Display, Audio & Multimedia

Lo schermo montato su Samsung Galaxy Note 7 è favoloso, si tratta di un Super AMOLED QHD da 5,7 pollici, addirittura superiore a quello montato su Galaxy S7 Edge. Le sue caratteristiche principali sono neri profondi, colori accesi (ma senza essere innaturali) e una luminosità elevatissima.

Rispetto al Galaxy S7 Edge abbiamo apprezzato moltissimo la curvatura, che gli conferisce un bellissimo aspetto borderless senza però andare a disturbare troppo nella visione dei contenuti multimediali.  Segnaliamo anche che tutta la parte curva ed anche la porzione prossimale a questa non vengono riconosciute dalla S-Pen.

GalaxyNote7_tta4

Tutti noi della redazione siamo stati concordi nel definire questo display come il migliore tra quelli attualmente disponibili sugli smartphone Android e non solo.

Il comparto audio è all’altezza delle aspettative, l’altoparlante mono è potente e corposo mentre la capsula auricolare ha un suono pulito e capace di arrivare a volumi elevati. Unico neo il fatto che coprendo appena la griglia di emissione sonora l’audio in uscita vada quasi ad azzerarsi, probabilmente a causa dell’impermeabilità e dell’occupazione completa degli anfratti tra i componenti, che non permette l’effetto cassa di risonanza nella scocca.

La sfera multimediale è eccellente ed il merito più grande è da attribuire al fantastico display, più che mai coinvolgente e immersivo.

GalaxyNote72_tta

Fotocamera

Il comparto fotografico non vede novità rispetto al pacchetto di cui sono dotati i Samsung Galaxy S7. Per questo motivo vi rimandiamo al nostro focus dedicato in cui trattiamo minuziosamente l’aspetto tecnico che contraddistingue i nuovi flagship della casa sud coreana.

Le caratteristiche principali sono un sensore da 12 mega pixel in 4/3 con ottica stabilizzata F1.7 e doppio flash LED. L’innovazione del sensore Sony Sony IMX 260 è tutta nel sistema di Autofocus PDAF dual pixel, in cui tutti i punti concorrono nel calcolare il punto di fuoco.
Se unite una apertura focale ampia e pixel di 1,4 micrometri il risultato non può che essere eccellente, infatti è così.

Le fotografie scattate in diurna sono davvero notevoli ma sono le immagini notturne che impressionano per qualità, soprattutto se riguardate direttamente dal telefono, dove lo schermo ne esalta le caratteristiche di incisività.

L’app fotocamera è stata leggermente semplificata nella nuova Grace UI, in particolare sono stati aggiunti uno swipe verso destra per selezionare le modalità di scatto e verso sinistra per applicare filtri in real time.

La cam frontale è da 5 mega pixel e risulta essere solo nella media, comunque sufficiente per le condivisioni dei selfie sui social.

Decisamente belli i video, in FullHD a 60 fps e UHD a 30 fps, sempre stabilizzati sia otticamente che via software. Per quanto sia alta la qualità, esistono device capaci di performance migliori, soprattutto in fatto di stabilizzazione.

Batteria & Autonomia

La batteria è da 3500 mAh, ovvero 100 mAh in meno rispetto al fratello Galaxy S7 Edge. La riduzione della capacità è da attribuire con ogni probabilità all’alloggiamento del pennino capacitivo.

In termini pratici Note 7 vi porterà tranquillamente a sera con un utilizzo medio, mentre dovrete fare un minimo di attenzione ai consumi nelle giornate di stress intenso.

Il nostro periodo di test è coinciso con l’ IFA di Berlino, giorni durante i quali lo smartphone viene utilizzato in ogni momento per le sue funzioni più disparate, dalla navigazione GPS alla consultazione di siti internet, chat, upload di video, registrazione di tante foto e notifiche continue dai colleghi in fiera e in Italia.

GalaxyNote7_tta2

Potremmo ritenerci fortunati di aver avuto la possibilità di effettuare un test reale e altamente probante delle capacità di autonomia del nuovo Note.
I risultati parlano chiaro: dalle 8 del mattino e con un utilizzo molto intenso si riesce ad arrivare circa alle 20.

Per i fanatici dei numeri, si riescono a coprire circa 4h e 30 di display acceso e questo si riduce sulle 4h nelle giornate di uso blando, in quanto il consumo medio in standby è elevato.

