Maria the Witch: un gioco italiano che ricorda Retry di casa Rovio

Maria the Witch

Le software house italiane si stanno dando da fare per raggiungere le famose case sviluppatrici straniere. Solitamente sentiamo parlare di nomi come Rovio, Bulkypix, ma anche le società del Paese iniziano a farsi sentire. Proprio recentemente vi abbiamo parlato di Coward Knight, uno stealth game molto divertente e ben fatto, ma recentemente sul Play Store è arrivato un nuovo titolo lanciato da Naps Team: Maria the Witch. La casa sviluppatrice ha già avuto modo di farsi conoscere grazie al colorato POP ISLANDS.

Gameplay

Questo nuovo titolo, firmato da italiani, si inserisce nell’elenco dei giochi che non hanno bisogno di essere particolarmente elaborati e complessi per riuscire ad ottenere successo. Stiamo parlando di game come il famoso Flappy Bird o come il nuovo, ma ancora non arrivato sul Play Store, Retry firmato dalla famosa Rovio. Maria the Witch somiglia moltissimo a quest’ultimo gioco lanciato dagli ideatori di Angry Birds, ma la grafica ed altre caratteristiche rendono il titolo differente dal game già esistente.

Maria the Witch-1

Ci troviamo dinnanzi ad un nuovo gioco che potrà essere gestito a suon di tap, proprio come gli altri appena citati. La protagonista è una piccola streghetta, ancora dilettante, che si troverà alle prese con i buffi personaggi Zaki e Mia che ruberanno tutte le sue preziose lettere. Lo scopo sarà quello di recuperare tutte le buste contenenti le comunicazioni ed imbucarle nelle cassette della posta per spedirle.

La giovane maga, a cavallo della sua scopa, dovrà esplorare mondi fantastici, recuperare monete, acquistare edifici (per sbloccare checkpoint), evitare nemici, aggirare trappole e molto altro: tutto per salvare le lettere e terminare l’avventura. Il game over scatterà non appena la goffa strega andrà a sbattere contro ostacoli, nubi, antagonisti e molto altro.  Al momento il gioco include cinque mondi differenti.

Presenti anche dei power-up, sbloccabili a pagamento, come lo scrigno per evitare la perdita di elementi, la bussola che individua facilmente lettere ed il magnete che attrae oggetti lontani.

Maria the Witch-3

Il sistema di controllo, come abbiamo già detto, riprende quello del titolo lanciato da Rovio: il giocatore dovrà comandare la streghetta con dei tap: singoli tap per andare avanti/indietro e lunghi tocchi per ruotare l’andamento della protagonista.

Grafica e suoni

Non solo un gioco divertente che include personaggi simpatici e originali, ma Maria the Witch sfoggia una grafica curata che, addirittura, potrebbe ricordare quella dei film del celebre Studio Ghibli! I vari mondi vi permetteranno di ammirare nuove ambientazioni, colorate e sempre differenti. Presente anche una divertente musica di accompagnamento.

Conclusione

Dopo POP ISLANDS, la casa sviluppatrice italiana ricerca di conquistare gli utenti Android con il nuovo titolo Maria the Witch che risulta più che meritevole. Abbiamo subito evidenziato la somiglianza con il gioco  Retry , quindi se avete apprezzato il titolo Rovio o se semplicemente desiderate provare questo nuovo game, il download gratuito è consigliato. Qui sotto trovate il badge ed il video di presentazione del gioco.

[pb-app-box pname=’com.naps.witch’ name=’Maria the Witch’ theme=’discover’ lang=’it’]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Walter

    Ruba a mani basse dalle opere di Hayao Miyazaki e dello studio Ghibli.. persino il logo dello sviluppatore scimmiotta in parte il Totoro del loro logo…

    • È la prima cosa che è venuta in mente anche a me, ma in mancanza di videogiochi per mobile firmati Studio Ghibli di certo non mi lamento se lo stile grafico mi ricorda le opere di Miyazaki. Anzi, è un bene. :P

      • Walter

        Basterebbe citarli, quanto meno per correttezza.

        • Matteo

          se guardi bene, il vecchietto in spalla a quella specie di ercolino sempre in piedi dal muso felino è Hayao Miyazaki in persona. Inoltre, se inverti l’ordine dei nomi due antagonisti, ottieni proprio Mia/Zaki.

Top