Android e la batteria: come ottimizzarne l’uso | Guide Android

battery_drain-100016351-large

Per quanto riguarda la gestione della batteria Android sfrutta un file chiamato “batterystats.bin“. Cos’è e come possiamo gestirlo noi? Il file è un contenitore delle statistiche della batteria ossia percentuale di carica (voltaggio attuale su voltaggio massimo) e dell’orario in cui questo viene controllato.

La frequenza di aggiornamento del file è ininfluente perché il problema principale è che, quando connettiamo il nostro smartphone, alla batteria che presenta una differenza di potenziale paria a 3,7Volts viene applicata una di circa 5Voltsad una ben determinate intensità di corrente. Non vogliamo scendere in dettagli tecnici più inoltre, ma puntualizzare una cosa soprattutto: la differenza di potenziale non è la corrente elettrica, sono due cose diverse. Purtroppo, quando il carica batterie è connesso al nostro teminale, questa differenza di potenziale è sfalsata quindi dobbiamo cercare di eliminarla dalle statistiche della batteria.

Lo 0% farà spegnere il dispositivo, sia o meno veritiero. Si perché a volte può darsi che il terminale rilevi che l’accumulatore di energia sia allo 0% ma in realtà la cosa non sta così e rimane ancora qualche unità percentuale sfruttabile. Ok, come ovviare allora? Il processo è abbastanza semplice e va sotto il nome di “Ciclo di ricarica completo”. Raccomandato da tutti gli OEM, ma poco attenzionato dagli utenti, consiste nel far scaricare la batteria fino ad almeno il 20% e lasciare il terminale sotto carica per un bel po’, magari tutta la notte.

Chi ha la colpa? Beh un batterystats.bin errato sicuro e per “correggerlo” ci sono tanti modi, classificabili in “rooted” e “non-rooted” di cui sul nostro forum esiste una dettagliatissima guida realizzata da tempo dal nostro affezionato utente Ciccio_79. Qualsiasi metodo scegliate è efficace e nessuno non valido, basta costringere Android a rigenerare il file incriminato. Trovate tutti i metodi nella discussione al seguente topic sul nostro forum.

[Guida] Calibrazione Batteria

Quello che ci sentiamo di consigliarvi è il più banale di tutti e di cui vi avevamo dato un cenno prima: fate scaricare il terminale al di sotto del 20%, se riuscite a farlo spegnere del tutto è meglio. Mettetelo sotto carica da spento tutta al notte, se potete, ed avviate a carica eseguita con il carica batterie inserito. Spegnete ed attendete almeno 1h ancora sotto carica. Riaccendete e dovreste notare discreti miglioramenti. Una prova? Qui di seguito.

Screenshot_2013-01-16-19-04-55

Uso moderato, sms, navigazione interne, qualche giochino e niente di che se non qualche telefonata per una durata massima di meno di 1h. Ma un intero giorno e 10 ore di uso moderato si trasformano abbastanza facilmente in almeno 10-12 ora di uso medio intenso. Ah, dimenticavo che la batteria del terminale è da 1850mAh ed abbimao eseguito il test su xperia T, quindi ancora su livelli non troppo alti in termini di capienza, ma con un uso ottimizzato la si sfrutta a pieno.

Che ne pensate? Inizierete a prendervi cura della vostra batteria o lo state già facendo? Fateci sapere anche se vi è stato di aiuto questo nostro excursus.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • sarà effetto placebo ma a me ha funzionato. Ho s3 e ce l’ha anche mia morosa e al di là dell’utilizzo diverso che ne possiamo fare il mio ha dato sempre l’impressione di scaricarsi troppo velocemente rispetto al suo. Anche solo scrivendo messaggi. Dopo due giorni che ho provato questo processo mi sembra che i valori di durata del mio telefono siano più simili al suo. Sono soddisfatto.

  • tutte queste guide sul batterystats.bin sono assolutamente inutili:
    tempo fa un ingegnere software di google (di quelli che sviluppano android) ha scritto un post su google+ in cui scriveva (molto divertito) che cancellare il batterystats.bin è inutile infatti quel file serve solo a mostrare le statistiche della batteria nelle impostazioni e SI CANCELLA DA SOLO OGNI VOLTA CHE LA BATTERIA VIENE CARICATA AL 100%.

    Quindi tutti i miglioramenti riscontrati da alcuni sono solo un effetto placebo.
    inoltre lo screenshot nell’articolo è assolutamente inutile e poco indicativo, il fatto che lo schermo sia al secondo posto mostra che lo schermo in realtà non è stato acceso cosi tanto tempo.
    con galaxy nexus e cm10.1 sono ora al 41% dopo 26h e 1h30m di schermo acceso.

  • tizianobrandolino

    sapevo che era consigliato fare sempre dei cicli completi, ma sconsigliavano di farlo morire proprio… cmq questa procedura è da fare sempre oppure ogni tanto? io di solito aspetto sempre che sia sotto il 20% e faccio una carica piena, ma non lo lascio tutta la notte…

  • Pingback: Android e la batteria: come ottimizzarne l’uso | Guide Android – Tutto Android | ObondO Labs()

  • paino

    tempo fa ho provato questo metodo, e sinceramente non mi è cambiato nulla. sicuramente non ha peggiorato ma neanche migliorato. C’è da dire pero’ che le batterie al litio si rovinano sia lasciandole in carica troppo tempo, sia portandole alla scarica completa.

    sinceramente il grafico riportato non è indicativo, io con il mio nexus s (batteria originale da 1500) ci sono arrivato anche a 2gg (50 ore circa) ma con una sola ora di di schermo acceso (e quella rom era tutto tranne che battery friendly)… la cosa piu importante è vedere lo schermo acceso quanto dura, ma soprattutto un confronto di utilizzi simili prima e dopo

  • Lo screenshot mostrato nell’articolo non è per niente interessante: se lo schermo ha consumato metà del processo “sistema Android” vuol dire che è stato acceso pochissimo tempo, e 1 giorno e 10 ore con quel tipo di uso è un risultato decisamente mediocre. Con lo stesso tipo di uso (e una batteria da 2000 mAh) il mio Nexus fa tranquillamente due giorni e oltre, e se lo uso solo come telefono (= niente internet) può durare fino a 9 giorni. La mia batteria, naturalmente, è ben calibrata. ;-)

  • questi cicli di carica li ho sempre fatti, anche facendo caricare la notte da acceso, e con un utilizzo medio-basso arrivo a due giorni, a volte tre di autonomia col Galaxy Nexus

  • Ezio Provaroni (FB)

    chi sostiene l’inefficacia della tecnica dovrebbe argomentarla

  • non e’ vero..funziona..fate scendere la carica sul 3-5% spegnete il telefono e mettetelo sotto carica (SPENTO) fino al 100%..poi togliete la batteria per un 5minuti, riinserite ( vi chiedera’ di modificare data e ora ), noterete una bella differenza, o almeno per me e’ stato cosi.

  • Carlo Borrometi ti può interessare? A me si

  • Danilo Patrelli (FB)

    fesserie

Top