La maggior parte degli utenti ha imparato da tempo a riconoscere il nome Chromecast, inizialmente identificativo del dongle creato da Google per trasmettere contenuti multimediali dallo smartphone alla TV, nel corso del tempo poi, con il proliferare delle televisioni smart, molti produttori hanno iniziato a inserire un nuovo standard di trasmissione nei propri dispositivi, chiamato Chromecast built-in.

Il marchio in questione è disponibile su diversi dispositivi, non solo TV ma anche altoparlanti; alcuni di voi potrebbero ricordare però come inizialmente il nome scelto dall’azienda fosse un altro, nello specifico Google Cast; nel lontano 2016 però, la società decise di ribattezzare Google Cast in Chromecast built-in, probabilmente per rendere più immediatamente riconoscibile lo standard, beneficiando della notorietà dei dispositivi Chromecast.

In occasione della recente conferenza annuale dedicata agli sviluppatori, sembra che Google abbia deciso di riportare in auge il vecchio nome.

Chromecast built-in torna ad essere Google Cast

Ad alcuni potrebbe essere sfuggito, ma abbiamo già avuto modo di intravedere il cambio di nome dello standard in questione quando abbiamo parlato di tutte le novità annunciate al Google I/O per quel che riguarda Android Auto e Android Automotive, in quell’occasione l’azienda annunciò che oltre alle nuove tipologie di applicazioni, Android Automotive avrebbe ricevuto la nuova funzionalità Google Cast, che consentirà agli utenti di trasmettere in streaming contenuti da telefoni e tablet.

La decisione della società non sembra provenire da lontano, nel mese di gennaio infatti in occasione del CES di Las Vegas LG annunciò che i suoi televisori basati su webOS 2024 avrebbero ricevuto il supporto integrato per Chromecast (Chromecast built-in) e, la stessa Google, utilizzò la medesima denominazione nel proprio annuncio:

Oggi siamo entusiasti di annunciare che i televisori LG nel 2024 avranno Chromecast integrato. Ciò significa che gli utenti di LG TV potranno avviare un video sul proprio telefono o sul browser Chrome e con un semplice tocco dell’icona Cast potranno iniziare a guardarlo sullo schermo migliore di casa loro.

Il nuovo nome Google Cast appare anche su Android.com, come potete notare dall’immagine qui sotto, segno di come l’azienda abbia deciso di rinominare ufficialmente Chromecast built-in in Google Cast.

Google Cast (vecchio Chromecast built-in)

Per quel che concerne le funzionalità messe a disposizione degli utenti non dovrebbe esserci alcuna novità, almeno per il momento, lo strumento infatti continua a funzionare come ha sempre fatto permettendoci di trasmettere tutta una serie di contenuti multimediali ad alcuni dispositivi compatibili con lo standard.

Se dunque da questo punto di vista non sembrano esserci novità di rilievo, qualcosa potrebbe cambiare nel prossimo futuro, nello specifico per quel che riguarda i futuri dispositivi Chromecast con Google TV: abbiamo visto diverse indiscrezioni negli ultimi mesi, ma anche di recente, secondo le quali Google sarebbe al lavoro su un nuovo dispositivo Chromecast in arrivo prossimamente; non è chiaro dunque se il cambio di nome di cui abbiamo appena parlato possa in qualche modo coinvolgere anche il prossimo dispositivo della società, o se forse l’azienda abbia operato il cambio in questione proprio per distinguere maggiormente i propri prodotti.