Recensione Lenovo P2 – Molti di voi ci hanno chiesto questo smartphone a gran voce, si tratta di un dispositivo appartenente alla fascia media, con un’autonomia fuori dal comune, buone prestazioni ma alcuni difetti, di cui uno abbastanza importante.
Uno smartphone che l’azienda sembra aver prodotto per un target ben specifico. Per questo motivo vi consigliamo di leggere attentamente la recensione di Lenovo P2 e guardarla sul nostro canale YouTube, qualora siate interessati al dispositivo.

Video recensione di Lenovo P2

Hardware & Connettività

Il processore di Lenovo P2 è il Qualcomm Snapdragon 625, già visto su molti altri smartphone della fascia media, con ben 4 GB di RAM e 32 GB di memoria interna espandibile con MicroSD, o in alternativa è possibile inserire due SIM in Dual Standby.

VEDI ANCHE

Lenovo P2

Per fortuna è presente il Wifi a/b/g/n/ac, quindi con supporto alla banda a 5GHz. Lo smartphone ha una buona ricezione, anche se non è tra i migliori visto che non ha segnale in zone molto buie dove c’è qualche smartphone che riesce ad avere almeno il segnale telefonico. L’audio in capsula è, invece, davvero ottimo.

Prestazioni

Per quanto riguarda le prestazioni, abbiamo visto lo Snapdragon 625 comportarsi sempre piuttosto bene, in questo caso riesce a far girare il tutto in maniera piuttosto veloce, anche se con qualche incertezza in più rispetto ad altri dispositivi della stessa fascia. Qualche volta capita che la home venga ricaricata, nulla di fastidioso, anche perché il dispositivo gira sempre molto bene e riesce a starvi dietro senza particolari problemi. Anche Real Racing 3 non ha particolari lag, supportato dall’Adreno 506.

Ergonomia, Design & Materiali

Il design di Lenovo P2 non è particolarmente ricercato, anzi considerando gli altri smartphone usciti nel corso del 2016 risulta piuttosto banale e scontato. Il retro è in alluminio con due parti in plastica sopra e sotto per le antenne e leggermente curvo lungo i bordi per mascherare lo spessore che è di circa 8.5mm. Anche il bordo è in alluminio, con una fresatura sugli spigoli che gli da un tocco di classe.

Recensione di Lenovo P2

Anteriormente c’è un vetro piatto con bordi attorno al display ingombranti, soprattutto nella parte superiore e inferiore dove è presente il tasto home fisico che è anche un sensore per le impronte digitali. L’impronta viene riconosciuta velocemente ma la percentuale di corretto funzionamento non è altissima.

Parlando di ergonomia non si può non considerare il peso, di circa 180 grammi. Tuttavia lo smartphone può giustificarsi con una batteria molto capiente, insomma per avere un’autonomia stratosferica bisogna rinunciare alla comodità. Il dispositivo, nonostante tutto, si maneggia abbastanza bene, ma l’utilizzo a una mano ne è compromesso.

Recensione di Lenovo P2

Sulla sinistra troviamo un tasto fisico dedicato che ci permette di inserire rapidamente il risparmio energetico avanzato, con lo schermo che diventa nero per ridurre i consumi al minimo. Purtroppo questo tastino non è personalizzabile.

Display, Audio & Multimedia

Il display di Lenovo P2 è un Super AMOLED. Su un dispositivo di questa fascia di prezzo non è molto frequente vedere un pannello con questa tecnologia, anzi si tratta di un qualcosa di più unico che raro.

L’unità è da 5.5 pollici e FullHD, come da tradizione per i Super AMOLED abbiamo colori molto belli e accesi, neri assoluti e contrasti ottimi, il tutto accompagnato da una luminosità più che buona. In generale non arriviamo ai livelli dei pannelli Samsung che hanno ancora qualcosa in più come fedeltà e bilanciamento dei colori, ma siamo davvero su un’unità ottima.

Recensione di Lenovo P2

L’audio risulta molto buono e con un ottimo volume, anche se oltrepassando una certa soglia il tutto inizia a gracchiare e a perdere di qualità.

Fotocamera

All’inizio della recensione di Lenovo P2 vi abbiamo parlato di alcuni difetti, il più grande di questi è di sicuro relativo alla fotocamera. Troviamo un sensore da 13 MP con flash led a doppia temperatura di colore. Il software ha le funzioni che servono: una modalità manuale, senza però la possibilità di scattare in RAW, quella per le foto notturne e l’HDR, purtroppo non automatico. C’è anche una modalità smart che è possibile disattivare, la quale riconosce automaticamente la scena e muove le impostazioni in maniera intelligente.

Recensione di Lenovo P2
La qualità delle foto in diurna non è al top della fascia, c’è un po’ di difficoltà nel gestire le luci forti e qualche volta le foto mostrano qualche artefatto di troppo, tutto sommato però si riescono a ricavare degli scatti accettabili nella maggior parte dei casi.

