Continuiamo a seguire con interesse le anticipazioni relative a Google Pixel 7a, nuovo smartphone di fascia media che il colosso di Mountain View presenterà ufficialmente la prossima settimana ma del quale, oramai, praticamente conosciamo tutto o quasi.

L’ultimo contributo dedicato a chi attende con impazienza il nuovo smartphone di Google arriva dallo staff di Munchy, che ha pubblicato su YouTube un interessante confronto tra la fotocamera di tale device e quella del suo fratello maggiore, ossia Google Pixel 7, che negli ultimi mesi si è fatta apprezzare per le sue potenzialità.

A confronto le fotocamere di Google Pixel 7a e Pixel 7

Gli smartphone di Google hanno per tradizione il comparto fotografico tra i loro principali punti di forza e chi ha già deciso di acquistare Google Pixel 7a probabilmente si attende che tale regola verrà confermata anche per il nuovo modello di fascia media dell’azienda statunitense.

Rispetto alla fotocamera primaria da 12.2 megapixel di Google Pixel 6a, quella di Google Pixel 7a potrà contare su un sensore Sony da 64 megapixel e il seguente video ci permette di vederla a confronto con quella di Google Pixel 7 (che vanta un sensore Samsung GN1 da 50 megapixel):

Ovviamente ancora è presto per dare dei giudizi ma il nuovo smartphone di fascia media del colosso di Mountain View sembra avere tutte le carte in regola per fare bella figura anche in ambito fotografico.

Ricordiamo che, stando a quanto è emerso sino a questo momento, tra le altre principali caratteristiche di Google Pixel 7a dovremmo trovare un processore Google Tensor G2 (con GPU Mali-G710), un display OLED da 6,1 pollici con risoluzione Full HD+ (2.400 x 1.080 pixel) e refresh rate a 90 Hz, 8 GB di RAM (LPDDR5), 128 GB o 256 GB di memoria di archiviazione (con tecnologia UFS 3.1), due altoparlanti stereo, il supporto Dual SIM, la connettività 5G e Android 13 (ovviamente in attesa del rilascio dell’aggiornamento che porterà Android 14).

Appuntamento a mercoledì 10 maggio, ore 19, per la presentazione ufficiale.

Potrebbe interessarti anche: ecco cosa possiamo aspettarci al Google I/O 2023