Huawei pronta a superare Samsung e Apple entro cinque anni

Huawei pronta a superare Samsung e Apple entro cinque anni
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/02\/RichardYU-e1456097724832-460x259.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/02\/RichardYU-e1456097724832-635x357.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/02\/RichardYU-e1456097724832.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/02\/RichardYU-e1456097724832.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/02\/RichardYU-e1456097724832.jpg"}, "title": "Huawei pronta a superare Samsung e Apple entro cinque anni" }


Mr. Yu Chengdong, meglio noto come Richard Yu, è l’eclettico CEO di Huawei famoso per alcune “boutade” che hanno suscitato a volte alcune polemiche. Già lo scorso anno Richad Yu aveva affermato che Huawei vuole a tutti i costi la leadership tra i produttori di smartphone e nel corso dell’evento svoltosi ieri al MWC 2016 a Barcellona lo ha ribadito una volta di più. A chi continua a non prendere sul serio queste affermazioni Richard Yu risponde con una semplice constatazione:

“Quattro anni fa nessuno sapeva chi fossimo. Neppure in Cina.”

La compagnia è infatti riuscita ad arrivare nell’Olimpo dei produttori in pochi anni e sembra avere tutte le carte in regola per puntare seriamente al vertice, anche se la strada è sempre più difficile a certe quote. Non mancano infatti le continue sfide lanciate dai competitor, a suon di novità, prezzi ribassati e tecnologie sempre più all’avanguardia.

Il mercato sta rallentando ai ritmi del 2008 a causa di una saturazione di mercati come quello cinese ma secondo Richard Yu c’è ancora spazio per la crescita. Quello che ancora manca a Huawei non sono certamente i prodotti, ormai di ottima qualità come testimoniano i recentissimi Huawei Mate 8 e Huawei Nexus 6P, né tanto meno i mezzi finanziari, viste le dimensioni della struttura alle spalle della divisione mobile.

Richard Yu riconosce che il problema principale è la scarsa riconoscibilità del marchio, soprattutto nel mercato nord americano dove il colosso cinese è da poco sbarcato ufficialmente. Se riuscirà a superare questo ostacolo, Huawei conta di diventare il secondo produttore mondiale già nel 2019 e subito dopo, nel 2021, si aspetta di scalzare l’attuale leader incontrastato, ovvero Samsung.

Ancora una volta quindi Richad Yu conferma che Huawei punta senza mezzi termini in alto, ma d’altronde senza degli obiettivi ambiziosi non si arriva da nessuna parte. Secondo voi Huawei ce la farà a raggiungere il suo scopo o dovrà arrendersi all’evidenza di doversi scontrare con due marchi molto più famosi? Basteranno una serie di azzeccati prodotti per conquistare quella fama che ancora manca? Aspettiamo le vostre impressioni nel box dei commenti.

Via

Condividimi!