Software

Samsung Galaxy Note 7 è animato Android 6.0.1 Marshmallow con personalizzazione Grace UI, questo è il nuovo nome della TouchWiz. Si tratta di una versione ancor più minimale della UX vista sugli ultimi flagship coreani, con un design flat e menù riorganizzati in maniera intelligente.

Sono spariti tanti elementi dall’interfaccia, mentre le funzioni sono rimaste pressochè le stesse.
In fatto di personalizzazione c’è la possibilità di applicare moltissimi temi (ogni settimana ne vengono caricati di nuovi) e varie parti del sistema si possono riorganizzare. Una consistente parte delle funzionalità è votata alla produttività, in particolare al multitasking.

Possiamo aprire quasi tutte le app in finestre fluttuanti ridimensionabili e trascinare del testo tra una e l’altra. Lo schermo si può dividere ospitando due app aperte contemporaneamente con le porzioni modificabili nella dimensione a piacimento, il tutto è avvalorato dalle infinite possibilità di condivisione e dalla flessibilità che offre il robottino verde.

Le app preinstallate sono quelli di Google oltre al pacchetto Office comunque disinstallabile e ad una suite completa di app by Samsung, di cui vale la pena citare Health, il calendario, la galleria e le note. Quest’ultima veramente completa e integrata perfettamente con le funzioni collegate alla S-Pen di cui trovate maggiori informazioni nel prossimo paragrafo.

Utilizzo della S-Pen (pennino)

Per il 2016 Samsung ha ulteriormente affinato a livello hardware la sua S-Pen, vero tratto distintivo della serie Note. Abbiamo ben 4096 livelli di pressione rilevabili ( il doppio rispetto a Note 5) ed una frequenza di 360 Hz per un tempo di risposta inferiore ai 50 ms.

La cosa che ci è piaciuta di più è la naturalezza dello scorrimento sul vetro del display, molto morbida e fluente. Forse addirittura troppo sensibile per uno schermo relativamente piccolo dove sbagliare di pochi millimetri potrebbe essere un problema.

GalaxyNote74_tta

Anche a livello software le funzioni air command sono state ampliate, oltre alle classiche modalità “cattura schermo intelligente” , “note” e “scrittura su schermo” sono state aggiunte la funzione di traduzione, lente di ingrandimento e panoramica (riduce in finestrella l’app aperta).

Ancora presente la fantastica modalità di note su schermo spento, grazie alla quale è possible prendere appunti in bianco sullo schermo spento del device, senza nemmeno dover sbloccare.

In conclusione

Samsung Galaxy Note 7 è nettamente il miglior phablet sul mercato, le sue caratteristiche lo rendono unico e, per quanto la concorrenza sia inesistente, non si può evitare di sottolineare quanto Samsung sia riuscita ad amalgamare un hardware potente, uno schermo ammaliante e le speciali caratteristiche di produttività e business di cui la serie fa un vanto ormai da anni.

GalaxyNote7_tta1

Il suo peggior nemico è probabilmente il Galaxy S7 Edge, ormai nettamente più economico e da cui si distingue principalmente per la sola presenza del pennino. Se però siete in cerca di uno smartphone da utilizzare in modo stressante per lavoro allora il Note possiede connotazioni che renderanno la vostra scelta pressochè obbligata.

Il prezzo di lancio di Samsung Galaxy Note 7 è di 879 € ma al momento non è ancora disponibile in Italia.

Nota importante: Samsung Galaxy Note 7 Esplode?

Ad oggi, 6 Settembre 2016, le vendite in Italia sono state posticipate ad Ottobre e tutti i Note 7 già venduti nel resto del mondo (oltre 2,5 mln) sono stati richiamati. Il motivo è quantomai grave: lo smartphone, letteralmente, potrebbe esplodere.

A causare l’inconveniente è stata una serie di batterie difettose che sono state installate da una fabbrica coreana, (in questo articolo vi spieghiamo come riconoscere la provenienza del vostro esemplare) che, a quanto pare, (oltre 50 casi) portano ad incendi e esplosioni.

