Un studio di ben 2 anni condotto sui ratti ha rivelato una correlazione tra le radiazioni dei telefoni cellulari e i tumori.

Lo studio ha evidenziato due tipi di tumori nei ratti di sesso maschile esposti alle radiazioni:¬†gliomi nelle cellule gliali del cervello e¬†neurinomi nel cuore. Sorprendentemente, i ratti di sesso femminile non¬†hanno avuto le stesse conseguenze, l’unico (e quasi insignificante) problema ha riguardato i ratti appena nati che erano leggermente sottopeso.

Costato ben 25 milioni di dollari,¬†si tratta di uno degli studi su larga scala pi√Ļ importanti che siano mai stati fatti. Condotto in un laboratorio sotterraneo, sono state impiegate 21 radio-frequenze e 2500 fra ratti e topi. Per lo studio sono stati utilizzati¬†i segnali GSM e CDMA, i ratti sono stati esposti alle frequenze nel raggio dei 900 MHz, mentre i topi¬†a quelle da 1900 MHz. In parole povere, si tratta delle comunissime frequenze utilizzate dagli operatori telefonici statunitensi come Verizone e AT&T. L’esposizione ai segnali √® avvenuta¬†per un totale di 9 ore al giorno per ben 2 anni.

Anche se lo studio ha riguardato ratti e topi, il¬†National Health Institute (l’ente che ha condotto lo studio) ha dichiarato: “√ą importante notare che gli studi su larga scala precedenti hanno evidenziato¬†una limitata evidenza dell’incremento del rischio tumorale dovuto ai telefoni cellulari¬†anche per quanto riguarda gli esseri umani.”

Anche se lo studio √® stato condotto su ratti e topi, secondo gli scienziati che si sono occupati dell’esperimento √® bene non sottovalutare il rischio. Tuttavia, per il governo statunitense non ci sono ancora abbastanza dati scientifici per dichiarare che le¬†radiazioni dei telefoni cellulari possano essere dannose anche per¬†gli esseri umani. Ad appoggiare la tesi del governo c’√® un¬†recente studio condotto sul suolo australiano¬†che¬†ha scongiurato la correlazione tra tumori e cellulari, tuttavia, quest’ultimo √® uno studio statistico, pertanto non garantisce alcuna certezza.

Anche se non c’√® ancora alcuno studio ufficiale sugli effetti delle radiazioni dei cellulari¬†sugli esseri umani,¬†nell’incertezza, il consiglio √® di adottare le giuste precauzioni.

Via