Kevin Lee, ex designer Samsung, spiega alcune scelte estetiche per i dispositivi dell’azienda

Chi di voi non ricorda la cover posteriore a mo’ di cerotto del Samsung Galaxy S5? Questa non è l’unica scelta di design su cui più di qualche utente avrebbe avuto da ridire nei confronti dell’azienda coreana. Kevin Lee, ex designer Samsung, è stato intervistato da Fast Company per spiegare le motivazioni che talvolta spingono a prendere queste decisioni davvero discutibili.

Il designer ci ha tenuto a spiegare che le differenze culturali che intercorrono tra le grandi aziende americane (tra cui Apple, Google, Motorola e così via) e quelle orientali sono uno tra i fattori chiave di queste scelte. Mentre nel primo caso le scelte sono affidate a professionisti che, mediante numerose ed approfondite ricerche di mercato si occupano di rendere il design del dispositivo quanto più gradevole possibile, nel caso di Samsung i designer sono spesso costretti a presentare un’idea che rispecchi il più possibile le preferenze dei committenti, venendo talvolta ignorati nel caso in cui si impuntino sulla loro idea.

Certo è, racconta ancora Lee, che in certi casi i professionisti del settore, non essendo sempre esperti in ambito tecnologico, presentano dei concept assurdi, impossibili da realizzare con le risorse di cui siamo dotati al giorno d’oggi. E’ il caso di smartphone ultrasottili al limite dell’impossibile, di materiali costosi o di difficile reperibilità, di forme curiose magari accattivanti ma che complicherebbero la produzione e ne aumenterebbero esponenzialmente i tempi.

La colpa quindi, secondo Lee, è di entrambe le figure, quelle dei committenti che non amano che le proprie idee vengano sostituite, e quelle dei designer che spesso non sono in grado di riconoscere il sottile limite tra ciò che è possibile realizzare e ciò che al momento non si può ancora fare. E poi, come al solito, i dispositivi salgono sugli scaffali dei nostri negozi e vengono criticati in malo modo. Ed a Samsung, dopo l’amaro colpo, non resta che… incerottarsi!

Noi dal canto nostro non possiamo che sperare che in futuro queste scelte siano prese da persone quantomeno dotate di un gusto un po’ più collettivo , e non proprio personale.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Marco Santangeli

    Secondo me il retro a cerotto non è tanto male, è il bordo del telefono che è veramente brutto. Il galaxy alpha ha il retro stile cerotto ma i bordi metallici molto belli, forse è il samsung android più bello mai fatto.

    • l’incerottamento del retro di galaxy alpha è molto più elegante che sull’s5

      • Marco Santangeli

        Esatto, merito della cornice, di una minor bombatura e del disegno a cerotto più piccolo IMHO
        http://tinyurl.com/md5cuxo

  • Bio’

    Da S4 ad S5 ci si aspettava l’evoluzione? no, la rivoluzione di stile ma ciò non è accaduto, tra l’altro non si sono impegnati a creare un dispositivo con design nuovo, hanno utilizzato sempre la plastica dando quell’effetto vecchio di 5 anni fa. Hanno fatto bene comunque, usando quel retro cerottato, si ottiene un ottimo grip ed in mano il peso è irrisorio. Da possessore di m8 credo che i device in policarbonato si, danno quell’effetto di giocattolo, però rimangono leggeri e se ti cadono per terra non si ammaccano e non si è costretti a fare il preventivo al carrozziere.. Tanto l’estetica dopo un po passa di grado, quello che interessa realmente è l’ergonomia, la facilità d’uso in più situazioni..
    Comunque l’s6 sarà in metallo, ben venga, sicuramente avrà dimensioni ridotte, almeno sarà a pari peso con s5..

  • Luca.Tiano.

    Non mi è molto chiaro il concetto di committente espresso dal Lee. Sia Apple che Samsung produconk telefoni per la distribuzione di massa. In questo modo, l’unico committente (indiretto) dovrebbe essere il consumatore finale. Possibile che in Samsung chiamino un designer dicendogli di realizzare uno smartphone con determinate caratteristiche estetiche senza tener conto se quest’ultime possano piacere o meno agli utenti?!? LG è coreana come Samsung però realizza smartphone esteticamente più belli di Samsung (fino al 2014).

  • Pingback: Kevin Lee, ex designer Samsung, spiega alcune scelte estetiche per i dispositivi dell’azienda - RSS News.it()

  • Andrea M.

    diciamo che gli asiatici in generale hanno un concetto estetico completamente diverso da quello occidentale. In più aggiungiamo l’organizzazione delle aziende di tipo medievale, con re, vassalli e servi, ognuno con il suo orticello e il gioco è fatto.

    • Fede

      Infatti il Toyotismo fu uno dei primi metodi alternativi al Fordismo, che implicava specializzazioni approfondite ma molto limitate, creando una specializzazione più vasta, intercambiabilità e valorizzazione del lavoratore non come semplice macchina.
      Il vero feudo è l’azienda europea, vedi storia Microsoft che bocciò gli ebook e un simil Facebook perchè i vertici anziani non li comprendevano a pieno…

    • Sgnapy

      Soprattutto i giapponesi hanno sempre curato l’estetica dei prodotti, pensa solo ai componenti hi-fi.

Top