Samsung ha tranquillizzato gli acquirenti garantendo che i device a rischio saranno sostituiti nel più breve tempo possibile, noi siamo fiduciosi sul fatto che la questione possa risolversi rapidamente senza alcun rischio e senza ulteriori problemi. Ad oggi però la situazione è quella appena descritta, seguiranno aggiornamenti su questa pagina e vi terremo informati come di consueto con tutte le notizie nella nostra home page.

AGGIORNAMENTO 11/10/2016:

Dopo aver ritirato dal mercato e sostituito gli esemplari difettosi i casi di esplosione si sono verificati anche con la nuova partita di prodotti. Oggi, con una nota, Samsung ha definitivamente terminato la produzione di Galaxy Note 7 e richiamato tutti i device in circolazione. E’ il capolinea di uno smartphone di eccelsa qualità ma nato con un problema impossibile da risolvere e pericoloso per l’incolumità degli utenti, questa recensione rimarrà come archivio di ciò che poteva essere e non è stato. 

PAGELLA

Display:
10
Ergonomia:
8.0
Hardware:
10
Software:
9.7
Batteria:
8.2
Fotocamera:
9.6
Qualità/prezzo:
7.8
Materiali:
10
Audio:
8
Esperienza Utente:
9.9
VOTO GENERALE:
9.5

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • FBP

    Scusatemi la domanda, avendo io due sim ed essendo questo note 7 non dual qui da noi…in questa area personale potrei metterci gli account telegram e whatsapp della mia seconda scheda senza doverla portare con me? La cosa mi intriga non poco se è così…

  • Cortes Deangelis

    no porta infra e batteria non removibile 2 pecche di non poco conto.

  • SkyWalker

    “Il phablet senza rivali”
    Li ha uccisi tutti

  • Alba ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

    A parte il rischio esplosione mi piace molto la penna migliorata notevolmente con la morbidezza della punta che aumenta la sensibilità ma per il resto non tanto.
    E’ più stretto del note4 quindi che a sua volta era stato leggermente ristretto rispetto al note 2. Poi onestamente nella parte curva dei bordi del display si vede male. Io l’ho provato 2 min al media world ma nel quotidiano penso sia ancora più scocciante.

  • astralhd

    Va tutto bene… solo che hanno iniziato a scoppiare diventando delle vere bombe a mano.

    • M-Redstone

      Ok, ma non è che occorre ripetere sta cosa ad ogni post … al netto del problema (che Samsung ha ammesso e si è impegnata a sostituire tutti i Note finora venduti) é uno smartphone fantastico, non c’è che dire

      • astralhd

        Ogni post di cosa? È la prima volta che lo scrivo…. credo che ti confondi le cose.

        • M-Redstone

          Lo hai scritto e lo hai riscritto in risposta a Sara S … cmq parlavo in generale, ti ho preso come esempio ma in effetti ce ne sono altri ben più insistenti (probabilmente applefan “camuffati”)

          • ever lastingz

            alla fine le esplosioni sono continuate e lo hanno ritirato..

          • M-Redstone

            Ok, ma avevo detto “al netto del problema è uno smartphone fantastico”.. purtroppo questo disastro è accaduto proprio al loro modello piu prestigioso e che a me personalmente piaceva moltissimo. Un vero peccato. Spero serva almeno a re-introdurre le batterie removibili e ad evitare la corsa con gli iPhone a chi arriva prima. Che arrivi pure quando è pronto, dopo tutti i test necessari. Chi vuole un Note non compra un iPhone plus… in linea generale, poi le eccezioni ci sono sempre

  • mattia

    Ma come può questo essere “l’unica scelta possibile se si usa il telefono per lavorare”? Dai, è un’affermazione quantomeno affrettata. Io ho un modesto Xiaomi note 3 mediatek e l’ho usato da sempre per lavorare e mi trovo egregiamente, soprattutto per la batteria da 4100… E costava 180€ comunque sia secondo me verso Samsung c’è sempre un pò di sensazionalismo alla Apple. Sarà perché tutti i prodotti che ho usato io made in Samsung si sono dimostrati pessimi.

    • Matteo Virgilio

      Ci sono diverse accezioni del termine lavorare con il telefono, obiettivamente Note 7 offre strumenti hardware che nessun altro telefono possiede e una suite software in grado di agevolare il flusso di lavoro e semplificare la vita in ogni situazione. Detto ciò, nella vita ci si può sempre arrangiare in qualche modo, ma nel mondo Android questo è l’unico telefono veramente business oriented (oltre al Priv di BB, al quale però è superiore).

