Come probabilmente saprete, prima di fondare Nothing Carl Pei è stato per anni in OnePlus, azienda da lui stesso co-fondata insieme a Pete Lau. Mentre siamo in attesa di sapere di più sul prossimo prodotto della nuova compagnia, che si chiamerà Nothing Phone (2), un report ha rivelato che il “legame” tra le due aziende non si limita solo al loro fondatore: pare che attualmente gran parte del personale della “vecchia OnePlus” sia passato a Nothing.

Nothing è la “nuova OnePlus”?

Secondo quanto riportato da Inverse, il 70% del team di sviluppo software di Nothing comprende ex dipendenti di OnePlus. Anche Kyle Kiang, ex Chief Marketing Officer presso OnePlus, sarebbe entrato a far parte di Nothing e starebbe guidando l’azienda al lancio del prossimo smartphone Android, ossia Nothing Phone (2). Sembra inoltre che la giovane compagnia stia cercando in modo “aggressivo” gli ingegneri hardware di OnePlus per garantirsi un buon successo con il suddetto prodotto: attualmente, sempre secondo il report, il 30% del team hardware di Nothing proverrebbe da OnePlus.

Sembra dunque che Carl Pei abbia intenzione di “ricreare” la sua vecchia compagnia all’interno di Nothing, sempre che quanto rivelato corrisponda effettivamente alla realtà. Nothing ha già lanciato diversi prodotti sul mercato, tra i quali le cuffie Nothing Ear (2) e ovviamente lo smartphone Nothing Phone (1), ma entro la prossima estate sarà commercializzato il successore di quest’ultimo, Nothing Phone (2): alcune informazioni sono già state anticipate a livello ufficiale, altre stanno trapelando in queste settimane.

La società starebbe raddoppiando i suoi sforzi nello sviluppo di Nothing OS, per rendere il software più “distintivo” e completo. Tra i membri dell’attuale team di Nothing ci sarebbero sviluppatori dietro alcune delle principali funzionalità di OnePlus, come la Zen Mode, la modalità lettura e non solo. Riuscirà Carl Pei a ripetere il successo ottenuto con OnePlus e a rendere Nothing uno dei principali competitor del mondo Android e tech? Solo il tempo potrà dircelo.

Leggi anche: Recensione Oneplus 11, un top di gamma con un buon prezzo (per il 2023)