I lavori del team di sviluppatori di Google relativi ad Android 15 sono ancora in corso ma le varie versioni già rilasciate ci hanno permesso di scoprire in anticipo alcune delle novità che verranno implementate.

I principali produttori di smartphone hanno già iniziato a lavorare sull’update che porterà Android 15 sui rispettivi device e ciò riguarda anche Realme, che ha in programma di aggiornare numerosi modelli.

Ecco quali smartphone di Realme dovrebbero ricevere Android 15

Questo è l’elenco degli smartphone di Realme che dovrebbero ricevere Realme UI 6.0, la versione dell’interfaccia personalizzata del produttore asiatico basata su Android 15:

  • Realme GT 5
  • Realme GT 5 240W
  • Realme GT 5 Pro
  • Realme GT 3
  • Realme GT 2
  • Realme GT 2 Pro
  • Realme GT 2 Explorer Master Edition
  • Realme GT Neo 6
  • Realme GT Neo 6 SE
  • Realme GT Neo 5
  • Realme GT Neo 5 SE
  • Realme GT Neo 5 240W
  • Realme 12
  • Realme 12+
  • Realme 12x
  • Realme 12 Lite
  • Realme 12 Pro
  • Realme 12 Pro+
  • Realme 11 4G
  • Realme 11 5G
  • Realme 11x 5G
  • Realme 11 Pro
  • Realme 11 Pro+
  • Realme 10 Pro
  • Realme 10 Pro+
  • Realme P1
  • Realme P1 Pro
  • Realme Narzo 70
  • Realme Narzo 70x
  • Realme Narzo 70 Pro
  • Realme Narzo 60
  • Realme Narzo 60x
  • Realme Narzo 60 Pro
  • Realme C67 4G
  • Realme C65 4G
  • Realme C65 5G

C’è da precisare che questo elenco non è quello definitivo, in quanto fino ad oggi Realme non ha fornito dettagli su quali smartphone ha in programma di aggiornare ad Android 15 ma è comunque stato redatto sulla base di quelle che sono le politiche del produttore per quanto riguarda gli update.

Quando potrebbe arrivare l’aggiornamento

Allo stato attuale Android 15 è in fase beta, che durerà fino a giugno 2024 (almeno secondo la roadmap ufficiale) e, una volta raggiunta una release stabile, Google smetterà di aggiungere nuove funzionalità e si concentrerà piuttosto sulla risoluzione dei bug e sugli aggiustamenti finali.

Per il rilascio della versione finale probabilmente ci sarà da attendere sino ad ottobre e da quel momento i vari produttori si dedicheranno all’implementazione del nuovo OS nei rispettivi device.