Recensione Samsung Galaxy A70 – Completiamo con la recensione di Samsung Galaxy A70 la panoramica sulla fascia media di Samsung per il 2019, un anno in cui il brand coreano si è mostrato quanto mai deciso a riconquistare fette importanti di mercato.
Pare che l’obiettivo sia stato raggiunto con volumi di vendita importanti per A40 e A50, che sono piaciuti per il sapiente mix tra scheda tecnica e prezzo contenuto.

A70 è invece più grande ed equipaggiato con l’ottimo processore Qualcomm Snapdragon 675 e ben 4500 mAh di batteria, due elementi che lo rendono subito interessante, insieme ad uno street price che si sta via via adagiando sui 300 Euro.

Video recensione di Samsung Galaxy A70

Design & Ergonomia

Le dimensioni sono in assoluto l’aspetto più impegnativo per Samsung Galaxy A70 (164.3 x 76.7 x 7.9 mm), forte di una grande batteria e di uno schermo generoso, ma inevitabilmente ingombrante e scomodo da utilizzare.
In generale però tutto ciò che concerne il design, i materiali e l’ergonomia non ci ha convinto. La plastica della back cover si riempie di ditate e di righe in pochi giorni, inoltre trasmette fin da subito la sensazione di un prodotto economico, passi la mancanza di impermeabilità ma lo stesso design posteriore manca completamente di originalità.

Se per Samsung Galaxy A50 (recensione) avevamo chiuso un occhio sulla qualità costruttiva, per A70 invece il giudizio non può che essere negativo, visto anche il prezzo di listino superiore ai 400 Euro.
E dire che fino ad un anno fa, con Galaxy A8, Samsung era un riferimento sulla fascia media per la cura e la solidità dei suoi dispositivi, spesso impermeabili e sempre realizzati con materiali nobili.

In tutto ciò l’aspetto positivo è certamente il display, un FullHD Super AMOLED da 6,7 pollici, con un piccolo notch a goccia centrale.
Uno schermo appagante, luminoso e brillante. Si nota la differenza con i top di gamma nei riflessi colorati che è possibile scorgere inclinando la superficie, con l’impostazione dei colori “vividi” il risultato è un po’ irrealistico, mentre potremo ottenere una calibrazione più fedele impostando il profilo “naturale”.

Funzionalità

Su Samsung Galaxy A70 troviamo la One UI basata su Android 9.0 Pie, in assoluto uno dei software più completi e apprezzati del panorama Android.
Rispetto alla versione con cui è equipaggiato il top di gamma Galaxy S10, qui manca la possibilità di attivare il feedback aptico per il tocco sui tasti di navigazione, assenti anche alcune opzioni di calibrazione del display.
Per il resto non manca nulla, potrete quindi sfruttare tante funzioni legate al risparmio energetico, al multitasking, al gaming, a cui si aggiunge la consueta parte di personalizzazione.

L’interfaccia grafica è molto curata, non c’è però la possibilità di ridurre oltre un certo limite la dimensione dei vari elementi (zoom schermo), questo comporta una UI sempre troppo grande e un po’ sbilanciata sullo ampia diagonale da 6,7 pollici.

Per quanto riguarda la parte multimediale il livello è più che buono, è presente la porta per il jack audio mentre l’audio di sistema viene emesso dall’unico speaker.
Ottima la dotazione di slot, con due nanoSIM sempre accessibili anche inserendo l’espansione di memoria, la ricezione del segnale è leggermente sottotono, ma complessivamente il comparto connettività e sensori non delude.

VEDI ANCHE

Samsung Galaxy A70

Prestazioni

Le performance appena sufficienti di Samsung Galaxy A50 hanno aumentato le aspettative sul fratello maggiore A70, dotato di un processore migliore e più memoria RAM, il protagonista della recensione di oggi può infatti contare su un Qualcomm Snapdragon 675 e 6 GB di RAM LPDDR4, dispone inoltre di 128 GB nell’unico taglio previsto.
Bene, le attese non sono state tradite e finalmente abbiamo un medio gamma di Samsung che segue le operazioni impartite dall’utente senza incertezza, buona anche la gestione delle temperature, sempre sotto controllo nonostante l’alta temperatura estiva.

Abbiamo riscontrato qualche problema con Asphalt 9, mentre con altri giochi A70 si è dimostrato all’altezza della situazione.
Al netto delle buone prestazioni di questo smartphone, la One UI ancora una volta si conferma dura da digerire, i primi minuti in compagnia di un Samsung immediatamente vi daranno l’idea di un prodotto un po’ più lento del solito, vale anche per A70 e per i top di gamma, poi ci si fa l’abitudine.
E’ auspicabile però che Samsung riesca a sistemare questa cronica indecisione dei suoi smartphone.

Bocciato il lettore di impronte digitali sotto il display, troppo spesso richiede una nuova lettura e se il polpastrello non è perfettamente asciutto (basta un po’ di sudore) il riconoscimento fallirà.
A parziale soluzione c’è lo sblocco con riconoscimento del volto in 2D, efficace con buona luce ma poco sicuro e inutilizzabile di notte.

Fotocamera

Sulla parte posteriore di Samsung Galaxy A70 troviamo un sensore principale da 32 MP F/1.7, affiancato da una grandangolare da 8 MP F/2.2 e da un sensore di profondità da 5 MP, frontalmente di nuovo 32 MP.
Le foto non sono male, superiori rispetto ai fratelli minori della linea Galaxy A, soprattutto di giorno, circostanza nella quale il dettaglio è ben presente e l’effetto bokeh naturale è morbido e piacevole nelle macro.
Di notte la qualità scende vistosamente, si sente la mancanza della stabilizzazione ottica e di una modalità notturna dedicata.

La fotocamera grandangolare è in pratica utilizzabile solo all’aperto e in pieno giorno, bella la prospettiva fornita ma la qualità lascia a desiderare.
Bene i video, fino alla risoluzione 4K a 30 fps, con i risultati migliori che si ottengono in FullHD a 30 fps, quando si può sfruttare anche la stabilizzazione digitale avanzata.

Ci sono piaciuti i selfie, con e senza effetto bokeh, una piacevole conferma che pone A70 tra i migliori smartphone possibili per gli autoscatti.

Batteria & Autonomia

La batteria da 4500 mAh consente di arrivare a fine giornata senza problemi, ci aspettavamo forse un filo di più, ma non ci si può certo lamentare delle 6 ore piene di display attivo coperte in circa 1 giorno e mezzo di attività.

In conclusione

Arriviamo alle battute finali della recensione di Samsung Galaxy A70, proposto a 419 Euro di listino, ma già disponibile a circa 100 Euro di meno.

Preso singolarmente non è un telefono particolarmente allettante, molto grande e un filo troppo costoso per il cliente medio, visto però nella prospettiva di completamento della gamma A, allora assume tutt’altra connotazione.
E’ un’alternativa ad A50 per chi vuole uno schermo ampio, buone prestazioni e una batteria che lascia tranquilli, migliore dei suoi fratelli minori sotto diversi punti di vista, ma con alcuni elementi che lo fanno uscire dal mirino di chi cerca qualcosa di più.

Insomma, è un buon prodotto e finisce lì, però arrivato a poco più di 300 Euro rischia di richiamare a sé un sacco di indecisi, per cui può rappresentare la scelta più sicura e sensata in un mare di proposte cinesi.

Altre offerte

Pagella

7.0
Design
7.5
Funzionalità
6.8
Prestazioni
7.2
Fotocamera
7.0
Batteria
7.2