Oltre alle novità previste per diversi servizi Google che abbiamo visto, ce ne sono diverse in arrivo anche su Google Maps (e Ricerca Google): alcune sono state annunciate ufficialmente dalla casa di Mountain View, altre ve le anticipiamo in attesa di conoscerne tutti i dettagli. Andiamo a scoprirle tutte, anticipandovi che molte riguardano la sostenibilità ambientale e i possessori di auto elettriche.

Google Maps e Ricerca accolgono modi più sostenibili per gli spostamenti

Google Maps continua a evolversi e quest’oggi la casa di Mountain View ci anticipa alcune novità interessanti in arrivo, riguardanti soprattutto la sostenibilità. L’app sta accogliendo una funzione che mostra i trasporti pubblici o i percorsi a piedi accanto ai percorsi in auto, se i tempi di viaggio sono comparabili e pratici. Questa novità si farà vedere nelle prossime settimane in diverse città sparse per il mondo, tra le quali Amburgo, Amsterdam, Barcellona, Bruxelles, Budapest, Colonia, Londra, Madrid, Melbourne, Milano, Monaco di Baviera, Montreal, Parigi, Roma, Sydney, Vienna e Zurigo.

All’interno della Ricerca Google si sta espandendo inoltre una funzione che aiuta a trovare informazioni sui percorsi dei treni a lunga percorrenza e su quelli degli autobus. Sarà sufficiente cercare qualcosa come “treno da Boston a Filadelfia” per visualizzare in un attimo gli orari e i prezzi dei biglietti direttamente nella pagina dei risultati, insieme a eventuali link per completare l’acquisto o la prenotazione. Questa novità viene data come disponibile per i treni di 38 Paesi e per gli autobus di 15 Paesi, tra i quali proprio l’Italia.

Più precisamente, questi i Paesi coinvolti:

  • per i treni: Australia, Austria, Bangladesh, Bielorussia, Belgio, Canada, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Indonesia, Irlanda, Italia, Kazakhstan, Lussemburgo, Malesia, Nuova Zelanda, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Slovacchia, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan, Thailandia, Turchia, Ucraina, Ungheria e Stati Uniti;
  • per gli autobus: Brasile, Canada, Cile, Francia, Germania, Giappone, Irlanda, Italia, Messico, Polonia, Regno Unito, Spagna, Svezia, Ucraina e Stati Uniti.

Per alcune destinazioni potrebbe non essere chiaro se il treno sia effettivamente una buona alternativa all’aereo, e proprio per questo lo scorso anno Google ha iniziato a offrire suggerimenti sui percorsi ferroviari durante la ricerca di voli. Nei prossimi mesi, sarà possibile visualizzare questi suggerimenti anche utilizzando Google Voli, in modo da rendere ancora più semplice valutare l’opzione più sostenibile.

A proposito di sostenibilità, il volo potrebbe essere il modo più pratico per spostarsi da una destinazione all’altra, ma l’impatto ambientale potrebbe variare notevolmente in base al volo scelto. Proprio per questo, Google Voli offre già la possibilità di visualizzare le emissioni stimate per quasi tutti i voli direttamente nei risultati di ricerca; per rendere queste informazioni ancora più accessibili, la casa di Mountain View rende disponibili le stime del Travel Impact Model anche tramite un’API per sviluppatori, grazie alla quale qualsiasi app o sito web può visualizzare le emissioni.

Novità in arrivo per i possessori di auto elettriche

Le novità di Google Maps e Ricerca Google non sono finite qui, perché giusto in tempo per l’arrivo della Giornata della Terra in quel di Mountain View annunciano novità per rendere più semplice trovare informazioni sulle stazioni di ricarica per veicoli elettrici, sia durante la pianificazione sia a viaggio in corso.

Navigare verso una stazione di ricarica e trovare esattamente il posto dove poter fare “rifornimento” può a volte essere complicato, soprattutto se le colonnine risultano in un’apposita sezione di un parcheggio multipiano. Nei prossimi mesi Google Maps inizierà a mostrare riepiloghi basati sull’intelligenza artificiale che descrivono la posizione specifica della colonnina sulla base delle informazioni ricavate dalle recensioni degli altri utenti. Per aiutare in questo, le recensioni sulle stazioni di ricarica ora richiedono ulteriori dettagli sull’esperienza di utilizzo, come il tipo di presa utilizzata e quanto tempo è durata l’eventuale attesa.

Gli sviluppatori di Google stanno inoltre pensando ad altri modi per fornire informazioni utili ai possessori di auto elettriche. Presto sarà possibile visualizzare le colonnine di ricarica nelle vicinanze direttamente dalla schermata di navigazione, con tanto di indicazioni sulla disponibilità in tempo reale e sulla velocità di ricarica: utile per scovarle a colpo d’occhio nel caso in cui il livello della batteria dovesse non essere sufficiente per completare il percorso. Questa novità arriverà su Google Maps nei prossimi mesi a livello globale a partire dai veicoli con Google integrato.

In più, Google Maps vuole aiutare ad affrontare più facilmente i viaggi che potrebbero risultare complicati. Lo scorso anno Big G ha annunciato i suggerimenti delle migliori postazioni per la ricarica per i veicoli con Google integrato, e questa funzionalità si sta espandendo ai viaggi con più fermate. Nel caso di pianificazione di un viaggio con più soste, Google Maps sarà in grado di suggerire le migliori soste per ricaricare la batteria dell’auto elettrica lungo il percorso, basandosi sul livello di autonomia. Tutto ciò sarà disponibile nei prossimi mesi.

Infine, Google ha annunciato di aver integrato un nuovo filtro in Google Viaggi: i possessori di un’auto elettrica saranno felici di poter visualizzare fin da subito quali hotel offrono la ricarica con il filtro “Caricabatterie EV“.

Google Maps si prepara alle funzionalità di connettività satellitare

In questi giorni stanno tenendo banco le notizie riguardanti l’arrivo della connettività satellitare, tra le indiscrezioni su Google Pixel 9 e l’interfaccia attesa su Android. Ebbene, come segnalato da AssembleDebug e pubblicato da PiunikaWeb, abbiamo ulteriori indizi sulle funzionalità di connettività satellitare all’interno di Google Maps.

A partire dalla versione 11.125 beta dell’applicazione, sono presenti alcune stringhe di codice che indicano che gli utenti potranno aggiornare la propria posizione su Maps ogni 15 minuti direttamente via satellite (fino a cinque volte al giorno). Questa novità potrebbe rivelarsi particolarmente utile soprattutto nei casi di emergenza con assenza di connettività cellulare, e sarà accessibile soltanto sui dispositivi compatibili.

  • <string name=”CONNECT_TO_SATELLITE_EXPLAINER_DIALOG_TITLE”>Connect to satellite</string>
  • <string name=”CONNECT_TO_SATELLITE_EXPLAINER_DIALOG_BUTTON”>Connect to satellite</string>
  • <string name=”CONNECT_TO_SATELLITE_EXPLAINER_DIALOG_BODY”>You can update your location once every 15 minutes, up to five times a day.</string>

Probabile che Google voglia che sia tutto pronto per il lancio dei Google Pixel 9, attesi per il prossimo autunno. Siamo sicuri che torneremo presto sull’argomento.