Google 1 – Toyota 0, ma a vincere sono gli automobilisti: Android Auto “parla” giapponese

Google 1 – Toyota 0, ma a vincere sono gli automobilisti: Android Auto “parla” giapponese
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/05\/android_auto_logo_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/05\/android_auto_logo_tta-460x345.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/05\/android_auto_logo_tta-533x400.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/05\/android_auto_logo_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/05\/android_auto_logo_tta.jpg"}, "title": "Google 1 – Toyota 0, ma a vincere sono gli automobilisti: Android Auto “parla” giapponese" }

Alla fine Android Auto ha vinto la “battaglia” contro Toyota, per la gioia dei più fedeli allo storico brand giapponese a cui finora era stata negata la possibilità di gestire il proprio smartphone con la sicurezza e la comodità di un’integrazione piena a bordo.

Con un annuncio al Chicago Auto Show, Toyota ha ufficializzato una mossa che era nell’aria, aprendo ad Android Auto le portiere delle proprie vetture, per molte delle quali comunque servirà qualche mese di attesa. Con una bella sorpresa dal nome Aygo, la più piccola nonché la meno costosa dei modelli in gamma, che lo riceverà da subito. Ecco l’elenco ufficiale:

  • 4Runner dal Model Year 2020
  • Aygo dal MY 2018
  • Sequoia dal MY 2020
  • Tacoma dal MY 2020
  • Tundra dal MY 2020
  • Yaris dal MY 2019

Di fatto, i modelli di nostro interesse sono solo due (Aygo e Yaris) e per nostra fortuna sono proprio quelli che riceveranno per primi Android Auto, dal momento che gli altri in elenco non vengono importati ufficialmente nel nostro Paese.

Ancora non sappiamo se farà parte della dotazione di serie, né se sarà possibile averlo in una vettura acquistata di recente tramite un aggiornamento dell’infotainment ad opera della rete di assistenza Toyota. Vi terremo aggiornati.

Fonte: 9to5google