Carl Pei fa parziale marcia indietro sulla privacy di OnePlus e OxygenOS

Ha sollevato un polverone la recente notizia secondo cui OnePlus ha memorizzato dati sensibili all’insaputa dei propri utenti. Una prima dichiarazione chiarificatrice da parte della società è tempestivamente arrivata a noi (e la potete leggere all’interno dell’articolo dedicato), ma in queste ore i concetti sono stati ribaditi e argomentati ulteriormente sul forum dell’azienda per mano del cofondatore Carl Pei.

La “linea difensiva” di OnePlus è piuttosto chiara: viene demandata all’utente la facoltà di condividere o bloccare il flusso di determinate informazioni sui server dell’azienda, tramite la voce Iscriviti allo User Experience Program presente nel menù Impostazioni – Avanzate. Carl Pei tiene a specificare come in nessun caso siano stati ceduti dati a soggetti esterni alla vicenda.

D’altro canto è innegabile come non venga indicato cosa comporti l’adesione al programma, quindi l’utente è costretto ad una scelta “al buio”. Pei a tal proposito ha affermato che è intenzione di OnePlus invertire la rotta entro fine mese, fornendo agli utenti delle informazioni meglio esaustive in modo da prendere la scelta più giusta e consapevole possibile.

Inoltre – conclude – vorremmo precisare che non raccoglieremo più numeri di telefono, indirizzi MAC e informazioni sulle reti Wi-Fi.

Vai a: Ecco un render di OnePlus 5T che può far vacillare i più scettici

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Walter

    Che arrampicata sugli specchi vergognosa… “Non lo faremo più”, quindi ammette, ma non spiega perché lo abbiano fatto finora. E non inventasse cazzate, nessuno di quei dati ha una pertinenza con alcun programma di miglioramento della user experience, men che mai se li prelevano senza una autorizzazione espressa ed esplicita.

    Premesso che ho sempre tenuto l’opzione disabilitata, mi ha sempre lasciato basito il fatto che si potesse “accendere” il toggle senza prima sapere che dati avrebbe trasmesso, dubito fortemente che mi fiderò più di Oneplus in futuro.

    Ormai il 3T ce l’ho, il prossimo device sarà di un’altra marca. Per principio, non perché io mi illuda che gli altri siano meno zozzoni di così.

Top