Negli ultimi anni la politica di costante aumento dei prezzi sugli smartphone di fascia alta ha senz’altro favorito il proliferare di smartphone medi gamma o base gamma che ormai sono in grado di soddisfare molte più esigenze che in passato. Questo, Realme, lo ha capito bene e anche quest’anno, puntuale come sempre, ha rilasciato il suo nuovo dispositivo economico, Realme C67. È di fatto l’erede del Realme C55 dello scorso anno che ha perso però il suo aspetto anonimo e poco curato in favore di una maggior qualità e gradevolezza estetica. Ci avrà soddisfatto? Ve lo raccontiamo in questa recensione.

Video Recensione Realme C67

Design & Ergonomia

Realme C67 ci ha stupito da subito, perché il suo design e la cura per i materiali hanno subito evidenziato la volontà del produttore cinese di creare uno smartphone economico ma senza rinunce. I materiali è vero rimangono gli stessi di sempre e la plastica la fa da padrona sia per ridurre i costi che, fortunatamente, anche il peso. I suoi 185 grammi non sono pochissimi è vero, ma sono senz’altro ben distribuiti e giustificati dall’uso di un ampio display da 6.72″ di diagonale.

Il design è squadrato, in linea con la stragrande maggioranza di smartphone di provenienza asiatica, ma come abbiamo capito bene questo favorisce notevolmente la presa che è sempre salda nonostante le dimensioni generose. Lui misura infatti 164.6 x 75,4 x 7.59 mm di spessore, pur vantando, come vedremo, la presenza di un’ampia batteria da 5000 mAh.

Il pannello frontale come abbiamo visto è di ampie dimensioni e di ottima qualità per la sua fascia di prezzo. Si tratta di un IPS LCD con risoluzione FHD+ e un rapporto screen to body superiore al 91%. Pur essendo abituati a display AMOLED dobbiamo riportare che la riproduzione dei colori è abbastanza fedele ma i contrasti sono poco accentuati rispetto a quanto ci saremmo aspettati. Lui ha però due peculiarità importanti, in primis il refresh rate a 90 Hz, spesso assente anche su smartphone di fascia superiore. In secondo luogo ha una luminosità di picco di 950 nits, sufficienti almeno in questo periodo dell’anno per fruire la multimedialità del dispositivo a pieno. Purtroppo però durante l’utilizzo il feedback aptico ci ha deluso, risultando incompleto e troppo zanzaroso.

display realme c67

Se vogliamo trovargli un tratto distintivo rispetto al mercato di fascia bassa non possiamo non menzionare la presenza della “Minicapsula“, una copia, senza troppa utilità, della Dynamic Island di Apple. C’è da dire però che funziona solo per determinate applicazioni e questo la rende inutile e poco sfruttabile. Trattandosi di un pannello IPS non troviamo la presenza del lettore d’impronte digitali che il produttore ha invece montato sul bordo destro del dispositivo. Per i più nostalgici troviamo anche il jack audio da 3.5 mm per collegare un paio di cuffie a cavo.

minicapsula realme

Hardware & Prestazioni

A bordo della nostra versione di Realme C67 troviamo un Soc di casa Qualcomm con un pochino troppo di primavere alle spalle, lo Snapdragon 685. In questo inizio 2024 c’è da dire che la scelta del produttore è piuttosto opinabile, specialmente vista la miriade di processori immessi sul mercato da Mediatek che per minor costo spesso offrono anche il supporto alle reti di quinta generazione.

Il comparto hardware è poi completato dai 6 o 8 GB di memoria RAM che può essere aumentata virtualmente con il RAM Boost messo a disposizione del produttore. Se poi i 128 o 256 GB di storage a disposizione non dovessero essere sufficienti è presente la possibilità di inserire una Micro SD fino ad un massimo di 2 TB.

hardware realme c67

Se deciderete di acquistarlo non aspettatevi un dispositivo brillante e prestante, ma nemmeno un dispositivo inutilizzabile. Realme C67 va infatti bene per task quotidiani semplici che spaziano dalla navigazione web all’uso di applicazioni di messaggistica, ma è senz’altro meno adatto al gaming o al rendering di contenuti video e foto.

Funzionalità

A livello software invece non possiamo proprio lamentarci, in quanto Realme C67 arriva già con Android 14 e patch di sicurezza aggiornate a novembre 2023. La Realme UI è poi un’interfaccia completa e ben funzionante che mette al centro le necessità dell’utente, implementando una serie di impostazioni comode e funzionali. Non si tratta di un software particolarmente invasivo dal punto di vista estetico e non strizza esageratamente l’occhio alle interfacce asiatiche pesanti e colorate.

Fotocamera

Uno dei cavalli di battaglia del produttore cinese è stato proprio il comparto fotografico. Realme C67 monta infatti un sensore principale da 108 megapixel, aiutato da un secondo sensore in bianco e nero da soli 2 megapixel. Numeri importanti e necessari su uno smartphone che vuole vantare uno zoom lossless 3X, ma che purtroppo invece garantisce risultati appena sufficienti nei vari test da noi effettuati.

Di giorno e con sensore principale gli scatti hanno un buon livello di dettaglio e un bilanciamento del bianco sufficiente per un utilizzo social, purtroppo però di notte gli scatti sono poco definiti e in generale si nota che il comparto è da dispositivo base gamma. Bene invece l’interfaccia software, completa e ricca di funzioni utili per migliorare i nostri scatti. I video potranno essere registrati alla massima risoluzione di 1080P a 30fps, il minimo sindacale in questo inizio 2024.

Autonomia

Nonostante lo spessore contenuto all’interno di Realme C67 troviamo una batteria da 5000 mAh, capienza diventata abbastanza standard sui dispositivi di provenienza asiatica. Questa ci permette senza troppe rinunce di superare la singola giornata di utilizzo e con i futuri aggiornamenti del dispositivo potrebbe avere anche ulteriori margini di miglioramento. La ricarica è di tipo veloce a 33W ed il carica batterie è fornito in dotazione, contrariamente a quanto avviene sui dispositivi base gamma di altri brand blasonati.

batteria realme c67

In conclusione

Realme C67 è uno smartphone equilibrato che si fa apprezzare per il suo design, per le prestazioni accettabili e per un’interfaccia software completa e ben strutturata. Si tratta di un dispositivo perfetto per tutti coloro che vogliono spendere poco e magari non hanno esigenze di uso intensivo. Il prezzo è infatti uno dei suoi punti a favore, specialmente con le varie offerte che fanno scendere la versione 6/128 GB sotto la soglia dei 160€, disponibile all’acquisto su Amazon.

In alternativa, per coloro che hanno bisogno di più memoria, esiste anche la versione da 256GB con un aumento di prezzo di circa 20€, disponibile all’acquisto su Amazon.