      • mattia

        Probabilmente non so bene cosa si intende per “business oriented” o ci sono stato dei grandi cambiamenti nel frattempo. Io ho usato molto per lavoro il Tab 12.1 Samsung che era aziendale ma alla fine son stato abbandonati per disperazione. La doppia finestra andava con 2 app in croce, tutte le note i memo ecc si potevano usare solo sul tablet, il file manager era insufficiente, la fotocamera si bloccava costringendo a riaccenderlo e durante l’uso spesso si riavviava da solo. Siamo passati ai surface.

    • Peter

      bhe metti caso per un lavoro in luoghi particolari, già la certificazione IP68 è un plus, la presenza dell NFC un’altro, il pennino altro ancora…
      Indubbiamente è un terminale che ha tutto e fatto come si deve.
      Certo prenderlo adesso è da vogliosi della novità, il miglior acquisto si fa tra qualche mese, se lo si vuole prendere come “strumento” di produttività.

      • Sara S

        Io sono vogliosa di novità! :)

        • astralhd

          Si ma la novità è che Il note 7 a iniziato a scoppiare.

          • Sara S

            Veramente la novità è che uscirà ad ottobre, senza nessun problema e con un voucher di 50 euro per chi lo ha preordinato oltre che Micro SD e Gear VR

    • M-Redstone

      Sì sono dimostrati pessimi perché non hai preso un top di gamma come un Note… quelli di gamma media e bassa erano pessimi davvero. Ora con i Galaxy A e J sono migliorati anche lì

      • mattia

        Pensavo che 1200€ per un tablet fossero sufficienti ad avere un prodotto che perlomeno funziona, non è stato così, però può essere vero come dici. Ho perso fiducia ormai, come un mio amico che compra solo aifon perché è l’unico che funziona, unico android posseduto era un 4.0 di fascia media…

        • M-Redstone

          Un prodotto non è sufficiente…. anche Apple ha “sfornato” qualche prodotto malriuscito. Cmq è un tuo diritto essere deluso e rivolgerti ad altri… per fortuna quello di Android non è un mondo chiuso e le alternative non mancano

  • Alfonso Ventura

    Come design e bellissimo, peccato per il difetto della batteria …

    • Peter

      Va bhe dai, oramai risolto!
      Per quanto tempo ancora lo si dovrà leggere?

  • Dave iam

    Lo smartphone preferito dai terroristi

  • lorydavoj

    Mamma mia ma quanto pensate di essere fighi scrivendo nei commenti che il note 7 è una bomba o che è esplosivo??
    Se pensate di esserlo dovete capire che non lo siete amzi sembrate dei colioni

    • Vincenzo Pedalino

      Kaffeeeee?1?1?1 RENZI A KASA

  • Dave iam

    In effetti non ha rivali, lo metti vicino agli altri li fa esplodere tutti…

  • Francesco Badini

    Io direi che Samsung è riuscita a dare a questo smartphone un non so che di “esplosivo”… Mah, forse sarà per il lettore dell’iride😕😁😁

  • pirata_1985

    L’ho tenuto in mano in carica

    • Gio_90

      Sei sano e salvo !

    • aleandroid14

      Che temerario, hai rischiato di perdere la mano, meriti un camion di medaglie.

    • Alfonso Ventura

      Attenzione hai rischiato grosso hahaha

      • pirata_1985

        La foto l’hai vista. Sono un temerario

    • M-Redstone

      Ma (se davvero sei tu) che farai, lo restituirai? Facendo un calcolo delle probabilità queste sono decisamente a favore della non esplosione. Io lo terrei… anche perché la maggior parte dei clienti lo restituirà e potrebbe diventare merce rara

      • pirata_1985

        Non l’ho mica acquistato. Era in esposizione

        • M-Redstone

          Ah, vero… l’ho visto pure io esposto nel negozio di armi all’angolo di via Roma

  • piersandro

    Questo smartphone è una bomba!

    • Corra

      Nel vero senso della parola

  • Youngstown

    dopo quanto vi è esploso?

  • Walter

    Apparte il commento con la battuta (direi doverosa ^^’), premettendo che non sono interessato ad acquistarne uno, devo dire che la vostra recensione mi ha lasciato più dubbi che certezze.

