A poco più di un anno di distanza dal modello precedente, il produttore cinese OUKITEL torna sul mercato con l’evoluzione del dispositivo che rivendica la corona di smartphone con la maggior autonomia presente sul mercato.

OUKITEL K10000 Pro, con la sua batteria da 10.000 mAh punta senza mezzi termini a offrire un’autonomia da record, anche se per farlo deve necessariamente ricorrere a qualche sacrificio. Lo scorso anno le prestazioni erano state messe in secondo piano ma quest’anno OUKITEL ha fatto le cose per bene, sfornando un dispositivo davvero molto interessante, pur se con tutti i limiti di peso e dimensioni.

Sono proprio questi i dati più importanti da prendere in considerazione: 161,7 x 77,8 x 14 millimetri e un peso di 288 grammi. Non si tratta di un campione di ergonomia e il peso lo rende davvero impegnativo, insieme allo spessore e agli spigoli abbastanza marcati, che non consentono di trovare un’impugnatura particolarmente comoda. Detto questo sono comunque riuscito a utilizzarlo con una sola mano senza particolari problemi, anche se mai per più di dieci minuti alla volta.

La sensazione di solidità trasmessa da OUKITEL K10000 Pro è davvero ottima. Un corpo metallico con finiture spazzolate e una cover posteriore in pelle che facilità la presa, evitando che lo smartphone possa scivolare di mano. Molto particolare la zona della fotocamera posteriore, che include anche il lettore di impronte digitali. Quest’ultimo è molto preciso a patto di centrarlo al primo colpo e, da questo punto di vista, la presenza di una placca metallica tutto intorno non rende sempre facile l’individuazione dell’area corretta.

Il vetro anteriore ha un trattamento oleofobico essenziale e tende a trattenere abbastanza lo sporco, ma niente di realmente fastidioso. Sotto al vetro protettivo, particolarmente resistente, troviamo un pannello FullHD da 5,5 pollici, un netto miglioramento rispetto a quello dello scorso anno. La luminosità è davvero buona in ogni condizione di luce, grazie anche a un sensore rapido ed efficace e all’intervento del software che adatta la luminosità al contesto in maniera davvero precisa.

Il sistema operativo è Android 7.0 Nougat, senza particolari personalizzazioni se non alcune gesture e la presenza di Parallel Space per duplicare applicazioni come WhatsApp o Telegram. Il comportamento è sempre ineccepibile grazie a un SoC MediaTek MT6750T con CPU octa core a 1,5 GHz e una GPU Mali T860. Pur senza eccellere in nessun campo, si tratta di una unità che, grazie ai 3 GB di RAM e ai 32 GB di memoria interna, garantisce una fluidità complessiva davvero buona. Non ho mai riscontrato impuntamenti o rallentamenti, tranne qualche incertezza nella navigazione con Google Chrome.

Il comparto fotografico è nella norma, con un sensore posteriore da 13 megapixel e uno frontale da 5 megapixel. Quest’ultimo svolge il suo lavoro senza infamia né lode e vi permetterà di scattare selfie sufficienti di giorno, mentre di notte la situazione peggiora inevitabilmente. La fotocamera posteriore non mostra particolari problemi e in buone condizioni di luce offre scatti di discreta qualità, considerando ovviamente la fascia di prezzo in cui si colloca. Anche in questo caso la situazione peggiora di notte ma i risultati sono ancora accettabili.

La connettività è di buon livello con WiFi 802.11 a/b/g/n. Bluetooth 4.2, GPS, supporto 4G/LTE, dual SIM e connettore microUSB. La ricezione WiFi è buona e stabile così come quella del Bluetooth. OUKITEL K10000 Pro, a differenza di tanti smartphone cinesi, supporta la banda 20 delle reti 4G, con un segnale stabile e di buona qualità. Le chiamate risultano sempre chiare, l’audio in capsula è nitido e non ci sono problemi di qualità delle telefonate.

Lo speaker collocato in basso ha una potenza discreta ma nulla più, sufficiente comunque per l’audio dei giochi o per qualche video. La qualità costruttiva è molto buona e il design è davvero molto particolare. Molti componenti sono fissati con delle viti Torx a vista che donano un look insolito ed eccentrico, che non passerà certamente inosservato tra gli amici.

Il punto forte di OUKITEL K10000 Pro è ovviamente la batteria, che grazie al caricatore da [email protected] consente una ricarica rapidissima in circa 2 ore. Ci vuole invece molto più tempo e impegno per riuscire a scaricare la batteria. Nei miei test ho raggiunto quasi 17,5 ore di schermo acceso con un uso non particolarmente impegnativo, spalmate su quattro giornate. Con un uso più intenso invece è possibile raggiungere risultati ancora migliori in tempi più ristretti e superare le 20 ore di schermo acceso in due giorni di utilizzo.

Sono riuscito a ottenere circa 12 ore di schermo in una sola giornata, consumando quasi il 50% di batteria, con quasi 4 ore di video, parecchia navigazione Internet, qualche telefonata e un mix di chat, giochi e applicazioni varie. Sono comunque presenti sistemi di risparmio energetico che, sacrificando le notifiche push e la connessione in background, vi permetterà di estendere ulteriormente un’autonomia da record, arrivando, in caso di estrema necessità, a una settimana senza ricarica.

Nella confezione di vendita è incluso anche un cavetto OTG che vi permetterà, nei momenti di bisogno, di utilizzare OUKITEL K10000 Pro come se fosse un power bank. Il prezzo è molto interessante visto che potrete acquistarlo a circa 160 euro su GearBest ancora per alcuni giorni oppure a 225,99 euro su Amazon.

Se il peso e le dimensioni non vi spaventano, o se l’autonomia per voi viene prima di tutto, OUKITEL K10000 Pro potrebbe rivelarsi un piacevole acquisto, in grado di dare più di una soddisfazione oltre a garantirvi un sacco di domande da amici e parenti incuriositi da questo “mattoncino” indistruttibile e quasi immortale.