Ubuntu in arrivo sugli smartphone Android

Il titolo non è frutto di un errore di battitura: Canonical, l’azienda dietro lo sviluppo di Ubuntu, ha finalmente svelato i propri piani per portare il suo sistema operativo nel mondo mobile – e questi non prevedono che il sistema operativo venga adattato al funzionamento nativo su smartphone. Ciò che Canonical sta creando, infatti, è un sistema operativo per l’uso desktop dal proprio smartphone, ovvero un’interfaccia per Android da utilizzare qualora si utilizzi il proprio smartphone su uno schermo di grandi dimensioni (ad esempio, una televisione).

Ironicamente, il modello utilizzato per i test è stato un Motorola Atrix 2: ironicamente poichè tale modello è fra i pochi a disporre nativamente di un’interfaccia desktop chiamata Webtop. L’interfaccia di Ubuntu viene rivelata solo quando il dispositivo è connesso ad uno schermo esterno attraverso la porta HDMI integrata. Tutto ciò è possibile grazie ad una virtualizzazione dell’ambiente a livello del kernel; la versione di Android utilizzata da Canonical è la 2.3 Gingerbread.

Il sistema operativo presentato non arriverà mai, stando alle parole di Canonical, ad essere un sistema operativo completo per cellulari con un proprio hardware. I piani per il mercato mobile per l’azienda sudafricana si limitano a questa applicazione per Android, che è – tra le altre cose – in grado di far girare sia le proprie applicazioni sia le applicazioni installate sul telefono in un classico desktop come quello che tutti siamo abituati ad usare. Ciò significa che è possibile ricevere email, chiamate ed sms sul telefono e gestire il tutto dall’interfaccia di Ubuntu allo stesso modo con cui si gestiscono le operazioni su un desktop od un notebook.

C’è da dire che, purtroppo, la potenza di calcolo richiesta da questa “Ubuntu Mobile Desktop Edition” è notevole: i requisiti minimi sono un processore ARM dual core abbinato a 512MB di RAM. Purtroppo Canonical ha reso subito chiaro che questa nuova forma della creatura di Mark Shuttleworth non sarà open source come lo è invece il sistema operativo che tutti conosciamo, poichè si tratta di una applicazione destinata al mercato OEM: Canonical spera di ottenere accordi con i produttori di dispositivi perchè questi pre-installino Ubuntu sui propri dispositivi che dispongono di una porta HDMI. La scelta di non rendere open source il progetto ci amareggia, ma le scelte di Canonical degli ultimi anni stanno tendendo sempre più ad allontanarla dalla comunità e non possiamo – purtroppo! – dirci stupiti.

 

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Claudio Palmeri

    Molto interessante.

  • Roquentin

    La scelta di non rendere open source il progetto ci amareggia, ma le scelte di Canonical degli ultimi anni stanno tendendo sempre più ad allontanarla dalla comunità e non possiamo – purtroppo! – dirci stupiti.

    http://www.markshuttleworth.com/archives/1011#comment-393741

  • Spero che almeno lo sviluppo del sistema operativo per desktop continui ad essere supportato normalmente come sempre e che non cambino strada del tutto… Perchè in effetti non mi sembra grande idea.. era meglio concorrere con android a questo punto…

  • Cercano di restare ancorati, di non perdere il treno che passa. Quale sarà la tendenza del mercato da qui ai prossimi 5 anni è evidente. Le statistiche di vendita che hanno già sancito il sorpasso di SP e tablet a discapito di PC e NB non lasciano altre interpretazione. Il mondo è “mobile” e sarà sempre più “mobile”. Nell’era del app a 0,49 e 0,99 euro Canonical cerca di non vedere eroso il suo orticello, fatto al momento di desktop. Tutto qui. L’interfaccia di google in metafora web (chromebook/chrome os) pienamente integrata nei firmware stock sarà una sua naturale evoluzione. Stessa cosa per IOS (senza contare le già validissime alternativa sw come AirDroid che richiede un banalissimo browser con support HTML5, che i televisori da qui a 2 anni avranno praticamente built-in). Quale logica contorta dovrebbe far optare ad un produttore di cambiare l’interfaccia del suo SP quando si collega al televisore non oso immaginarla. La Unity di Ubuntu non è un’opzione appetibile secondo il mio parere.

  • Uhmz… Troppe limitazioni per i miei gusti. E anche un pò in ritardo per il mercato. Se sono questi i presupposti, meglio lasciar stare secondo me!

  • Maurizio Salamone

    Tu quoque, Ubuntu, fili mi!!!!

  • deedend

    Mm non so come si fa a modificare un commento in attesa di moderazione, ma mi interesserebbe sapere dove hai letto che non sarà open source. Sul sito di Ubuntu c’è scritto questo:
    “Ubuntu for Android licensing
    Ubuntu for Android components produced by Canonical are generally licensed under the GPLv3 or LGPLv3. Alternative licensing is available on the proviso that Canonical retains discretionary rights to include work done in the public versions of Unity and Ubuntu.”

    Magari ho capito male ma dovrebbe essere rilasciato tutto sotto licenza (L)GPLv3… Grazie

Top