Electronics Hub ha condotto uno studio esaminando su iFixit le guide alla riparazione per oltre 200 diversi modelli di smartphone. L’azienda ha analizzato il tempo medio di riparazione, il livello di difficoltà e il numero di passaggi necessari per riparare uno smartphone e ha stilato una classifica dal più ostico al più facile da riparare.

Google Pixel 7 è poco riparabile, al contrario di Motorola Moto G7

In base allo studio è risultato che Google Pixel 7 è lo smartphone più difficile da riparare, mentre Motorola Moto G7 è il più semplice da rimettere in sesto.

L’ultimo smartphone di Google richiede in media 60,3 minuti per essere riparato, mentre Moto G7 può essere riparato mediamente in soli 25 minuti.

Smartphone più difficili da riparare

L’analisi di Electronics Hub ha evidenziato che i modelli Apple sono generalmente più facili da riparare tramite il fai da te, gli smartphone ASUS sono i più facili da riparare in generale, mentre quelli di Sony sono i più difficili da sistemare.

La società ha anche scoperto che Samsung Galaxy Note 10, iPhone SE (terza generazione), Redmi Note 7, Xiaomi Mi 9 e Huawei P30 Pro sono piuttosto difficili da riparare, poiché richiedono mediamente più di 50 minuti per essere messi a posto.

Motorola Moto G7 è seguito da Samsung Galaxy A40, Galaxy S22 Ultra, iPhone 11 Pro Max, iPhone 13, POCO M3 e OnePlus Nord 2 5G.

Smartphone più facili da riparare

Da non perdere: Migliori smartphone Android, la classifica di Maggio 2023