    Il titolo fa pensare ad un prodotto totalmente riuscito e senza paragoni, ma in realtà i lati poco convincenti, che voi stessi sottolineate, sono tanti.

    Forse trascurabili per alcuni, ma quando ci troviamo di fronte ad un prodotto così costoso, l’eccellenza sarebbe quanto meno doverosa, invece abbiamo un prodotto che si rivela il migliore del comparto non tanto per doti esemplari, quanto per mancanza di reali competitors, diciamolo, è un po come “vincere facile”.

    Secondo me, i quasi 900€ da investire per averlo sono un acquisto incauto, sia perché tra qualche mese costerà il 20% in meno, sia perché non vedo questo enorme salto in avanti rispetto ai diretti predecessori.

    Per quanto riguarda il concetto di device usato per lavorare, siamo ancora lontani dal phablet (o dallo smartphone) veramente adatto alla produttività. Sia dal punto di vista hardware, che, sopratutto, da quello software e non tanto per il sistema operativo o la UI, quanto per l’effettiva utilità dei software disponibili.

    L’unico vero approccio al settore business oggi lo ha in qualche modo in mano Microsoft, con Continuum e la propria suite Office, ma dubito che riusciranno a sfruttarlo, visto che Windows Phone è un morto che cammina.

    • Salva Monty Montella

      Concordo a pieno con te! La cosa che mi spaventa di più è autonomia, per il lavoro e la capienza della batteria credo siano poche 4 ore di display acceso! Poi il piccoli lag che da recensione parlano di una situazione normale per me, e credo non solo per me, io non chiudo mai nulla, mi da da pensare

    • Dave iam

      In effetti lo smartphone per lavorare è un altra cosa. Blackberry Passport per questo è l’esempio. Ma Samsung si sa, testa i suoi prodotti attraverso i suoi clienti. Fa prodotti sempre finiti a metà e la scansione dell’iride ottica (una pirlata fatta e finita) ne è un esempio. Così come lo erano il sensore di impronte su S5 e Alpha (praticamente mai funzionanti e funzionali). Ho avuto a che fare con i coreani per lavoro così come con i giapponesi per molti anni… NOn confondeteli Se il cinese sta esattamente all’opposto del giapponese per qualità, il coreano sta esattamente in mezzo (come la svizzera) . UN bel prodotto (se funzionerà) ma a 500 euro non a 900.

      • Pablo Galattico

        Blackberry?…..Ma non è sull’orlo del fallimento?…Con quel form factor ridicolo che non sta manco in tasca?…..Ma le scimmie urlatrici oltre che nell’avatar ce l’hai nel “cervello” mi sa…..ma lo volete capire o no che nella rece stava solo andando a cercare col microscopio i peli nell’uovo perchè altrimenti doveva solo commentare le decine di pro del terminale e magnificarlo senza muovere nessuna critica di sorta?…..:)……..per quel che costa poi la critica deve per forza andare a scavare di più laddove su altri prodotti non ci si bada nemmeno a cose ben più assurde vedi op3 con le stesse dimensioni del note 7 ma con schermo da 5,5 mal ottimizzato, camera che sporge di mezzo centimetro, 3 funzioni sw in croce e una ridicola batteria da 3000 da scarse 3 ore di schermo…..ah ma costa 399….eh ed è pure troppo……

      • Gli ultimi commenti di “Paolo” e “Dave” sono stati rimossi. Vi invito ad una discussione pacifica dato che si può far conoscere la propria idea senza utilizzare inutili termini offensivi. Alla prossima occasione scatta il ban. Grazie e buona continuazione.

    • Matteo Virgilio

      Dati alla mano, Note 7 è l’unico telefono che comprerei per il mio lavoro. E non è questione di preferenze o suggestioni varie..solo per esperienza diretta dopo aver provato decine e decine di telefoni. I rivali sono inconsistenti per varie ragioni, da quelle di reperibilità, assistenza, supporto futuro a quelle obiettive di natura hardware e software dove Samsung offre un pacchetto notevolmente più completo rispetto a tutti gli altri. Poi bisogna vedere cosa si intende per lavoro, è chiaro che non è pensabile sostituire l’uso di un Notebook.

