Questo sito contribuisce alla audience di

Google chiuderà Google+ entro il 2019 a causa di un grave problema di sicurezza

In pericolo i dati personali di centinaia di migliaia di utenti di Google+ a causa di un bug di cui Google era a conoscenza e che ha deciso di non comunicare: la notizia arriva come un lampo a ciel sereno dopo gli scandali dell’altro colosso della tecnologia Facebook e la vicenda Cambridge Analytica.

La questione, riportata dal The Wall Street Journal, riguarda un bug che ha esposto agli sviluppatori dati personali degli utenti di Google+, il social network non molto fortunato del colosso di Mountain View, tra il 2015 e il 2018. Stando a note interne, non ci sono prove che questo bug sia stato utilizzato, ma è anche impossibile affermare il contrario con certezza.

I dati coinvolti sono ad esempio nomi, indirizzi email, date di compleanno, foto, occupazione e relazioni; sebbene Google+ dia accesso a tali informazioni agli sviluppatori se un utente acconsente, il bug permetteva agli stessi sviluppatori di accedere agli stessi dati anche degli amici dell’utente coinvolto, che a differenza di questo non avevano dato il consenso. Stando a quanto riportato da Google, gli utenti coinvolti dal bug sarebbero circa 500000, mentre post, messaggi e i contenuti della G Suite non sono coinvolti.

Quel che è preoccupante è la decisione di non comunicare nulla agli utenti, presa internamente a Google e di cui il CEO Sundar Pichai era a conoscenza; la decisione sarebbe stata presa per non finire sotto ai riflettori insieme – o al posto – di Facebook nella vicenda di Cambridge Analytica.

Stando a quanto riportato, Google avrebbe scoperto e risolto il bug a marzo di quest’anno; la prossima mossa di Google sarà quella di chiudere la versione consumer di Google+, chiusura che dovrebbe essere completata per agosto 2019 per dare modo agli utenti di spostarsi verso altre piattaforme.

Fonte: Engadget

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Dany

    Non potevano semplicemente comunicare alle 7 persone che lo usavano di cambiare la password

  • Tiwi

    la buona notizia è la sua chiusura

  • Paolo Campi

    Mi pare un prendere la palla al balzo e lasciarlo solo ai business per toglierlo ai consumers…
    La falla c’è stata sia per uno che per l’altro tipologia di utenti

  • Mpj

    Era ora!

  • Ema

    Nooo

  • Giuliano L.

    Non ha senso, se c’è un bug si risolve, e se non è possibile risolverlo, perché aspettare? Bisogna chiuderlo prima del 2019, altrimenti sai che fuga di dati personali ?!!!!!

    • Enibe

      “Stando a quanto riportato, Google avrebbe scoperto e risolto il bug a Marzo di quest’anno;”
      così è scritto nell’articolo.

  • Kro Noss

    Boh, penso abbia più falle Facebook eppure lo utilizzano tutti tranquillamente

  • Walter

    Al momento, sa più di gossip che di altro. E’ vero che Google+ non è particolarmente apprezzato dagli utenti, ma a Google secondo me resta utile, per altro il meccanismo di autenticazione secondo me resterebbe come parte del Google Account, a prescindere dalla chiusura del social.

    • Walter

      Mi rispondo da solo, stavo leggendo i vari contorni della vicenda… https://www.blog.google/technology/safety-security/project-strobe/?mod=article_inline

      • Ema

        Però sempre che lo vogliono chiudere e invece a me piaceva molto più di altri social…

    • Ciao @doomboy:disqus , concordo con la tua analisi. Mi sembra più una sparata per attirare click che una fonte sicura e affidabile. Google Plus non ha mai avuto troppo successo in Italia, ma è anche vero che non ha senso lasciare aperto per gli account business e chiudere gli account personali? Ci parliamo tra account business dopo? :/ Mha!

Top