I veri problemi vengono fuori quando la luce cala, è praticamente impossibile con questo dispositivo tirare fuori degli scatti decenti di sera, lo smartphone fatica a mettere a fuoco e quando ci si riesce il rumore è davvero molto, tanto che si fa fatica a distinguere gli elementi, insomma c’è qualcosa che non va.

Recensione di Lenovo P2

Vi invitiamo a scaricare le foto a risoluzione completa da questo link per capire meglio di cosa stiamo parlando. Una fotocamera che in generale ci sentiamo di bocciare: ci sono dispositivi sulla stessa fascia di prezzo o che costano addirittura meno e che fanno decisamente meglio. Al chiuso con le luci artificiali abbiamo solo un po’ di difficoltà nel mettere a fuoco, ma le foto hanno una qualità accettabile.

Fotocamera frontale e video

Per quanto riguarda la fotocamera frontale risulta buona, anche qui un po’ di difficoltà nel gestire le forti fonti di luce ma ci può stare, i visi invece sono abbastanza naturali anche se a luce bassa la qualità peggiora non poco.
Per i video vale lo stesso discorso fatto per le foto. La stabilizzazione è solo digitale, la qualità in diurna è tutto sommato accettabile ma non al top per la fascia, mentre di sera il tutto diventa ingestibile: il software alza in maniera eccessiva ISO e tempi e il risultato è quello che vedete all’interno della video recensione.

Batteria & Autonomia

Come vi abbiamo anticipato all’inizio della recensione di Lenovo P2, questo smartphone ha un’autonomia stratosferica. La capacità è da ben 5100 mAh, che unita al processore poco esigente in quanto a risorse e a uno schermo con dimensione e risoluzione “standard”, riesce a supportare tranquillamente i due giorni di utilizzo molto intenso. Raggiungiamo facilmente otto ore o poco più di schermo acceso, qualche volta sfiorando anche le nove ore.

Recensione di Lenovo P2 Recensione di Lenovo P2

Abbiamo provato anche ad utilizzarlo in maniera asfissiante in un lasso di tempo più stretto, raggiungendo addirittura le dieci ore di schermo su un giorno e cinque ore di standby. Insomma sono valori fuori dal comune, sotto questo aspetto non possiamo che dare il massimo dei voti.

Software

Il software di Lenovo P2 si basa su Android 6.0 Marshmallow, e dovrebbe ricevere Android 7.0 Nougat anche se non si hanno tempistiche precise e dichiarazioni ufficiali al momento.

Recensione di Lenovo P2

Abbiamo la possibilità di gestire tutto con il tasto home e nascondere i tasti software: con un tocco prolungato potremo aprire il multitasking, con uno semplice tornare indietro. Avremmo comunque preferito dei tasti capacitivi più comodi, che sfruttassero i vuoti attorno al tasto home.

L’aspetto dell’interfaccia è abbastanza stock, possiamo svolgere alcune operazioni come impostare un ambiente protetto con l’impronta, attivare le app doppie, attivare l’utilizzo a una mano, il doppio tap sullo schermo e tante altre piccole funzioni utili e interessanti.

Per quanto riguarda le app non abbiamo particolari aggiunte, c’è la radio FM e poco altro, si tratta quindi di un software abbastanza pulito e con qualche piccola chicca.

In conclusione

Concludiamo la recensione di Lenovo P2 cercando di riassumerla in pregi e difetti. Fondamentalmente sono due i parametri che dovranno veicolare la vostra scelta: se amate fare fotografie con la fotocamera posteriore potete stare lontani da questo dispositivo, se le fotografie non vi interessano molto perché utilizzate lo smartphone soprattutto per lavoro, la magnifica autonomia di questo smartphone è da tenere in considerazione.Recensione di Lenovo P2

Ci sono, tuttavia, altri fattori che potrebbero aiutarvi nella scelta, come lo schermo Super AMOLED di ottima qualità, che non troviamo spesso su device di questa fascia, oppure l’ergonomia e le dimensioni non propriamente contenute.

Lenovo P2 ormai può essere acquistato online, e non solo, attualmente tra i 290 e i 330 euro, o poco meno, anche in base alla colorazione che cercate e al negozio a cui vi rivolgete: si tratta di un prezzo che lo mette in diretta competizione con altri dispositivi con hardware simile, ma che fanno peggio per quanto riguarda l’autonomia e meglio per la fotocamera.

Pagella

8.4
Display
6.8
Ergonomia
8.0
Hardware
8.0
Software
10.0
Batteria
6.0
Fotocamera
7.5
Qualità/prezzo
8.5
Materiali
7.8
Audio
7.8
Esperienza Utente
7.9