Moto X 2015 si sdoppia in due prodotti di sostanza: Moto X Style e Moto X Play. In attesa della disponibilità del primo, vero top di gamma, ci dedichiamo oggi a X Play, medio gamma nel prezzo (399€ consigliato) ma al top in affidabilità, qualità costruttiva e prestazioni. Insomma, uno di quei device nati sotto una buona stella, con un’alchimia perfetta tra i vari componenti ed alcune eccellenze distribuite qua e là. L’esperienza utente è sorprendente, vi consigliamo quindi di guardarvi la nostra video recensione ed eventualmente approfondire il discorso con questo articolo.

Video recensione di Moto X Play

Unboxing di Moto X Play

La confezione non ci riserva particolari sorprese, anzi, le brutte abitudini di Motorola non si cambiano ed anche in questo caso non abbiamo cuffiette. Per il resto troviamo un classico cavetto USB/microUSB ed un alimentatore a doppia uscita da 1,1A. Niente turbo charger, anche se in realtà Moto X Play la supporta. Potrete sempre pensare di dotarvi di un caricatore rapido originale della casa alata (23 € su Amazon) per ottenere questa comoda funzionalità.

Hardware & Connettività

Moto X Play non è un mostro sulla carta, il processore è un octacore di fascia media che finora non aveva mai brillato per consumi ridotti e prestazioni, ma nemmeno per una delle due. In realtà sul questa macchina riesce a tirare fuori il meglio di se. Stiamo parlando del Qualcomm Snapdragon 615, dual-quad core composto da Cortex A-53 settati per metà a 1,7 Ghz e per l’altra a 1,0 GHz. Qui è sempre tranquillo, consuma pochissimo in stand-by e quando c’è da sfoderare gli artigli non si tira indietro, sempre però rimanendo ad una temperatura appena tiepida. Davvero sorprendente. Forse il merito è da dividere con l’affidabile GPU Adreno 405 e con i 2 GB di RAM DDR3 che non fanno rimpiangere una capacità maggiore. A completare il coro troviamo 16 o 32 GB di storage, espandibili fino a 128GB tramite microSD.

XPlay2

La dotazione sensoristica vede due grandi lacune: giroscopio e led di notifica. Certo in un device da 400 euro, Motorola avrebbe potuto fare il piccolo sforzo di inserirli, va detto però, che entrambi sono abbondantemente sostituiti da alcune accortezze software che non ne fanno sentire la mancanza. Si tratta del Moto Display, che vedremo meglio nella scheda software e di un sistema studiato alla perfezione per sfruttare l’accoppiata accelerometro+magnetometro per compensare la mancanza di dati derivanti dal giroscopio. Insomma, se siete indecisi, non fatevi assolutamente influenzare da queste mancanze.

La connettività è garantita dal modulo LTE, dal WiFi 802.11 a/b/g/n dual band e dal bluetooth 4.0. Non manca l’NFC e l’antenna radio FM.

VEDI ANCHE

Ergonomia, Design & Materiali

L’assemblaggio di Moto X Play è impeccabile, i materiali sono plastici ma di alta qualità e danno la sensazione di avere tra le mani un dispositivo premium. La cover posteriore è in policarbonato gommato e si può sostituire. La particolarità di questo Motorola è quella di essere protetto da una pellicola di nano particelle repellenti all’acqua che ne hanno valso la certificazione IP52 (resistente a polvere e agli spruzzi d’acqua con inclinazione fino a 15 gradi). Le dimensioni non sono esagerate in relazione al grande display da 5,5 pollici di cui è dotato: 148 x 75 x 10,9 (nel punto più spesso) in un peso di 169 grammi, le cornici sono abbastanza ottimizzate da consentire l’uso ad una sola mano nella maggior parte delle occasioni. Da segnalare l’ottimo motore di vibrazione, che regala un feedback tattile in digitazione paragonabile soltanto al migliore che abbiamo mai provato, cioè Blackberry Z10.

XPlay10

Display, Audio & Multimedia

Il display di Moto X Play è da 5,5 pollici LCD con risoluzione FullHD per una densità di 404 ppi. Davvero una ottima unità, con colori brillanti e definizione più che soddisfacente. Si vede bene sotto la luce del sole grazie al vetro protettivo Gorilla Glass 3 che si conferma quasi perfetto. Oleofobico e antiriflesso, riesce a garantire una buona visibilità da ogni angolazione ed in ogni condizione ambientale. Infine la leggerissima stondatura presente su tutti i bordi ne facilita l’interazione touch, regalando un ottimo feeling nello scorrimento del dito sul vetro.

Buono anche l’audio, anche se l’altoparlante in funzione è solo quello posizionato al di sotto dello schermo. I bassi ci sono e la potenza sonora è sempre sufficiente, anche nelle situazioni più rumorose o in auto, utilizzando il vivavoce. Purtroppo il lettore multimediale non ha grandi prestazioni, oltre il FullHD non riesce più a riprodurre l’audio, sarà quasi sicuramente necessario scaricare uno dei tanti player alternativi disponibili su PlayStore.

