Xiaomi Redmi Note 5 Pro, la variante indiana dello smartphone commercializzato in Cina con il nome di Xiaomi Redmi Note 5 (anche se quest’ultimo dispone di un software più aggiornato e alcune differenze nel comparto fotografico), riceve un porting non ufficiale di LineageOS 15.1 che secondo quanto riportato non ha alcun problema.

A breve dovrebbe essere rilasciato da Xiaomi l’aggiornamento ad Android 8.1 Oreo, già disponibile invece per Xiaomi Redmi Note 5 (del quale potete vedere la nostra recensione), che porterà la compatibilità con Project Treble e permetterà l’installazione di ROM generiche, opportunità molto interessante per gli utenti che non apprezzano il firmware MIUI.

Potete trovare i link per scaricare la ROM e le relative Google Apps visitando questo indirizzo e seguendo le semplici istruzioni riportate.

Nel frattempo il noto sviluppatore Francisco Franco ha rilasciato due kernel per Xiaomi Mi A1, del quale Xiaomi ha rilasciato i sorgenti qualche mese fa. Il primo kernel è utilizzabile con il firmware stock, basato su Android 8.0 Oreo, mentre il secondo è utilizzabile da chi ha installato una custom ROM basata su Android 8.1 Oreo.

Il kernel può essere installato manualmente o utilizzando l’apposita applicazione realizzata da Francisco Franco, disponibile a 3,49 euro sul Play Store attraverso il badge che trovate a fine articolo. I nuovi kernel promettono un’autonomia superiore a quello originale, con consumi in stand-by ridotti ai minimi termini. per maggiori informazioni potete consultare questo thread su XDA che conterrà i dettagli sugli aggiornamenti che saranno rilasciati in futuro.

Android app sul Google Play