      Per quanto riguarda la discrepanza tra titolo e recensione, come detto in video, la recensione di un prodotto da quasi 900 euro non può prescindere dall’andare a cercare ogni piccola imperfezione. In quest’ottica l’unico aspetto mediocre è la batteria, dove comunque lo smartphone si comporta bene, senza però eccellere.
      Tutti gli altri “difetti” sono sbavature o “novità deludenti” vedi il pennino poco rigido o lo scanner dell’iride di cui si fa tranquillamente a meno.

      Solo per chiarire onde evitare interpretazioni sbagliate dei giudizi dati nella recensione ;)

      • Peter

        Al momento metto davanti LG V20, salvo sorprese nelle future recensioni! XD

        • Sara S

          Insomma ho il tuo benestare all’acquisto!

          • Peter

            Ma anche NO! LOL

      • Pablo Galattico

        Caro Matteo….non darti troppa pena e non essere troppo autocritico se il messaggio che vuoi trasmettere non arriva del tutto o viene mal interpretato…dopo tutto per comunicare occorre essere almeno in due e non è certo colpa tua se tra i tuoi followers non tutti sono dotati della stessa capacità cognitiva…..per me il messaggio era limpido e cristallino mentre per chi non sa cogliere certe sfumature appariva come un giudizio con grossi punti interrogativi che in realtà non ci sono quasi per nulla, solo inezie magari anche di gioventù,…..:)

  • Walter

    Sarà un successo esplosivo! Farà proprio il botto.

  • Viespo

    Tocca ripetermi,4h30 per uno smartphone da lavoro sono POCHE.Hanno inventato i phablet per utilizzi office,chi come me lo usa molto per messaggistica rischia di arrivare a malapena a metà pomeriggio….e non ha neanche la batteria sostituibile.mille volte più fruibile uno Xiaomi Mi Max che si attesta sulle 6h30…..ed ha la batteria rimovibile.

    • Youngstown

      note 7 ha la batteria sostituibile, solo che prima deve esplodere!

      • Walter

        si però se ricicli la battuta su più commenti nello stesso post, non fa più ridere.

        • Youngstown

          secondo me invece sei esploso dalle risate ma sei troppo timido per dirlo

          • Walter

            Ti dirò, la battuta era così esplosiva che l’ho fatta prima di te ^^’

      • Viespo

        Da storico cliente note…Hahahaha. :-) Fa ridere,se non lavori in Samsung 😂😂😂

    • Peter

      Devi capire che per chi lavora alcuni aspetti sono fondamentali, assistenza e garanzia, assicurazione del funzionamento chiamate/dati… in soldoni il Note 7 rassicura si tutti i fronti… Che poi è pur vero che con quei soldi ti prendi 3 Mi Max, ma non sono indubbiamente lo stesso terminale!
      Al mondo d’oggi c’è un telefono per persona (e le sue esigenze)

      • Viespo

        L’autonomia è quanto puoi usarlo in una giornata…la batteria rimovibile anche.Se posso usarlo mezza giornata é come aver una LaFerrari col serbatoio da 30 litri… non serve ad un cazzo.Meglio un cell da prestazioni medie e ottima autonomia…le prestazioni da supertop di gamma servon solo a convincer gli allocchi ed al limite per i giochini…Ripeto,dovrebbe esser uno smartphone OFFICE…

        • Peter

          Guarda se parli con me di autonomia, sfondi una porta aperta, ma bisogna parlare obbiettivamente e non soggettivamente a volte.
          E’ il top in questo momento! vale i soldi che si devono sborsare per averlo? no!
          Per le aziende c’è il vantaggio dei contratti più vantaggiosi dei privati, ed è per quello che è comunque un’ottimo affare per l’ambiente lavorativo…

          • Viespo

            Io non capisco.Ho preso AsusZenfone 2 Max (5000mah) a mio padre,un buon telefono a 170/190 euro…il modello successivo ne ha 4100 :-/ E quelli Fullhd con processore più performante (quindi più esosi di energia) non si posson aver con una batteria simile ?Non ha senso….il modello Zenfone 3 Max ha 1 gb in più di ram e 1000 mah in meno (va beh,900) …Che scelte fatte col culo!Fanno 3 modelli di Zenfone e calano la batteria a quello che esiste unicamente in merito all’autonomia.Geni del marketing,davvero.

  • Ahmed Elderdah

    Manca una qualità che lo differenzia tra tutti hahaha

Top