XPlay8

Fotocamera

Croce e delizia di Moto X Play, il comparto fotografico si presenta tra luci ed ombre. La buona notizia è che le foto hanno in generale una ottima qualità, così come i video realizzati a 1080p. La cattiva è che i risultati calano drasticamente non appena ci troviamo in scarse condizione di luce ambientale, o peggio, al buio.

XPlay5

Un altro aspetto negativo è il software, complicato e poco intuitivo. Le opzioni fondamentali ci sono ma sussistono anche alcune mancanze gravi, come il touch to focus o l’impostazione per scatti non a piena risoluzione. A livello hardware, il sensore posteriore è da 21 MP mentre la selfie camera è da 5 MP. C’è la stabilizzazione ottica integrata che da i risultati migliori nella registrazione di video.

Qui in basso invece un esempio di selfie, che risultano nella media ma comunque apprezzabili.

IMG_20150915_093816557self

Infine i video che godono di una stabilizzazione ottica e digitale davvero efficace, buoni dettagli e una lettura molto accurata dell’esposizione.

Batteria & Autonomia

La batteria è davvero enorme, 3600 mAh sembrano infiniti rispetto agli standard attuali. Di riflesso l’autonomia costituisce la vera carta vincente di Moto X Play. Il merito non è solo della batteria così capiente, ma anche di una particolare ottimizzazione di Android Lollipop, che per la prima volta vediamo girare al meglio delle sue possibilità.

In termini pratici si arriva alle 6h e 30min di schermo senza troppi patemi, ma soprattutto si può interagire con il telefono tutto il giorno, mantenere tutte le connessioni attive e sfruttare a fondo l’hardware, senza preoccuparsi di rimanere a secco. Con attenzione riuscirete a fare due giorni, ma difficilmente entrambe le giornate potranno essere complete e stressanti.

XPlay3

Software

L’esperienza che Motorola vede per i suoi device è quella pure Google. E’ così che il software non ha particolari personalizzazioni e funzionalità aggiuntive rispetto ad Android 5.1.1 stock. I vantaggi di questa scelta sono una fluidità al top, poco spazio di archiviazione riservato per l’immagine di sistema ed una buona ottimizzazione del consumo energetico. Per contro un utilizzatore alle prime armi potrebbe trovarsi perplesso nell’aprire il drawer delle applicazioni e trovarlo quasi vuoto.

In realtà la personalizzazione di Motorola è tutta racchiusa nell’app Moto. Qui vengono raccolti i 4 tipi di assistenza che lo smartphone è in grado di fornirvi.

Actions permette di assegnare alcune operazioni automatiche da svolgere in base a movimenti o azioni che compiamo sullo smartphone, ad esempio ruotando rapidamente il device si aprirà la fotocamera per uno scatto rapido.

Assist è la vera novità dei Moto X 2015, permette di assegnare alcune impostazioni (come la lettura vocale delle notifiche, la modalità non disturbare, riproduzione via bluetooth ecc.) per determinati luoghi o situazioni. Ad esempio potremo scegliere cosa fare quando siamo alla guida o in riunione.

Moto Display è ormai collaudato, assomiglia al display ambient ma ne espande le caratteristiche. Va compensare la mancanza del led di notifica perchè accenderà lo schermo quando necessario per mostrarvi le notifiche ricevute. Nelle impostazioni potrete scegliere il livello di privacy per ogni app ed eventualmente escluderne alcune.

Moto Voice è un vero e proprio assistente vocale. E’ integrato con Google Now e ne va a compensare i limiti. Potrete interagire con il vostro telefono senza mai sfiorare il display e le operazioni da poter compiere con la vostra voce sono veramente tantissime. Vi consigliamo di guardare la video recensione, che è molto più esplicativa.

In conclusione

Motorola Moto X Play ci ha convinto fin dalla prima accensione e non ha mai smesso di stupirci in questa settima di utilizzo. Partendo dalla batteria fenomenale, fino alla fotocamera, senza dimenticare il display e gli assistenti di Motorola. Insomma, siamo di fronte ad un oggetto tecnologico di grande qualità e privo di evidenti difetti se non un’app fotocamera da rivedere. Se state cercando uno smartphone affidabile, ben costruito e piacevole da utilizzare, allora Moto X Play saprà soddisfare tutte le vostre esigenze ed anche qualcosa in più ai circa 320€ su cui si sta attestando lo street price.

Migliori offerte sul web per Motorola Moto X Play:

Pagella

8.2
Display
7.8
Ergonomia
7.5
Hardware
8.0
Software
9.0
Batteria
8.0
Fotocamera
8.2
Qualità/prezzo
8.0
Materiali
7.8
Audio
9
Esperienza Utente
8.5

XPlay6