Carl Pei vuole fare lo stagista presso Samsung

Carl Pei vuole fare lo stagista presso Samsung
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/09\/carlpei_big.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/09\/carlpei_big-460x256.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/09\/carlpei_big-635x353.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/09\/carlpei_big.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/09\/carlpei_big.jpg"}, "title": "Carl Pei vuole fare lo stagista presso Samsung" }

Se non conoscete il personaggio fotografato nell’immagine di copertina, non preoccupatevi eccessivamente, non si tratta di un personaggio di fama mondiale come Tim Cook o Hugo Barra. Se però siete fan di OnePlus avrete certamente riconosciuto Carl Pei, CEO e co-fondatore della startup cinese.

Eppure se lo vedeste aggirarsi per gli uffici di una qualsiasi filiale di Samsung, con umili mansioni tipicamente assegnate ad uno stagista, non vi meravigliereste, è facile scambiarlo per uno dei tanti studenti che si pagano gli studi lavorando.

Sembra una storia senza senso eppure si tratta dell’ultima “provocazione” di Carl Pei, lanciata attraverso una lettera aperta a Samsung pubblicata su un sito creato ad-hoc, carl.tech. Il CEO di OnePlus ammette che la sua società ha commesso un sacco di errori anche con OnePlus 2, che risulta ancora difficile da acquistare per i milioni di fan che aspettano con ansia la disponibilità di un invito.

Proprio per questo Carl Pei fa una proposta seria a Samsung, chiedendo di poter apprendere i segreti che hanno permesso al colosso coreano, fondato 77 anni fa, di diventare il numero uno al mondo nel settore mobile. In cambio il CEO di OnePlus offre la possibilità ad un dirigente di Samsung di visitare gli uffici della società cinese ed apprendere come riuscire a catturare l’attenzione dei propri utenti e come imparare a soddisfare le loro richieste.

Carl Pei chiude la sua lettera sperando in una risposta da parte di Samsung. Potrebbe sembrare una provocazione o l’ennesima abile mossa strategica per attirare l’attenzione dei media su OnePlus, ma crediamo che uno scambio di idee e progetti potrebbe giovare ad entrambi, anche un colosso come Samsung ha ancora tante cose da imparare.

Via