Secondo AGCOM è sempre più difficile ottenere il recesso gratuito dagli operatori telefonici

Cresce in maniera esponenziale il numero di denunce all’AGCOM da parte degli utenti italiani, soprattutto a causa delle variazioni delle condizioni contrattuali e per l’applicazione di costi di disattivazione non dovuti. È questo, in sintesi, il succo della Relazione Annuale 2017 pubblicata dal Garante per le Comunicazioni, che evidenzia una situazione sgradevole per gli utenti.

Cresce infatti il malcontento degli utenti, soprattutto a causa del passaggio alla fatturazione su una base di 28 giorni, che ha di fatto aumentato da 12 a 13 i canoni da pagare nel corso di un anno. Sono quintuplicate le denunce relative alle rimodulazioni ma sono quadruplicate anche quelle relative ai costi di disattivazione e alle tempistiche elevate nella lavorazione delle richieste di recesso.

Emerge infatti una tendenza al peggioramento del servizio offerto agli utenti, che prima si vedono costretti a subire le rimodulazioni e faticano a ottenere il recesso gratuito, obbligatorio per legge, soprattutto in tempi ragionevoli. AGCOM non ha elevati poteri in questo senso e la limitatezza delle sanzioni irrogate, di poco inferiori ai tre milioni di euro nel 2016, rappresenta un deterrente davvero troppo debole.

Stanno inoltre emergendo i primi problemi relativi al roaming europeo gratuito ma da questo punto di vista si sta già muovendo qualcosa. Il Governo ha infatti inserito un emendamento nella legge europea per garantire un maggior potere all’AGCOM che potrà intervenire contro gli operatori che violano il regolamento europeo.

E voi, siete soddisfatti del trattamento ricevuto dagli operatori telefonici? Avete avuto problemi nel cambio di gestore o nel recesso? Il box dei commenti è a vostra disposizione.

Vai a: Migliori offerte telefoniche di TIM, Tre, Vodafone e Wind | Luglio 2017

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Lonws

    Soddisfatto direi proprio per niente, questo aumento tariffario mensile sulla rete mobile non mi va proprio giù.
    E non sono soddisfatto nemmeno dell’Agcom, neanche loro mi sembrano in grado di sanzionare decentemente le compagnie telefoniche

  • Cat DK

    Ho fatto np da 3 a Fastweb dopo sms di aumento tariffe e recesso senza penali e dopo un mese ho ricevuto la fattura di recesso da 50€, ho inviato la raccomandata a 3 avvisandoli che non pago ma non si sono fatti più sentire. Temo che mi romperanno le scatole con un recupero crediti e dovrò andare da un legale per far valere i miei diritti. Che paese di merda è l’Italia dove la truffa è concessa.

    • Dario

      Semplicemente se hai la raccomandata con ricevuta di ritorno in cui specifichi che hai receduto a causa delle loro modifiche contrattuali, puoi semplicemente ingnorare qualsiasi richiesta di recupero credito in quanto loro ci provano, ma non passeranno mai ad azioni legali perché sanno in partenza di perdere..al limite rispondi con in altra raccomandata e dici che se hai ancora richieste di pagamento procedi con querela per estorsione..vedrai che non ti romperanno più le scatole

      • Cat DK

        Grazie, spero non mi causino problemi, al centro 3 addirittura mi han detto di pagare o rischio di passare dal torto, assurdo. Di sicuro è illegale tutto questo.

      • scumm78

        questo se a tentare di esigere il credito e’ la stessa wind, se per sfortuna vendono il credito ad una societa’ di recupero credito sono beghe e non sara’ sufficiente ignorare. Poi come dice CAt DK lui e’ dalla parte del giusto ma sara’ costretto ad rivolgersi ad un avvocato e il nervoso che si passa con queste cose e’ davvero debilitante.

Top