HTC pressata affinchè rilasci il codice sorgente del kernel dei suoi dispositivi

La pagina di Facebook di HTC è stata letteralmente invasa da decine di utenti che hanno provveduto a far sapere alla società taiwanese che sta violando i termini della licenza GPL con cui è rilasciato il kernel Linux, che prevedono che il codice sorgente di lavori derivati venga rilasciato anch’esso sotto GPL e reso di pubblico dominio. Ogni 5 minuti circa, si sono aggiunti commenti di questo tipo:

Please release the kernel source for the EVO 3D, EVO 4G, EVO Shift, Sensation, and Incredible 2. I love HTC devices, but am saddened that HTC refuses to follow GPL requirements to release source code.

Vi preghiamo di rilasciare i sorgenti del kernel dell’EVO 3D, EVO 4G, EVO Shift, Sensation ed Incredible 2. Amo i dispositivi di HTC, ma sono rattristato dal rifiuto di HTC di seguire i termini della licenza GPL riguardo il rilascio del codice sorgente.

Un rappresentante di HTC ha finalmente risposto ai messaggi, dopo che qualcuno aveva accusato la società di cancellare i post degli utenti.

Capisco la vostra preoccupazione riguardo la mancanza del codice sorgente, ed io e Nick [non so chi sia, NdR] saremo più che lieti di chiarire la situazione.
Sfortunatamente, non posso confermare se i commenti siano stati effettivamente rimossi, o se sono stati eliminati a causa di segnalazioni per spam, che è contro le regole di servizio di Facebook – vi ascoltiamo, e non stiamo deliberatamente trattenendo il codice sorgente dal rilascio al pubblico, e stiamo sicuramente pianificando di renderlo disponibile appena sarà pronto.
Stiamo ancora lavorando sul codice sorgente di alcuni dispositivi. Non siamo in grado di fornirvelo ora perchè non è attualmente in un formato accessibile. Ovviamente lavora bene sul telefono, ma per esigenze di sviluppo lo stesso software necessita di funzionare con l’SDK fornito da Google. Affinchè sia privo di difetti per i nostri clienti, ci serve ancora del tempo. Se volete una finestra temporale, la nostra stima è intorno ai 90-120 giorni dal rilascio del dispositivo. A volte (ovvero, la maggior parte delle volte) è pronto prima. Vi assicuro che stiamo lavorando per rendere questo software disponibile ai nostri clienti il prima possibile.

Una spiegazione accettabile, da un certo punto di vista, ma a parer mio insoddisfacente (non penso che le modifiche da effettuare per lavorare con l’SDK siano così enormi da richiedere 3 mesi di lavoro). Da apprezzare tuttavia l’impegno di HTC nel fornire il prima possibile il software agli utenti.

[Via phandroid.com]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • strano, perchè HTC ha sempre rilasciato i codici sorgente disponibili per il download alla pagina dedicata agli sviluppatori: andate su http://developer.htc.com/ e vedrete che ci sono tutti e nelle varie versioni di firmware, inclusi Incredible 2 (S) e EVO 4G. Mancano sono EVO 3D e Sensation che HTC ha già detto stanno per esssere pubblicati.

    • giovomin78

      Ciao Flavio, non si mette in dubbio il precedente operato di HTC, alla quale anzi va un plauso per quanto fatto in merito. Rimane comunque da capire come mai, questa volte i rilasci stiano ritardando al punto di dover far intervenire gruppi di utenti con richieste di massa. Non voglio assolutamente asserire che HTC stia cambiando politica, ma tra bootloader bloccati, terminali che non vengono aggiornati per presunti "problemi di memoria" e adesso anche ritardi sul rilascio del codice, non vorrei che HTC visto l'ampiamento notevole del mercato stia perdendo di vista le politiche aziendali per cui è stata fin ora tanto apprezzata. Comunque il non rilasciare il sorgente al momento dell'immissione sul mercato del prodotto è una moda pericolosa, soprattutto perchè è VIETATO dalla GPL. La stessa Google con Honeycomb sta facendo lo stesso gioco… è codice open, e come tale deve essere accessibile. Non devono esistere casi particolari, ne dettati da simpatia personale verso un'azienda, ne dalla precedente manifesta buona condotta.

      • Mark75

        HTC Desire: l'aggiornamento è già disponibile, molti lo stanno scaricando
        HTC Desire HD: aggiornato due mesi fa
        HTC Sensation: aggiornato 10 giorni fa, ma era già nativo Gingerbread
        HTC Desire S: già nativamente Gingerbread
        HTC Incredible S: già nativo Gingerbread
        HTC Desire Z: aggiornamento Gingerbread una settimana fa
        Bootloader: da agosto e gradualmente sbloccato per tutti gli smartphone a partire dal Sensation
        Codici sorgenti: unica azienda ad averli resi disponibili fin dal primo momento, per tutti i dispositivi.

        Ritardando???

        • giovomin78

          Non si sta dicendo che HTC è cacca e che i possessori di HTC sono cacca.. si sta dicendo che esistono terminali in commercio per i quali non sono stati rilasciati i sorgenti. Poi HTC può anche aver costruito ospedali per i bisognosi, rimane il fatto che per EVO 3D e Sensation non sono presenti i sorgenti. Le licenze non sono un gioco.
          Poi sia io, che voi, sappiamo che HTC rilascerà a breve tutti i sorgenti incriminati. Rimane il fatto che si tratta di una azienda di profitto, e come tale, necessita di sorveglianza. Almeno se si vuole far valere la licenza GPL. Stop.

          Comunque Ok, non si vuol capire, fine delle comunicazioni.

          Buona giornata a tutti.

  • giovomin78

    E brava HTC, da paladina dell'innovazione (soprattutto quando deve difendersi in tribunale) a pura violatrice di licenze GPL. Non che gli altri produttori siano più aderenti alle specifiche della stessa licenza.. Sono curioso di sapere quando sarà effettivamente rilasciato!

    Solo un appunto: c'è poco da apprezzare l'impegno nel fornire il software, HTC DEVE fornire il codice sorgente… altrimenti si che c'è il concreto rischio di ritiro dei prodotti dal mercato..

Top