KingRoot, l’app che promette il root per tutti, si aggiorna alla versione 4.0

KingRoot, l’app che promette il root per tutti, si aggiorna alla versione 4.0
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/05\/root-e1431336985153.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/05\/root-e1431336985153-460x288.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/05\/root-620x350.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/05\/root-e1431336985153.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/05\/root-e1431336985153.jpg"}, "title": "KingRoot, l’app che promette il root per tutti, si aggiorna alla versione 4.0" }

Lo sblocco dei permessi di root per uno smartphone Android può essere un’operazione complessa oppure molto semplice, conoscendo gli strumenti più adatti. Tra in tanti toolkit presenti in rete troviamo anche KingRoot, recentemente aggiornato alla versione 4.0 che garantisce la compatibilità con qualsiasi smartphone dotato di Android 4.2.2 o superiore.

L’applicazione può essere scaricata gratuitamente e promette di eseguire il root del vostro terminale con un solo click, anche per quei terminali particolarmente ostici come Galaxy Note 4 di AT&T e Verizon. La segnalazione arriva da un utente Reddit che sottolinea come si tratti di una applicazione sviluppata in Cina e per la quale non è disponibile il codice sorgente.

Per questo molti commenti sollevano dubbi sulla sicurezza dell’applicazione, non tanto per i problemi arrecati allo smartphone, che non dovrebbe subire alcun danno, quanto piuttosto per l’elevata possibilità che dati personali vengano inviati presso anonimi server cinesi. Inoltre molti commenti segnalano che l’applicazione non riesce ad abilitare i permessi di root sui qualsiasi dispositivo, come invece lascia intendere il titolo della discussione.

Come sempre in questi casi vanno usati buon senso e prudenza, nel caso abbiate dubbi meglio lasciar perdere e rivolgersi a metodi più tradizionali e di comprovata origine. Se volete comunque dare un’occhiata all’applicazione potete scaricare il file APK a questo indirizzo.

Via